Oris Big Crown Bronze Pointer Date

Oris Big Crown Bronze Pointer Date: l’orologio emblema del marchio

L’energia del bronzo avvolge l’esemplare simbolo di Oris, emblema senza tempo di una delle più grandi storie dell’orologeria.

15 dicembre 2019 - 14:00

Oris Big Crown Bronze Pointer Date – Oris celebra la straordinaria storia dell’iconico Big Crown Pointer Date con una cassa di bronzo massiccio e una finitura personalizzata che rende ciascun quadrante in bronzo un pezzo unico.

Non è facile spiegare perché un particolare design ha più successo di altri. Come può un millimetro qui o un tratto di penna lì avere un impatto tanto significativo sull’importanza e la longevità di un progetto?

L’Oris Big Crown Pointer Date entrò a far parte della collezione Oris nel 1938, oltre otto decenni fa. Il progetto prevedeva un orologio per aviatori muniti di guanti con corona sovradimensionata e un leggibile quadrante con numeri arabi: era nato un orologio straordinario.

Il successo del Big Crown Pointer Date deve molto al design originale e testimonia il suo ruolo nel rilancio di Oris e dell’industria orologiera svizzera in seguito alla Crisi del quarzo degli anni ‘70.

Oggi, a distanza di oltre 30 anni, Oris presenta il Big Crown Pointer Date Bronze. La cassa e il quadrante in bronzo rappresentano la filosofia industriale di Oris e l’eterno valore di un orologio meccanico Swiss Made. Il quadrante in bronzo massiccio è rivestito di una lacca opaca trasparente che crea una finitura esclusiva per ciascun esemplare, dando vita a un design davvero irripetibile.

Dove sarebbero oggi gli orologi da polso senza l’aviazione? Con l’avvento dei viaggi aerei, abbiamo visto cambiamenti sostanziali nell’industria, nella politica mondiale, nella mobilità e in molti altri settori. Ma si è anche concretizzata l’esigenza di disporre di uno strumento in grado di misurare il tempo e altre informazioni utili come la posizione, il risparmio di carburante e la velocità media.

I primi orologi da polso progettati per i piloti dovevano essere estremamente leggibili e in grado di eseguire calcoli rapidi, letteralmente a colpo d’occhio. Dovevano essere anche facilmente regolabili e sufficientemente
robusti da resistere alle fluttuazioni del volo.

Oris, fondata nel 1904, costruì il suo primo orologio per piloti nel 1910. Louis Blériot aveva attraversato la Manica nel 1908; Oris realizzò un orologio da tasca con l’immagine del suo aereo incisa sulla cassa. Nel 1917, venne prodotto il primo orologio da polso per piloti del marchio, un ingegnoso esemplare regolabile mediante un singolo pulsante sulla corona.

Due anni fa, Oris ha creato un’edizione speciale per il centenario di questo storico segnatempo. La guerra incentivò il progresso sia nel design degli orologi che nell’aviazione. Nel 1938, Oris presentò un modello divenuto noto col nome di Big Crown Pointer Date.

Disponeva di una corona oversize facilmente azionabile dal pilota, anche in presenza di guanti, con grandi numeri arabi per una rapida lettura dell’ora, lunetta scanalata ed ergonomica e lancetta centrale a puntatore per la data. Era semplice, razionale, pratico ed ebbe grande successo.

Oltre 80 anni dopo, il Big Crown Pointer Date è ispirato dagli stessi principi progettuali. Materiali e meccanica si sono evoluti ma il suo spirito pioneristico è immutato. Oggi, il nuovo Oris Big Crown Pointer Date Bronze perpetua il mito.

La cassa in bronzo massiccio, che ricorda le radici industriali di Oris, col tempo si arricchirà di una patina che
racconterà la storia di ciascun esemplare. Il Big Crown Pointer Date ha avuto un ruolo speciale nel cammino di Oris: mai fuori produzione, è divenuto l’emblema del marchio.

SEGUICI SU:
Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram /// Flipboard

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Omega Seamaster Diver 300M 007

Omega Seamaster Diver 300M 007: l’orologio per i fan di James Bond!

Breitling Superocean Heritage 57

Breitling Superocean Heritage 57: omaggio alla cultura del surf

Jaeger-leCoultre Master Control Memovox

Jaeger-leCoultre Master Control Memovox: the sound maker