Renault Suite N4

Renault Suite N°4: la concept car firmata dal designer Mathieu Lehanneur

Suite N°4 è una concept-car ispirata all’idea di una suite d’albergo mobile.

24 ottobre 2021 - 17:00

Renault Suite N°4: il 2021 è l’anno del 60° anniversario di un’icona della Marca, la Renault 4L. Un’auto che è una vera e propria success story. Per celebrarla, Renault ha scelto di collaborare con il designer Mathieu Lehanneur per reinventare questo veicolo.

Il risultato della collaborazione tra il team Colori e Materiali di Renault Design e Mathieu Lehanneur è Suite N°4, una concept-car che rappresenta l’esperienza sognata dal designer nel settore auto, una Renault da vivere all’interno e all’esterno.

La visione di Mathieu Lehanneur è influenzata da due mondi paralleli: quello dell’automobile e dell’architettura. Renault Suite N°4 è un’auto spontanea e un omaggio alla 4L, di cui mantiene lo spirito, puro, sobrio e semplice, privilegiando l’efficienza e la spontaneità.

“Suite N°4 ci apre la strada ad una mobilità che vuole farci vivere nuove esperienze. Ho voluto creare un ibrido tra il mondo dell’automobile e quello dell’architettura realizzando una camera d’albergo all’aria aperta. Meglio di una suite nel più bel palazzo, si trova esattamente dove volete che sia: davanti al mare, in mezzo ai campi o in movimento nella città dei vostri sogni” ha affermato il designer Mathieu Lehanneur.

Renault Suite N°4: caratteristiche

Suite N°4 ha le stesse proporzioni e linee esterne del modello iconico, ma si trasforma. La carrozzeria posteriore e il portellone sono sostituiti da una vetrata in policarbonato che rende il veicolo luminoso come l’atelier di un artista. Sul tetto è installata una griglia di pannelli solari che lascia passare i raggi del sole in trasparenza e, al tempo stesso, contribuisce a ricaricare la batteria del veicolo, che ora è 100% elettrico e retrofittato.

Sul frontale, ritroviamo i fari iconici, ma anche le forme e le linee originali. La calandra, invece, è in alluminio lucido, che crea un effetto luminoso argentato e conferisce fluidità e dinamicità al veicolo. Anche la carrozzeria è trattata con tre strati di vernice che le conferiscono il look minerale del cemento, tipico dell’architettura moderna.

All’interno, Mathieu Lehanneur ha deciso di utilizzare un tessuto da arredamento per conferire calore ed energia all’abitacolo del veicolo. I sedili e il cruscotto sono rivestiti di velluto giallo. Invece, lo schienale dei sedili è ricoperto da uno spesso tessuto di ciniglia a coste, per trasmettere un senso di robustezza.

Il bagagliaio, completamente trasformato, è un mix di fibra naturale, posata sul pavimento, e legno, utilizzato per l’elemento estraibile che estende lo spazio interno, può fungere da panca e si ritrova al coperto, una volta aperto il portellone. Come la 4L dei vecchi tempi, tutti i tessuti sono made in France e realizzati da produttori parigini di arredamento alto di gamma.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La classifica delle auto più brutte di sempre, ovvero quando vince il cattivo gusto.

autovelox

Autovelox Lazio: tutte le postazioni dal 6 al 12 Dicembre

Distributori metano autostrada Octavia metano

La classifica delle 10 auto a metano più vendute in Italia nel 2021