dieselgate volkswagen

Volkswagen multata per 76 milioni di euro in Australia per le emissioni diesel

Per gli australiani è solo una questione di concorrenza, le emissioni sono un aspetto secondario per un Paese che intende proseguire con la vendita del carbone.

12 novembre 2021 - 12:00

Continuano per Volkswagen gli strascichi provocati dal dieselgate, in questo caso in Australia. Dopo che l’Alta Corte ha respinto l’ultimo appello, la casa automobilistica tedesca dovrà pagare 125 milioni di dollari australiani di sanzioni, pari a circa 76 milioni di euro, per aver violato le norme sulle emissioni.

VW si era appellata contro la decisione della Corte Federale del 2019 di aumentare del 50% la sanzione, che è di fatto la più alta mai comminata ad un’azienda in Australia per aver violato i diritti dei consumatori. In particolare, Volkswagen avrebbe dovuto fornire corrette informazioni circa le emissioni alle autorità per l’omologazione e la commercializzazione di circa 57 mila veicoli diesel tra il 2011 e il 2015. Se avesse dichiarato i dati reali, come sostenuto dalla commissione per la concorrenza, i veicoli non sarebbero stati autorizzati ad essere venduti in Australia.

Al momento Volkswagen non vede auto elettriche in Australia. Una decisione non così strana, dato che il Paese è stato tra i più contrari alle posizioni del COP26, non firmando l’impegno verso le “zero emissioni”. Il problema per gli australiani è la produzione del carbone, che non solo non terminerà, ma andrà avanti per i prossimi decenni.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La classifica delle auto più brutte di sempre, ovvero quando vince il cattivo gusto.

autovelox

Autovelox Lazio: tutte le postazioni dal 6 al 12 Dicembre

Distributori metano autostrada Octavia metano

La classifica delle 10 auto a metano più vendute in Italia nel 2021