Thunder taxi ibrido Venezia

Thunder taxi ibrido Venezia: il natante green firmato Nuvolari Lenard

Il pionieristico taxi acqueo che potrà aiutare a preservare Venezia attraverso l’utilizzo di tecnologie green.

5 maggio 2020 - 15:00

Thunder taxi ibrido Venezia – Lo studio veneziano Nuvolari Lenard ha completato il progetto di un pionieristico taxi acqueo che potrà aiutare a preservare Venezia attraverso l’utilizzo di tecnologie “green”, alle quali si aggiunge la riconosciuta attenzione dello studio per i dettagli e le finiture eleganti.

Un progetto che assume una valenza quasi simbolica in un momento come quello che stiamo vivendo, nel quale abbiamo la possibilità di indirizzare le nostre scelte verso un modo di vivere più sostenibile. In quest’ottica, la scelta di basare questo progetto su una motorizzazione ibrida è una componente fondamentale.

Venezia dunque come laboratorio ideale per le moderne tecnologie capaci di garantire il minimo impatto ambientale e che, nel progetto firmato Nuvolari Lenard, si coniugano con linee eleganti e classiche e con l’utilizzo del legno.

Thunder taxi ibrido Venezia: design e motore

La prima unità di Thunder, il taxi acqueo ibrido da 14 posti, è stato costruito dai Cantieri Vizianello di Venezia che ha sviluppato il sistema di accoppiamento meccanico ed elettronico del sistema ibrido che, dopo un periodo di test di circa un anno, ha ottenuto la completa omologazione da parte degli enti di Classifica. Si tratta quindi di un prodotto ora vendibile sul mercato e non più un prototipo sperimentale. Speriamo che questo modello all’avanguardia per il trasporto in città possa cambiare la mentalità più conservativa degli ambienti delle aziende di trasporto a Venezia.

Mentre la tecnologia di bordo è modernissima, a livello estetico è stato fatto un grande sforzo per rispettare la tradizione stilistica dei classici taxi acquei per i quali Venezia è famosa: per questo il nuovo design utilizza tradizionali materiali in legno con l’aggiunta di alcuni ammodernamenti. Lo studio Nuvolari Lenard ha poi ricevuto la commessa da parte di un armatore di superyacht per un limousine tender di 9,2 metri; questo rende l’idea del livello di comfort e di qualità del progetto.

Al momento, per un altro prototipo sperimentale, Nuvolari Lenard sta discutendo con una casa automobilistica asiatica a proposito del potenziale utilizzo di un sistema propulsivo con celle a combustibile a idrogeno, una tecnologia molto pulita da sempre utilizzata in campo aerospaziale. Le attuali limitazioni riguardo l’immagazzinamento dell’idrogeno nei veicoli indica che ci vorrà ancora del tempo prima che questa tecnologia ottenga le necessarie certificazioni per essere immessa sul mercato.

Thunder taxi ibrido Venezia: le immagini

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tecnorib Pirelli 42

Tecnorib Pirelli 42: varati i primi due modelli con motori fuoribordo

FREE NOW

Free Now: i prezzi, come funziona (ex MyTaxi)

Riva Yacht 88 Folgore

Riva Yacht 88 Folgore: un lampo abbagliante di stile e velocità