Urban Air Port Air One

Urban Air Port Air One è una pazzesca stazione per taxi volanti in UK

Hyundai partecipa al progetto.

1 febbraio 2021 - 9:00

Il Regno Unito guarda al futuro con Urban Air Port Air One, il primo hub pienamente operativo al mondo per i futuri aerei elettrici a decollo e atterraggio verticale (electric Vertical Take-Off and Landing – eVTOL) come aerotaxi e droni autonomi per le consegne. La NASA prevede che soltanto negli Stati Uniti la mobilità aerea urbana potrebbe arrivare a valere fino a 500 miliardi di dollari nel breve periodo, sottolineando che un significativo ostacolo alla crescita del mercato è rappresentato dalla carenza di infrastrutture.

La divisione Urban Air Mobility di Hyundai Motor Group che avevamo visto in azione al CES 2020 ha selezionato Urban Air Port Air One come proprio partner principale per l’infrastruttura, allo scopo di sostenere la crescita globale di questo nuovo settore. Hyundai Motor Group prevede infatti di creare il proprio aeromobile eVTOL e di contribuire al più ampio ecosistema della mobilità aerea urbana. Il sostegno allo sviluppo di Air One rientra nei piani del Gruppo per la commercializzazione dei suoi velivoli entro il 2028.

Sappiamo che le auto hanno bisogno di strade, i treni delle rotaie, gli aerei degli aeroporti, mentre ai velivoli eVTOL serviranno gli Urban Air Port. Oltre cento anni fa è decollato il primo volo commerciale al mondo, dando origine al mondo connesso di oggi. Air One renderà il trasporto aereo urbano pulito e accessibile alla gente introducendo un nuovo mondo di mobilità aerea a zero emissioni.

L’ingombro fisico di Urban Air Port Air One è inferiore del 60% rispetto a un tradizionale eliporto. I siti possono essere installati in pochi giorni e si caratterizzano per la neutralità carbonica. Possono anche essere operati come impianti stand-alone, ovvero non devono sempre dipendere da una connessione a un’infrastruttura adeguata.

Urban Air Port Air One offre un approccio integrato alla decarbonizzazione delle città: è progettato per supportare qualsiasi velivolo eVTOL ed è complementare alle altre modalità di trasporto sostenibile, in qualità di centro per veicoli elettici, autobus elettrici e scooter a batteria o altri veicoli. Il design modulare consente agli Urban Air Ports di essere facilmente smontati e trasportati in siti alternativi, man mano che il settore della mobilità aerea si sviluppa. Il loro design rende questi siti ideali anche per la gestione delle situazioni di emergenza: gli Urban Air Port possono mobilitare rapidamente droni e altri mezzi eVTOL per raccogliere e trasportare scorte d’emergenza, attrezzature e persone ove necessario.

L’azienda ha in programma di sviluppare oltre 200 siti nel corso dei prossimi cinque anni, per soddisfare la domanda globale. Il primo sito verrà installato a Coventry, nel Regno Unito. La posizione della città consente uno spostamento entro quattro ore verso la maggior parte del Paese.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

auto più vendute

Le 50 auto più vendute in Italia nel 2021

Jeremy Clarkson

Ecco perché Jeremy Clarkson non comprerà un’auto elettrica

pugachev cobra

Il Cobra di Pugachev è la manovra più folle nell’aviazione militare