Come cambiare i copricerchi in modo semplice e veloce

La guida per cambiare i copricerchi da soli in maniera molto semplice e rapida, e come rispariare comprandoli nuovi online.

13 febbraio 2022 - 9:00

Cambiare i copricerchi è una operazione che si fa in maniera semplice e rapida. I copricerchi servono, come dice il nome per coprire i cerchi e proteggerli dagli urti e da altre abrasioni. Sono tipici dei cerchi in acciaio, meno resistenti di quelli in lega, e oltre a proteggerli servono anche per dare un maggiore tocco estetico a dei cerchi che, se no, sono i classici scuri a cerchi.

Il lato negativo, però, è che con gli urti possono rompersi o cadere, lasciando scoperto il cerchione. Fortunatamente, comprarne di nuovi non costa molto e rende più semplice cambiare i copricerchi: infatti, basta informarsi sul diametro dei cerchi e tenere conto del modello dell’auto, e poi andare su Amazon.

Una volta acquistati, è il momento di montarli sulle ruote: vediamo, quindi, come sostituire i copricerchi dell’auto!

 

Scegliere i copricerchi compatibili con la nostra auto

Non serve tanto per togliere i vecchi copricerchi (se ancora presenti) e montare quelli nuovi: è sufficiente, infatti, munirsi di una chiave, un crick e, ovviamente, dei nuovi copricerchi. Prima di iniziare, però, dovete capire che tipo di copricerchio è montato sulla vostra auto, guardando sul libretto della vettura allontanare ogni dubbio. Capire il modello è utile anche per capire se servono altri particolari strumenti, e che tipo di copricerchio nuovo comprare.

Un modo per conoscere la misura del copricerchio è guardare le gomme, sulle cui spalle esterne è presente una sigla specifica, come per esempio 195/60 R17. Quello che in questo caso ci serve è la cifra dopo la R, qui “17”: è la cifra che indica il diametro del cerchio, e che ci fa capire che dobbiamo acquistare un copricerchio da 17 pollici.

Su Amazon c’è un servizio semplice molto utile che filtra automaticamente gli accessori compatibili con il vostro modello di vettura:

 

Smontare i copricerchi

La prima cosa da fare è, ovviamente, smontare i copricerchi se sono presenti, o quelli che sono rimasti. Prima di farlo bisogna comprare quelli nuovi. Ci sono molti luoghi dove acquistare i copricerchi nuovi, dai negozi negozi di auto accessori agli ipermercati, ed è possibile averne di diverse tipologie: i classici bianchi, oppure neri o anche i copricerchi cromati.

Per cambiare i copricerchi, trova un luogo tranquillo e spazioso per farlo. Tieni anche conto del fatto che le vecchie tipologie di copricerchio sono montati a incastro (sono anche quelli che cadono più facilmente) e per smontarli è sufficiente sfilarli, facendo molta forza visto che nel tempo il copricerchio tende a saldarsi bene con il ferro. Se vedi che fai fatica, aiutati con un cacciavite a punta piatta.

I modelli più recenti, invece, sono fissati con le viti: smontarli è quindi un po’ più complesso. Devi sistemare il crick e sollevare l’auto da terra. In sefuito, usa la chiave inglese per svitare tre dei quattro bulloni: noterai, all’interni dei quattro buchi, che uno di loro è diverso rispetto agli altri. La vite, infatti, non stringe il copricerchio, ma solo il cerchio in ferro e per questo non serve sfilarla tutta né svitare tutti i bulloni.

 

Cambiare i copricerchi: montare quelli nuovi          

Montare e fissare i copricerchi si può fare in due diversi modi, che cambiano in base al modello:

  • Alcuni copricerchi presentano al loro interni un anello metallico di dimensioni più piccole, che serve a fissare. Sono i copricerchi a incastro di cui si parlava sopra, e per montarli bisogna incastrare il copricerchio al cerchio in acciaio, facendo attenzione rimanga ben saldo e che sia agganciato in maniera uniforme. Il montaggio è molto semplice e anche piuttosto rapido, serve giusto dare dei colpi forti e secchi.
  • I copricerchi moderni, invece, non hanno l’anello di fissaggio ma appunto i bulloni. Dopo aver smontato tutti e quattro i copricerchi ripetendo la medesima operazione vista prima, lascia l’auto sollevata col crick e riavvita i quattro bulloni dopo aver inserito il nuovo copricerchio.

 

Legare i copricerchi con le fascette: non bello ma utile

Dopo aver montato i nuovi copricerchi, puoi fare in modo di prevenire che cadano ancora durante la guida: in Italia, purtroppo, le buche non mancano e rappresentano la causa principale per cui un copricerchio (specie quello a incastro) si stacchi dal cerchio e rimanga in strada.

Compra, quindi, delle fascette e falle passare dentro gli anelli del cerchio in acciaio per legare letteralmente il cerchio al copricerchio. Diciamo la verità: dal punto di vista estetico non è il massimo della vita, ma pensa che in questo modo eviterai di perderlo per strada. Ne vale la pena, vero?

 

Cambiare i copricerchi: lavare i copricerchi nuovi

Oltre alle fascette, un altro modo per evitare di perdere i copricerchi è quello di lavarli periodicamente. Catrame e polvere tendono a favorire l’invecchiamento del copricerchio, complice anche il materiale meno resistente rispetto alla lega o alla fibra di carbonio. Per pulirli, usa l’alcool etilico, il bicarbonato di sodio oppure un detergente specifico che trovi tranquillamente online come quello che proponiamo qui sotto, e che è 100% made in Italy.

 

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kia Soul 2023

Kia Soul 2023: il restyling debutta negli States

La Smart #1 per la Cina ci dice chi produce le sue batterie

Auto elettriche in arrivo

Incentivi auto 2022: come funzionano e come ottenere il bonus