Casco moto V Helmets

Casco moto V Helmets: sicurezza, design e innovazione tecnologica

Da Vemar a V Helmets: il nuovo percorso del brand che sta cambiando il mondo dei caschi.

14 luglio 2019 - 15:00

Casco moto V Helmets – Da Vemar a V Helmets, a raccontare il cambiamento e il nuovo percorso del brand che sta cambiando il mondo dei caschi e il settore moto è Meluccio Piricone, Ceo di International Helmet Company: “Non vendiamo caschi, proteggiamo i sogni di chi li indossa. Lo penso da sempre, da quando nel 2015 ho rilevato il brand Vemar. Da allora abbiamo prodotto caschi concentrandosi su tre parole: Human Centered Design. Sicurezza, qualità, design, innovazione tecnologica, non abbiamo mai trascurato i valori più importanti nel processo di ricerca e sviluppo. E oggi, abbiamo aggiunto una virgola in più: portare i pensieri dei clienti all’esterno, per farli vivere anche a chi li guarda”.

La nuova brand identity passa attraverso un nuovo logo e un nuovo naming che segnano il passaggio da Vemar a V Helmets con la lettera V che porta dentro di sé due significati: una sintesi grafica molto riconoscibile e applicabile in più contesti, una V protetta che nelle sue forme richiama il concetto di sicurezza.

Un nuovo posizionamento sul mercato, un nuovo logo e una nuova strategia di comunicazione che mira alla contaminazione della cultura moto con il mondo lifestyle. Il passaggio da Vemar Helmets a V Helmets, marchio della società svizzera IHC, che cura il design e produce caschi per l’utilizzo motociclistico, inizia ufficialmente la sua evoluzione con il lancio di un nuovo casco Eolo.

Eolo è il nuovo casco sportivo di fascia alta: leggero e confortevole ma dalle linee aggressive, con un’anima dinamica. Il casco è ultraleggero (disponibile in due taglie) e sfrutta la tecnologia Maxx-3C, la sua forma è stata sviluppata nella galleria del vento per garantire la più bassa resistenza aerodinamica, riducendo al minimo turbolenze, buffering e rumore. Il sistema V-Klima (VKS) assicura il massimo afflusso di aria.

Il campo visivo è notevolmente ingrandito per una visione periferica e verticale senza limiti. La visiera è bloccata da un pulsante anteriore in lega e viene fornita con lenti Pinlock MaxVision. Una visiera parasole a scomparsa copre completamente il campo visivo, assicurando una copertura totale dai raggi nocivi del sole. La fodera interna presenta una speciale miscela di 85% Collmax e 15% di Lycra, che funziona in combinazione con il VKS.

Sicurezza, qualità, design e innovazione tecnologica. Non è un caso che V Helmets sia stata la prima azienda a progettare un casco che interagisce con la moto, non permettendo a quest’ultima di partire se il casco non è ben allacciato. «Ed è solo la prima di tante innovazioni che sperimenteremo», racconta Meluccio Piricone. A Eicma 2019 infatti il CEO anticipa il lancio di Infodrive il primo dispositivo da installare nel casco che si attiverà in caso di cadute o movimenti anomali, anche a bassissime velocità.

Il casco per sua natura è aperto a una sovrapposizione di idee capace di intercettare il gusto e lo stile di chi lo porta in testa ogni giorno. V Helmets ha già iniziato questo percorso, lasciandosi contaminare da una visione parallela o completamente nuova rispetto alla filosofia del settore: collaborazioni con artisti, illustratori, professionisti della grafica e dell’immagine con la creazione di capsule collection e V Helmets limited edition, caschi che accenderanno la passione, che creeranno subito pathos e soprattutto donano nuova linfa al settore.

«Sicurezza, qualità, design e innovazione tecnologica sono i nostri valori principali, che non accettano compromessi perché il casco nasce per proteggere il motociclista. Ma il prodotto che realizziamo è anche un accessorio che per sua natura è aperto a una creatività che arriva dall’esterno, a una sovrapposizione di idee capace di intercettare il gusto e lo stile di chi lo porta in testa ogni giorno. Lo faremo attraverso il design, grazie a collaborazioni con artisti, illustratori, professionisti della grafica e dell’immagine, lasciandoci contaminare da una visione parallela o completamente nuova rispetto alla filosofia del settore» prosegue Meluccio Piricone, Ceo International Helmet Company.

Il casco dunque diventa il punto d’incontro con il lifestyle ed esce dalla semplice presentazione di prodotto per essere descritto in ogni suo singolo contesto di applicazione. Pista, turismo, offroad, urban: il casco racconta le storie reali di chi lo utilizza per correre, viaggiare, esplorare percorsi che non sono fatti d’asfalto, per spostarsi in città e sulle strade di tutti i giorni.

Il casco protegge la voglia di correre sulla strada, protegge i sogni dei viaggiatori e degli esploratori, per far godere al massimo quel momento di libertà assoluta.

SEGUICI SU:
Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

Iscriviti a DAZN: il primo mese è gratis!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fari opachi

Fari ingialliti: cosa fare per farli tornare nuovi

MotoGP Misano 2019 Valentino Rossi

MotoGP Misano 2019 Valentino Rossi: il casco AGV Pista GP R del Dottore

Indian Chieftain 2020 Thunder Stroke 116 Titanium Smoke

Indian Motorcycle 2020: nuovi modelli e motore Thunder Stroke 116