Share Now: i pacchetti per Pasqua

Bmw e Mercedes uniscono le forze. I vantaggi per gli utenti.

12 aprile 2019 - 10:30

Share Now è l’operatore di carsharing a flusso libero nato dalla recente fusione di car2go e DriveNow.

 

Sharenow i pacchetti giornalieri

La Pasqua si avvicina e molti italiani si stanno preparando per trascorrere qualche giorno fuoriporta con parenti e amici. Per andare incontro a tutti coloro che necessiteranno di noleggiare più a lungo uno dei 2.800 veicoli della flotta italiana diShare Now, l’azienda ha introdotto pacchetti giornalieri da 24, 48, 72 e 96 ore ancora più convenienti. I pacchetti saranno disponibili durante il periodo promozionale che va dal 13 al 24 aprile e potranno essere attivati direttamente tramite la app di car2go o di DriveNow, in base al veicolo scelto.

Nel periodo promozionale, un noleggio può durare massimo 96 ore durante le quali è possibile allontanarsi dall’area operativa del servizio, senza però superare i confini italiani, per poi farci ritorno per terminare il noleggio.

Panoramica dei pacchetti SHARE NOW

24 ore

200 km incl.

48 ore

400 km incl.

72 ore

400 km incl.

96 ore

400 km incl.

smart fortwo

€ 69

€ 109

€ 139

€ 159

smart forfour

MINI 3 e 5 porte

MINI Clubman

€ 79

€ 129

€ 159

€ 189

smart fortwo cabrio

MINI Cabrio

BMW Serie 1

BMW Serie 2 Active Tourer

BMW Serie 2 Cabrio

€ 89

€ 139

€ 169

€ 199

 

SHARE NOW arriva a Budapest

A partire dal 29 aprile,Share Now sarà disponibile anche nella capitale ungherese, con una flotta di 240 veicoli BMW e MINI, compresi 40 modelli di BMW i3 che permetteranno agli utenti di avvicinarsi, spesso per la prima volta, alla mobilità elettrica. Per un primo periodo, le attività verranno svolte da DriveNow in co-branding conShare Now.

Con l’avvio del servizio a Budapest, Share Now amplia ulteriormente la propria leadership di mercato nel campo del carsharing a flusso libero. I clienti iscritti a Budapest entreranno a far parte di una comunità mondiale di oltre 4 milioni di utenti attivi in 14 paesi tra Europa, Stati Uniti e Canada.

Come avevamo anticipato qualche giorno fa, DriveNow e car2go si sono unite per dare vita a Share Now. Una realtà che già oggi la vede leader mondiale nel campo del car sharing a flusso libero. La nuova joint venture per la mobilità di BMW e Mercedes comprende altre 4 divisioni: Free Now, Reach Now, Park Now e Charge Now. Un pacchetto di servizi già offerti dal nuovo sito aperto per l’occasione.

ShareNow: la Mobility Joint Venture di Bmw e Daimler

Mobility Joint Venture: dietro alle parole inglesi un po’ fredde e tecniche, si nasconde un movimento mai visto nella storia dell’automobile. Bmw e Mercedes uniscono le forse per creare un colosso senza precedenti. L’annuncio dello scorso Aprile, è storico anche solo per aver visto coinvolti direttamente Harald Krüger (Chairman of the Board of Management of BMW AG) e Dieter Zetsche (Chairman of the Board of Management of Daimler AG and head of Mercedes-Benz Cars).

Se la “battaglia” per costruire auto sempre migliori continuerà, l’asse Monaco-Stoccarda sul fronte mobilità sembra avere un futuro garantito. Dopo aver superato lo scoglio dall’approvazione della Commissione Europea nello scorso Novembre, e delle autorità USA in Dicembre, il debutto ufficiale dovrebbe avvenire proprio questa settimana.

Share Now: cosa cambia?

Basta vedere la quantità di marchi e attori coinvolti per comprendere la complessità di questa “Santa Alleanza” che opera a livello mondiale.

CarSharing con Car2Go e DriveNow: in Italia è l’aspetto più evidente. Car2Go e DriveNow gestiscono insieme un parco di 20.000 veicoli in 30 grandi città in tutto il mondo. Il car sharing consente un migliore utilizzo dei veicoli e quindi contribuisce a ridurre il numero totale di veicoli nelle città. Più di quattro milioni di clienti utilizzano già questi servizi di car sharing. Con Share Now potremo vedere una sinergia tra i due marchi, potendo offrire insieme un maggior tipo di veicoli di diverse caratteristiche.

Passaggi auto con Mytaxi, Chauffeur Privé, Clever Taxi e Beat. In Italia conosciamo bene MyTaxi, la risposta europea ad Uber che è riuscita a mettere d’accordo taxisti ed utenti. Nel mondo, sono 15,9 milioni di clienti e circa 250.000 conducenti utilizzano già i servizi di MyTaxi, Chauffeur Privé, Clever Taxi e Beat, rendendo Intelligent Apps uno dei principali fornitori di servizi di guida in Europa e nel Sud America. Offerte innovative come mytaximatch, che consente alle persone che non si conoscono di condividere un taxi con il semplice tocco di un dito, contribuiscono in modo significativo alla riduzione del traffico nel centro città.

Parcheggio con ParkNow e Parkmobile Group. Servizi non ancora arrivati in Italia ma che promettono di semplificare il parcheggio in strada senza biglietto, senza contanti oppure un aiuto per prenotare e pagare per il parcheggio fuori strada in un garage. Parkmobile raggiunge già un totale di oltre 27 milioni di clienti in Europa e Nord America e offre soluzioni di parcheggio digitale in oltre 1.100 città. I servizi di parcheggio digitale innovativi di Share NowPark Now riducono il tempo e la quantità di guida coinvolti nella ricerca di un parcheggio. Ciò riduce significativamente il traffico, poiché le auto che cercano posti di parcheggio rappresentano attualmente circa il 30% del traffico stradale.

Ricarica con Charge Now e soluzioni di ricarica digitale. Qui siamo già nel futuro. Si parla infatti di facile accesso, inclusa posizione, ricarica e pagamento, alla più grande rete mondiale di stazioni di ricarica pubbliche. In combinazione con i privilegi di parcheggio nelle città, questo supporterà l’espansione dell’elettromobilità, aiutando le persone a integrare più facilmente questa tecnologia di guida nelle loro esigenze di mobilità.

Mobilità multimodale e on-demand con Moovel e Reach Now. Oltre sei milioni di utenti beneficeranno di una connettività intelligente e senza soluzione di continuità tra le diverse offerte di mobilità, come il car sharing, il noleggio di biciclette, i taxi e il trasporto pubblico, compresa la prenotazione e il pagamento. La piattaforma multimodale offrirà anche possibili soluzioni per le esigenze del trasporto privato urbano, compresa la fornitura di automobili come servizio.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Opel Corsa GSi, 150 cv di puro divertimento

Audi R8, al via gli ordini in Italia

Noleggio auto: consigli per non farsi fregare