Tag Heuer Monaco Steve McQueen

Tag Heuer Monaco Steve McQueen: il segnatempo più caro mai venduto

Il Monaco Heuer di Steve McQueen registra il record di vendita all'asta 'Racing Pulse' da Phillip's a New York.

14 dicembre 2020 - 16:00

Il Tag Heuer Monaco Steve McQueen è stato venduto all’asta alla cifra record di 2.208.000 dollari ed è il segnatempo Heuer più caro mai venduto. Il Monaco Heuer indossato da Steve McQueen nel film ‘Le 24 Ore di Le Mans‘ regalato dall’attore al suo meccanico personale Haig Alltounian che l’aveva assistito nel corso delle riprese, ha segnato un record di vendita all’asta ‘Racing Pulse’ che si è tenuta a New York da Phillip’s in collaborazione con Bacs & Russo.

Si tratta del segnatempo Heuer più importante di sempre, uno degli orologi più ambiti del ventesimo secolo.

Spedito direttamente da Alltounian, il fondello dell’orologio presenta l’incisione “TO HAIG Le MANS 1970”, a lui dedicato da Steve McQueen. L’orologio è stato indossato da Steve McQueen mentre guidava la Porsche 917 attraverso il rettilineo Mulsanne del circuito di Le Mans.

Introdotto nel 1969, il Heuer Monaco è il primo cronografo automatico quadrato dalla cassa impermeabile nella storia dell’orologeria svizzera. Il Monaco infrangeva tutti i canoni estetici dell’orologeria tradizionale. La grande cassa quadrata ad angoli retti, il quadrante blu metallico, il vetro bombato in plexiglass e, soprattutto, la corona posta a sinistra, che all’epoca indicava che l’orologio si caricava automaticamente. La sua tecnologia, altrettanto innovatrice per l’epoca, offriva una perfetta impermeabilità, una assoluta novità per un orologio quadrato.

Ma la rivoluzione riguardava soprattutto il cuore dell’orologio: il famoso Calibro 11, il primo movimento cronografico automatico commercializzato nella storia dell’orologeria. Immediatamente riconoscibile e spesso copiato, il “McQueen Monaco” è da allora un orologio molto ambito sul mercato delle aste e dei pezzi da collezione. Progettato da Jack Heuer, l’orologio è stato chiamato così per il famoso circuito di Formula Uno e è stato scelto da Steve McQueen come cronografo preferito durante le riprese iniziò a Le Mans nel 1970.

Le Mans è stato il film tributo di McQueen a uno sport che contrapponeva uomini, meccanici, velocità, e resistenza l’uno contro l’altro per una corsa emozionante. Oggi, il film è un classico, ricordato per le sue rivoluzionarie scene di corse, e mentre McQueen e gli altri membri del cast erano volti noti del film al grande pubblico, forse il membro più importante tra l’equipaggio dietro le quinte era il capo meccanico di Le Mans, Haig Alltounian.

La carriera di Haig Alltounian ha attraversato più di tre decenni negli sport motoristici come pilota professionista, designer e meccanico. Oggi si sta godendo la pensione mentre ancora ripristina e ripara moto d’epoca e classiche nella sua officina. Ha partecipato agli anni formativi delle corse americane, lavorando con leggende del motorsport come Carroll Shelby, Dan Gurney e Bruce McLaren.

Oltre al suo lavoro a Le Mans, ha prestato consulenza nei film The Killers e sul film Winning con Paul Newman e Joanne Woodward. Negli anni, ha lavorato con alcuni dei più grandi nomi delle corse da Ken Miles, Derek Bell e Jo Siffert, ma Le Mans gli resta particolarmente a cuore, per l’amicizia che ha sviluppato con Steve McQueen. Oltre al Monaco, McQueen ha anche regalato ad Haig una motocicletta Norton Commando usata durante le riprese di Le Mans, che possiede ancora oggi.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Samsung Galaxy Tab S7

Samsung Galaxy Tab S7: arriva in Italia il nuovo colore Mystic Navy

Prada Linea Rossa occhiali da sole

Prada Linea Rossa occhiali da sole: protagonista il team Luna Rossa Prada Pirelli

Franco Morbidelli Sector No Limits

Franco Morbidelli Sector No Limits: il pilota è il nuovo Global Ambassador