Breguet Classique Calendrier: seppur decisamente contemporanea, questa nuova interpretazione elegante, raffinata e pura di
Breguet non tradisce la sua estetica tradizionale. L’intero orologio, infatti, dà prova delle diverse competenze che il marchio possiede nel campo della decorazione.

Breguet Classique Calendrier: caratteristiche

Breguet Classique Calendrier

Il quadrante decentrato vanta un finissimo guillochage “Clous de Paris” realizzato a mano dagli artigiani della Manifattura. Il quadrante esterno, invece, sfoggia un motivo circolare a chicchi d’orzo. A ore 12, l’indicazione delle fasi lunari è stata pensata allo scopo di conferire maggiore realismo alla composizione. La luna in oro è realizzata a mano con lavorazione martellata, mentre le nuvole che la circondano hanno ricevuto un delicato trattamento di sabbiatura con texture opaca.

Il cielo è rivestito di lacca blu composta da lustrini che lasciano intravedere le stelle a seconda dell’orientamento del segnatempo. Le ore, i minuti e i secondi sono indicati dalle tradizionali lancette Breguet a “pomme” in acciaio azzurrato. La data e il giorno della settimana sono situati rispettivamente a ore 2 e a ore 10. Le finestrelle presentano un’ampia apertura per una migliore leggibilità.

Il movimento

Breguet Classique Calendrier

Al centro della cassa in oro bianco o oro rosa da 39 mm si trova il calibro 502, uno dei movimenti più sottili di Breguet, con uno spessore di soli 2,4 mm. Il suo design è stato pensato per fornire prestazioni di alto livello nonostante le dimensioni sottili. Il bariletto aperto conferisce maggiore finezza, garantendo al contempo energia e prestazioni costanti.

La massa oscillante decentrata occupa uno spessore minimo, lasciando il massimo spazio agli elementi principali del movimento rodiato a carica automatica, costituito da 236 componenti e dotato di una spirale in silicio nonché di uno scappamento ad ancora in linea inversa con anse in silicio.

Questo materiale vanta molteplici proprietà: oltre a essere resistente alla corrosione e all’usura, non risente dei campi magnetici e
migliora la precisione del segnatempo. Il movimento, che può essere ammirato attraverso il fondello in vetro zaffiro, mette in risalto un savoir-faire caro a Breguet: la decorazione. Mentre la massa oscillante in oro bianco presenta una lavorazione guilloché realizzata a mano con motivo circolare a chicchi d’orzo, gli altri componenti sono impreziositi da finiture smussate e un motivo Côtes de Genève. Infine, il bilanciere del nuovo modello Classique Calendrier 7337 oscilla a una frequenza di 3 Hz e presenta una riserva di carica di 45 ore.

La collezione Classique

Breguet Classique Calendrier

Contraddistinta da un design che fonde purezza e raffinatezza, la collezione Classique illustra fedelmente la forte estetica delle origini del marchio. Al di là del suo talento di orologiaio e inventore, Abraham-Louis Breguet è stato anche uno dei primi designer. Quando la Maison venne fondata a Parigi nel 1775, lo stile in voga era il barocco.

Fu lui a inventare e introdurre in orologeria lo stile neoclassico, una visione estetica che conferiva ai quadranti un aspetto moderno, facilitando al contempo la lettura delle indicazioni dell’orologio. Alcune delle innovazioni stilistiche introdotte furono le lancette a “pomme évidée”, il guillochage e il quadrante decentrato. A partire dal 1812, quest’ultimo comparve sugli orologi da tasca, definendo il DNA del marchio. Traendo ispirazione da queste creazioni, nel 2009 viene lanciata la prima interpretazione dell’orologio Classique 7337. La versione del 2022 incarna in modo contemporaneo il modello originale, pur rimanendo fedele ai codici iconici della linea Classique.

Disponibile in oro bianco o oro rosa 18K, questo nuovo segnatempo viene proposto su un cinturino blu notte per il modello in oro bianco e marrone misterioso per la versione in oro rosa.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.