Contro la carenza di litio le case automobilistiche devono investire nelle miniere

Gianluca Pezzi
04/10/2022

Contro la carenza di litio le case automobilistiche devono investire nelle miniere

Un importante produttore di litio in Australia, primo fornitore mondiale, sta esortando i produttori di auto elettriche e di batterie a diventare partner, sostenendo che il loro diretto sostegno finanziario è fondamentale per evitare carenze di questo materiale cruciale per la transizione verso l’energia pulita.

Pilbara Minerals Ltd sta sfruttando l’attuale corsa delle case automobilistiche per assicurarsi le future forniture di materiali per batterie, cercando nuovi accordi con i clienti per sviluppare congiuntamente raffinerie. Se si guarda alle prospettive di domanda e offerta, ci sarà una carenza e le aziende che non hanno assicurato la catena di approvvigionamento avranno un problema.

Secondo BloombergNEF, la domanda di litio dovrebbe quasi triplicare entro la metà del decennio rispetto ai livelli dello scorso anno. I prezzi hanno toccato un nuovo record in Cina il mese scorso grazie all’aumento dei consumi, con case automobilistiche come BMW e General Motors tra le aziende che hanno aggiunto nuovi accordi di fornitura nelle ultime settimane.

In precedenza le aziende estrattrici di litio si erano affrettate a stringere accordi con i produttori di batterie e case automobilistiche per dimostrare agli investitori la forza del mercato per il loro prodotto e per contribuire a garantire i finanziamenti per i nuovi progetti. Ora che gli analisti prevedono che i prezzi rimarranno elevati dopo essere più che raddoppiati quest’anno i produttori sono in una posizione più forte per chiedere accordi migliori.

Tagliando fuori le aziende intermedie, puntano infatti ad incassare maggiormente e direttamente dalle case automobilistiche, che a loro volta hanno tutto il vantaggio nell’accordo diretto. Vedremo quindi a breve le case investire nel litio e negli altri minerali necessari per la produzione di batterie?

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram