Mangusta Oceano 50

Mangusta Oceano 50: parte la costruzione dello yacht

Sarà pronto nel 2020

19 aprile 2019 - 9:00

Il progetto del nuovo yacht Mangusta Oceano 50 è stato svelato nella splendida cornice dello Yacht Club di Monaco, dove l’eccellenza nautica e il lusso sono di casa. Overmarine Group ha diffuso alcune immagini del modello, che appartiene alla linea delle navi dislocanti a lunga percorrenza come Mangusta Oceano 43, ed ha annunciato che la costruzione del primo esemplare è già iniziata. Per la consegna bisognerà attendere il 2020.

Questo panfilo è stato disegnato ottimizzando gli spazi esterni ed interni, per garantire grande abitabilità e comfort d’eccellenza, in un quadro dove si è cercato di proporre qualcosa di innovativo ed originale nello specifico segmento di mercato.

Sul pozzetto di poppa i divani sono racchiusi da un guscio in teak e formano un anello quadrato, leggermente ribassato rispetto ai passaggi laterali, così da ottenere una zona di privacy unica: sembra il living di una villa, affacciato sul mare invece che sul giardino. Ad impreziosire il quadro provvede la superficie vetrata sul pavimento, che irrora di luce naturale il beach club sottostante.

Un’interessante opportunità regalata dallo yacht Mangusta Oceano 50 è quella di aprire a 180 gradi il portellone di poppa e i due portelloni laterali, per dar vita ad una piattaforma sul mare spaziosa e perfettamente attrezzata, con possibilità di walkaround esterno.

Non meno gradevole il trattamento della zona di prua, per la quale i progettisti hanno scelto delle soluzioni creative e intelligenti, al servizio degli ospiti, che possono vivere su questo panfilo un’esperienza nautica immersiva e coinvolgente. L’ampio pozzetto, arredabile a piacere dall’armatore, sovrasta il garage capace di raccogliere un tender di oltre 6 metri e due jet ski.

Una volta varato il tender, la vasca contenitrice può essere riempita di acqua per ottenere una vera e propria piscina con nuoto controcorrente. Una seconda piscina jacuzzi si trova sul sundeck, vicino ad una zona relax e ad un tavolo dining per 12 persone, protetto dal sole da un hard top a tutta larghezza.

La nascita del progetto dello yacht Mangusta Oceano 50 viene così raccontata dal designer Alberto Mancini: “Volevo un mega-yacht dall’aspetto forte, potente e slanciato, ma con le ombre e i riflessi di una scultura“. Il risultato premia i suoi sforzi creativi e lascia già immaginare il fascino magnetico del modello, una volta sceso in acqua per la consegna al fortunato committente.

Quest’ultimo potrà giovarsi di un trattamento degli spazi coperti che si integra al look degli esterni, sposandone anche la filosofia. Le finestre a tutta altezza del salone sul ponte principale così come quelle dell’upper deck sono state concepite per lasciare filtrare la luce dalle impavesate, volutamente svuotate per aumentare la vista sul mare.

La combinazione fra colori, pezzi d’arredo ed elementi decorativi crea la tela giusta per un’esperienza nautica di alto livello, felicemente immersi nel cuore di un lusso espresso con classe e senza cadute pacchiane. Per la spinta dello yacht Mangusta Oceano 50 sono stati scelti due motori MTU 12V 2000 M86 che permettono una velocità massima di 16 nodi. Quella di crociera si ferma cinque tacche prima e promette un’autonomia di 4000 miglia nautiche.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Malaga catamarano

Vacanza in barca: 5 mete alternative da sogno da non perdere by Click&Boat

Frauscher 1414 Demon Air

Frauscher 1414 Demon Air in anteprima mondiale a Cannes

Ferretti Yachts 720

Ferretti Group: 3 anteprime mondiali al Cannes Yachting Festival