R33 BlueDiesel carburante rigenerato: cos’è e come funziona

Il nuovo carburante rigenerato R33 BlueDiesel aiuta a ridurre le emissioni di CO2 delle flotte grazie al grasso esausto da frittura che viene parzialmente convertito in carburante: almeno il 20% in meno di CO2 rispetto al gasolio convenzionale.

10 dicembre 2018 - 10:16

R33 BlueDiesel è un carburante stato sviluppato Volkswagen e dall’Università di Coburgo, che permette di risparmiare almeno il 20% di CO2 rispetto al gasolio convenzionale grazie all’uso di biocarburanti. Da Gennaio 2018 il fornitore è Shell in cooperazione con Tecosol e Neste, che hanno fornito carburanti certificati in conformità agli standard europei. L’R33 BlueDiesel è conforme agli standard DIN EN 590 per il gasolio e rispetta tutti i criteri per l’uso di un carburante standard senza necessità di ulteriori requisiti.

R33 BlueDiesel: cos’è e come si ottiene?

Dalla friggitrice al serbatoio delle automobili. Possibile? Ebbene si, le patatine fritte hanno un ruolo importante nella produzione di materiali grezzi per biocarburanti, poiché i grassi che vengono usati per cucinarle di norma andrebbero smaltiti. I moderni processi permettono invece di utilizzare questi rifiuti in modo intelligente. Il grasso viene filtrato, ripulito e processato in una miscela di paraffina o biodiesel, che viene poi aggiunto al gasolio tradizionale. L’R33 BlueDiesel, per esempio, è realizzato fino al 33% con componente bio proveniente esclusivamente da materiali di scarto. Questo permette di ridurre le emissioni di CO2 rispetto al gasolio convenzionale almeno del 20%. Inoltre, il carburante può essere utilizzato dai motori Diesel senza bisogno di alcuna conversione, poiché rispetta appieno gli standard del gasolio.

A seguito del successo della fase di test, l’R33 BlueDiesel ora viene utilizzato in modo permanente nelle stazioni di rifornimento di Volkswagen a Wolfsburg. Un’altra stazione di prova è stata avviata anche allo stabilimento Volkswagen di Salzgitter. La scorsa estate, hanno cominciato a erogare R33 anche alcuni partner del progetto come Bosh. In futuro, si aggiungeranno altre stazioni.

R33 BlueDiesel: è sicuro?

Si, l’R33 è sicuro perchè già nella prima fase di test, è stato testato da dipendenti di Volkswagen che per nove mesi hanno fatto il pieno ad alcuni veicoli aziendali utilizzando solo R33 BlueDiesel. I risultati sono sempre stati positivi. La risposta all’R33 BlueDiesel è stata incoraggiante per Volkswagen e per gli altri partner. Volkswagen si sta preparando ad un significativo aumento nel medio termine della richiesta di carburanti liquidi prodotti da scarti e di biocarburanti avanzati.

Perchè è interessante l’R33 BlueDiesel

Come già accennato, grazie al processo di riciclo è possibile risparmiare fino al 20% di CO2. C’è da aggiungere che questo innovativo carburante è di particolare interesse per i grandi clienti flotte i cui veicoli Diesel percorrono molti chilometri l’anno: in quanto il suo utilizzo contribuisce al raggiungimento degli obiettivi aziendali di tutela ambientale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

McLaren Ultimate Series 2020

McLaren Ultimate Series 2020: annunciata la nuova roadster decapottabile

Lamborghini Aventador SVJ 63 Roadster

Lamborghini Aventador SVJ 63 Roadster: svelata alla Monterey Car Week 2019

Autostrada di notte

Calendario esodo 2019: bollini neri e rossi nel rientro dalle vacanze