Ride-Hailing, Ride-Sharing e Car Sharing: che differenza c’è?

Le differenze tra Ride-Hailing, Ride-Sharing, Car Sharing e Car Pooling.

16 giugno 2019 - 10:30

Ride-Hailing, Ride-Sharing o Car Sharing sono Termini inglesi che sono entrati nel nostro quotidiano ma che talvolta non sono così immediati da comprendere. Ebbene, quali sono le differenze?

 

Ride-Hailing, Ride-Sharing e Car Sharing: cosa significano, che differenze ci sono?

Cos’è il Car Sharing

Partiamo dalla parola entrata nell’uso comune. Per car sharing si intende la condivisione di un’autovettura per effettuare un percorso. Servizi di car sharing come Car2go, Enjoy o DriveNow sono diffusi nelle maggiori città italiane. In estrema sintesi si noleggia una vettura per un breve lasso di tempo, prendendola già in strada e lasciandola vicino alla destinazione desiderata.

Cos’è il Ride-Hailing

Ride-Hailing non è nient’altro che un servizio vettura più autista, che arriva nel momento nel quale ne abbiamo bisogno. Stiamo quindi parlando di taxi, piuttosto che Uber o Lyft. Il costo è dovuto alla “personalizzazione” del servizio: paghiamo perchè ci serve proprio in quel momento.

Cos’è il Ride-Sharing

Ride-Sharing è invece la condivisione di vettura e guidatore, secondo un percorso comune ed un orario comune; il car pooling è una forma di Ride-Sharing. Rispetto a quanto visto in precedenza, le principali differenze tra Ride-Hailing e Ride-Sharing sono che per il primo caso offre servizio immediato su richiesta, mentre il secondo è un’alternativa di trasporto che richiede una certa pianificazione. In ultima analisi, anche il prezzo è anche un elemento chiave di differenziazione.

Le differenze tra Ride-Hailing e Ride-Sharing

Il Ride-Hailing costa di più rispetto al Ride-Sharing. In Italia un esempio di Ride-Sharing, ovvero di Car Pooling è BlaBlaCar, in Canada esiste BlancRide. Questa piattaforma permette la condivisione di viaggi in auto, ma solo su tratte interurbane. Mette in comunicazione l’offerta di posti liberi a bordo delle auto e la domanda di persone che devono spostarsi da una città all’atra. Il Ride-Sharing permette la condivisione del posto in auto e delle spese di viaggio. Le società che mettono in contatto domanda ed offerta guadagnano una piccola percentuale proprio sulle spese di viaggio.

Il Ride-Sharing è quindi il modo più efficiente di spostarsi in automobile perchè, almeno in teoria, tutti i posti saranno sempre occupati, togliendo dalle strade altre vetture con il solo conducente alla guida.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cupra Concept elettrica

Cupra Concept elettrica: svelato l’abitacolo scultoreo e versatile

frequenze radio sportiva

Frequenze Radio Sportiva 2019: elenco completo, come ascoltare lo streaming in automobile

Jaguar Land Rover head up display

Jaguar Land Rover: head up display in 3D