Harley-Davidson LiveWire: 225 km di autonomia, prenotabile anche in Italia

16 aprile 2019 - 12:10

La visione che ha portato alla produzione della moto LiveWire ha avuto origine con il prototipo Project LiveWire, svelato nel 2014. Attraverso un programma itinerante di prove demo, Project LiveWire ha dato a potenziali clienti la possibilità di dare il loro parere su ciò che si sarebbero aspettati da una vera moto elettrica prodotta da Harley-Davidson fornendo cosi i criteri per lo sviluppo della moto, perfettamente in linea con l’approccio centrato sul cliente proprio della Motor Company.

Il riscontro è stato entusiastico e la moto LiveWire di serie è frutto della conoscenza acquisita dallo sviluppo dei prototipi, del feedback raccolto dai clienti così come degli ultimi sviluppi maturati in termini di design e tecnologie avanzate.

 

Facendo leva su elementi forti dei diversi fronti (commerciale, di brand e della rete dei concessionari), la casa di Milwaukee intende investire per creare opportunità che possano ispirare una clientela allargata in tempi più rapidi e siano in grado al contempo di assicurare una crescita sostenibile in futuro. Come parte fondamentale di questo piano di accelerazione, Harley-Davidson punta ad avere la leadership sul fronte delle moto elettrificate e sta quindi investendo, in maniera aggressiva e al tempo stesso oculata, in tecnologie legate all’elettrificazione delle moto. Harley-Davidson crede nel futuro delle moto elettriche e prevede di avere un’offerta completa di motocicli elettrici per il 2022.

La visione dietro Harley-Davidson LiveWire definitiva che andrà in produzione ha cominciato a prendere forma con il prototipo Project LiveWire, svelato nel 2014 con lo scopo di valutare il potenziale che avrebbe potuto avere una moto elettrica realizzata da Harley-Davidson. Traendo insegnamento dall’esperienza del demo tour realizzato con Project LiveWire e con i frutti di un intenso programma di sviluppo, il modello Harley-Davidson LiveWire offre una nuova esperienza motociclistica ad alte prestazioni.

Commenta per primo