Philipp Plein

Philipp Plein perde (ancora) contro Ferrari

La fama non salva contro Ferrari!

22 ottobre 2020 - 8:00

Cosa vuol dire mettersi in causa contro l’azienda automobilistica italiana più quotata al mondo? Mettersi nei pasticci: e questo, anche se sei uno stilista famoso. È quanto successo a Philipp Plein, che ha perso ancora una volta la causa contro l’azienda del cavallino che stava combattendo al Tribunale di Milano.

Philipp Plein e Ferrari: la storia

La notizia, riportata da più testate, è confermata dalla sentenza riportata dal Corriere della Sera, ed è solo l’epilogo di una vicenda che dura da anni. Nel giugno del 2018, infatti, Philipp Plein aveva avuto la non troppo brillante idea di inserire delle vetture di Ferrari, Lamborghini e McLaren nell’allestimento della sua sfilata. Un’idea di per sé non male, ma “non brillante” in quanto sembra che lo stilista non abbia mai chiesto i permessi ai produttori delle vetture.

Ferrari è l’azienda che l’ha presa peggio di tutte. È noto che il produttore modenese tenga molto alla propria immagine, e del resto in generale è sempre opportuno chiedere i permessi, altrimenti ognuno di noi potrebbe inserire il logo del cavallino in ogni iniziativa a piacimento. Ecco perché gli avvocati di Ferrari non ci hanno pensato molto prima di citare in giudizio Philipp Plein per uso improprio e illegale del marchio.

Avvocati molto bravi, e che del resto si sono trovati di fronte a un colpevole senza troppi alii a suo favore. Infatti, in poco tempo il Tribunale di Milano ha stabilito che Philipp Plein non solo dovrà rimuovere ta tutte le sue piattaforme immagini e video contenenti delle Ferrari, ma anche farsi carico delle spese processuali (25.000 euro) e risarcire l’azienda di un importo pari a 300.000 euro. E se si ostinerà a non rimuovere immagini e video, dovrà pagare 10.000 euro per ogni infrazione. Insomma, un utilizzo improprio che è costato molto caro al “povero” stilista.

Philipp Plein: il rapporto mai positivo con il Cavallino

Non è la prima volta che Philipp Plein fa questi giochetti per lui piuttosto cari con Ferrari. Infatti, una volta su Instagram ha postato le immagini di un nuovo paio di scarpe sul lunotto di una Ferrari, anche in questo caso con il logo ben visibile, e anche in questo caso senza permesso.

E se qualcuno potrebbe pensare che, alla fine, era solo pubblicità gratuita per Maranello, Ferrari risponde che in quel modo le sue vetture erano ritratte in uno stile di vita troppo distante dalla percezione del marchio, motivo per cui l’azione di Philipp Plein non è piaciuta. Insomma, se non volete finire nei pasticci, meglio che evitiate immagini con delle Ferrari che non siano le vostre.

 

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

cavallino rampante ferrari logo

Lapo Elkann svela su Twitter com’è nato il cavallino rampante Ferrari

Silk Faw S9

Silk Faw S9: l’anteprima milanese dell’hypercar da 1400 CV

Richard Hammond Opel Kadett

Le 5 auto più belle (e tamarre) della collezione di Richard Hammond