Mercedes-AMG S 63 E Performance: l’ibrida ad alte prestazioni

Caterina Di Iorgi
19/12/2022

Mercedes-AMG S 63 E Performance: l’ibrida ad alte prestazioni

Mercedes-AMG S 63 E Performance: la Classe S ha sempre avuto un ruolo importante per Mercedes-AMG. Già più di 50 anni fa, i fondatori hanno dimostrato di saper trasformare, con il tipico spirito innovativo svevo, una berlina di lusso in una vettura decisamente sportiva. Nel 1971, con la Mercedes-Benz 300 SEL 6.8 AMG, il marchio di auto sportive e ad alte prestazioni di Affalterbach ha segnato l’inizio di una nuova era.

Mercedes-AMG S 63 E Performance: motore

Mercedes-AMG S 63 E Performance

Oggi, la nuova Mercedes-AMG S 63 E Performance con tecnologia ibrida AMG, è nuovamente il punto di riferimento nel segmento. Il modello E Performence combina il motore V8 biturbo AMG da 4,0 litri con la catena cinematica ibrida specifica AMG e una nuova versione potenziata della batteria AMG High Performance (HPB).

La nuova HPB 150 si basa sulle celle della batteria ad alte prestazioni e a raffreddamento diretto della nota HPB 80. Il contenuto di energia passa da 6,1 nell’HPB 80 a 13,1 kWh nell’HPB 150. L’autonomia puramente elettrica aumenta quindi a 33 chilometri.

Tuttavia, l’obiettivo perseguito con questa catena cinematica non è tanto l’autonomia elettrica, quanto contare sulle prestazioni migliori della sua categoria. Con una potenza complessiva di 590 kW (802 CV) e una coppia complessiva di 1.430 Nm, la berlina stabilisce nuovi standard nel segmento.

L’accelerazione di 3,3 secondi da 0 a 100 km/h e la velocità massima opzionale di 290 km/h sottolineano le prestazioni di guida superiori e dinamiche. Sistemi come il telaio AMG Ride Control+, il sistema antirollio AMG Active Ride Control e l’asse posteriore sterzante di serie garantiscono un’ampia gamma di scelta tra dinamica di marcia e comfort.

La batteria High Performance nella S 63 è notevolmente superiore alla versione precedente, con un conseguente aumento dell’autonomia elettrica. Il layout ibrido ad alte prestazioni con motore a combustione interna sull’anteriore e l’Electric Drive Unit sull’asse posteriore non solo offre un’esperienza di guida superiore, ma aumenta anche significativamente l’efficienza. La distribuzione ottimizzata dei pesi, il miglior utilizzo possibile della coppia e l’erogazione immediata della potenza consentono una dinamica e un comfort di marcia ai massimi livelli.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.