Hyundai CVVD

Hyundai CVVD al debutto per i motori benzina turbo

Una nuova tecnologia, decisamente interessante

23 luglio 2019 - 12:00

Hyundai CVVD: è la prima tecnologia Continuously Variable Valve Duration al mondo pronta a fare il proprio debutto su futuri modelli del Gruppo. Il nuovo sistema è stato svelato insieme al nuovo motore SmartStream G1.6 T-GDI, su cui debutterà la tecnologia.

Hyundai CVVD ottimizza sia le prestazioni che l’efficienza nei consumi attraverso il controllo della durata di apertura e chiusura delle valvole in base alle condizioni di guida. Il risultato è un incremento del 4% delle performance, una riduzione del 5% dei consumi e una diminuzione delle emissioni del 12%.

Hyundai CVVD: come funziona

Fino ad ora, performance ed efficienza dei motori a combustione interna sono state migliorate tramite tecnologie di controllo delle valvole che agiscono sulle tempistiche di apertura e di chiusura (Continuously Variable Valve Timing – CVVT), o sulla corsa delle stesse (Continuously Variable Valve Lift – CVVL).

Queste tecnologie di controllo delle valvole non permettono però di modificare la durata di apertura delle valvole, in quanto la chiusura era subordinata all’apertura, e non riescono quindi ad adattarsi alle diverse condizioni di guida. Hyundai CVVD porta la tecnologia in una nuova direzione, gestendo l’intervallo di apertura.

Quando il veicolo procede a velocità costante e richiede un output di potenza ridotto, il sistema Hyundai CVVD mantiene aperta la valvola di aspirazione fino a metà del ciclo di compressione, per chiuderla poi fino quasi alla fine dello stesso: questo permette di migliorare l’efficienza del carburante riducendo la resistenza causata dalla compressione. Quando la situazione di guida richiede la potenza massima, invece, la valvola d’aspirazione viene chiusa fin dall’inizio del ciclo di compressione per massimizzare il volume d’aria utilizzata per la combustione, così da generare valori di coppia maggiori.

Il motore Smartstream G1.6 T-GDi con CVVD

Svelato insieme alla tecnologia Hyundai CVVD, il nuovo motore G1.6 T-GDI è un’unità turbo-benzina a quattro cilindri in linea capace di 180 CV e 265 Nm di coppia. Il nuovo powertrain è il primo a utilizzare la nuova tecnologia CVVD del Gruppo, ed è inoltre caratterizzato dalla presenza di un sistema di ricircolo dei gas di scarico a bassa pressione (Low-Pressure Exhaust Gas Recirculation – LP EGR) per un’efficienza ancora maggiore.

Il sistema LP EGR reimmette parte dei gas di scarico all’interno dalla camera di combustione, riducendo le temperature e l’emissione di NOx. L’impianto di ricircolo a bassa pressione porta i gas di scarico all’ingresso del turbocompressore invece che al sistema di aspirazione, così da massimizzare l’efficienza quando il motore è sotto sforzo.

Inoltre, il nuovo powertrain presenta un sistema di controllo delle temperature integrato che riscalda o raffredda il motore rapidamente per mantenerlo alla temperatura di esercizio ideale, e un sistema di iniezione diretta che raggiunge i 350 bar contro i 250 bar dei motori T-GDI precedenti. La frizione all’interno del motore è infine ridotta del 34% tramite l’adozione di parti mobili a bassa frizione.

Il nuovo motore SmartStream G1.6 T-GDI farà il suo debutto sulla nuova Hyundai Sonata Turbo, che arriverà su diversi mercati internazionali nella seconda metà del 2019. Successivamente il propulsore equipaggerà un numero maggiore di modelli Hyundai e Kia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto a GPL che consumano meno, le migliori del 2020

Porsche Taycan 4S 2020

Porsche Taycan 4S: prezzo, batterie e autonomia della sportiva da 571 CV

Frecce Tricolori Milano Wallpaper

Frecce Tricolori a Milano: le foto più belle della giornata