Fiat Panda Elettra

Fiat Panda Elettra e Panda Aria e l’incredibile storia delle elettriche Fiat

Ve le ricordate?

5 maggio 2021 - 9:00

Ancora presi dalla querelle Lapo vs Hyundai? Volete vendere la vostra Lambo per una Panda? Allora facciamo un salto indietro nel tempo. Si, perchè se oggi l’elettrificazione della gamma Fiat riguarda i modelli mild hybrid su Panda e 500, ed è arrivata la prima Fiat 500 completamente elettrica, con Fiat Panda Elettra del 1990 e Fiat Panda Aria, l’azienda torinese aveva anticipato i tempi.

Fiat Panda Elettra del 1990 era un’auto innovativa in tutti i sensi

Proprio in questi giorni, per celebrare i 40 anni del fortunato modello, Fiat ha presentato un leggero Restyling della Panda, che vede l’introduzione (finalmente) di un sistema di infotainment adeguato ai tempi, e del nuovo allestimento Sport. Ma si tratta solamente dell’ultima versione di una serie di varianti della Panda, sia concept che di serie. Come dimenticare la piccantissima Fiat Panda 100HP del 2007, di cui la Sport appena presentata, vuole essere più o meno l’erede; o la splendida Fiat Panda Jolly, pensata per essere l’erede della Fiat 500 Spiaggina, in quanto azzurra, con cerchi vintage e sedili in pelle, ma sopratutto completamente priva di tetto?

La Panda, per via del suo successo, è sempre stata un’auto da sperimentare per Fiat. E così, nel 1990, l’azienda torinese si guadagna il titolo di primo grande produttore a presentare una vettura completamente elettrica: è la Fiat Panda Elettra. Un esperimento voluto per concretizzare l’impegno dell’azienda nella sua lotta a tutela dell’ambiente, poi spostato a lungo sul fronte metano e GPL, e che ricade sulla Panda proprio perché già a 10 anni dalla prima commercializzazione era l’auto più amata dagli italiani.

La Fiat Panda Elettra aveva un motore elettrico da 9,2 kW anteriore, alimentato da 12 batterie al piombo da 6V che garantiva una velocità massima di 70 km/h e un’autonomia di 100 km. Era anche la prima (e unica) Panda con cambio “automatico”, nel senso che era priva di cambio. Queste caratteristiche, che oggi accomunerebbero la Fiat Panda Elettra alla Citroën AMI, la rendevano una vettura a solo uso cittadino, come del resto suggerivano anche le dimensioni. La ricarica, comunque, si completava in 8 ore ed era ovviamente attuabile con la presa domestica.

Realizzata i collaborazione con l’azienda austriaca Steyr-Puch, la Fiat Panda Elettra si basava sulla Panda CL, a cui era stato tolto il motore 750 Fire a Benzina, e a cui era stato rinforzato il sistema dei freni. Aveva anche sospensioni più morbide e pneumatici maggiorati. Molto curato il design, che all’esternao vedeva l’eliminazione della griglia frontale a favore di un pannello in tinta carrozzeria, come oggi succede per esempio alla Volvo XC40 Recharge, sempre contenente il logo Fiat. Curatissimi gli interni, che vedono un rivestimento a listelli di legno verticali per tutta la plancia e sui pannelli porta. Era un’auto solamente a due posti, in quanto per far spazio alle batterie venne eliminato il divanetto posteriore.

Nel 1992 nacque la Fiat Panda Elettra 2, che apportava miglioramenti non indifferenti: infatti, il motore salì a 17,7 kW mentre le batterie ora erano al Nickel-cadmio e non al piombo. La Fiat Panda Elettra rimarrà in produzione fino al 1998.

Da Fiat Panda Elettra a Fiat Panda Aria

17 anni dopo la presentazione della Fiat Panda Elettra, nel 2007, anche la seconda e ancor più fortunata generazione della Panda vede una sperimentazione ecologica diversa dal metano e dal GPL, anche se questa volta destinata a rimanere solamente un concept. Si tratta della Fiat Panda Aria, una versione della Panda esteticamente uguale, cambiano i cerchi e i colori, ma tecnologicamente all’avanguardia, e completamente eco-sostenibile.

Diversamente dalla Fiat Panda Elettra, la Panda Aria del 2007 proponeva un motore 2 cilindri a doppia alimentazione: benzina con miscela al 70% metano e 30% idrogeno. Si tratta, quindi, della prima Fiat a propulsione a idrogeno, e una delle prime auto in generale a idrogeno. L’auto garantiva una potenza di 80CV, mentre non ci sono dati sulla velocità massima, anche se già nel 2007 l’auto eran grado di rispettare le normative non solo Euro 5, che era ancora una rarità, ma addirittura Euro 6. Nata in un anno che ha visto un completo rifacimento e ampliamento della gamma, fu presentata anche la 100 HP, oltre alle Panda Panda a metano e GPL, aveva un motore da 0,9 litri le cui emissioni di CO2 erano di appena 69g/km. L’auto aveva inoltre lo Start&Stop e un cambio manuale automatizzato.

Anche la carrozzeria era completamente ecosostenibile: infatti era formata di pannelli di ecoresina semitrasparente, mentre gli interni erano in materiali naturali e biodegradabili come il lino, il cotone, la fibra di cocco e alcune resine ecologiche. Persino i pneumatici erano diversi, realizzati con tessuti AOF (Aromatic Oil Free) pensati per ridurre la resistenza al rotolamento garantendo performance e sicurezza in tutte le condizioni.

La Fiat Panda Aria aveva anche un microclimatizzatore a basso consumo, e il sistema telematico Blue&Me evoluto: si potevano infatti registrare su una chiave USB i consumi e le emissioni di tutti i viaggi, e poi analizzare al computer lo stile di guida del conducente, ricevendo consigli per una guida più ecologica.

Con Fiat Panda Elettra e Panda Aria, l’azienda torinese ha dimostrato di avere tanta inventiva, creatività e voglia di cambiamento; cosa che è tornata a fare, di recente, con la Centoventi, non a caso legata alla Panda di cui con ogni probabilità rappresenta la prossima generazione. Speriamo che Fiat non perda mai questa voglia di innovare, recentemente forse un po’ sopita, ma che è stata ed è in grado di primeggiare al mondo per innovazione e tempistiche.

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

volante tesla model s

Il volante della nuova Tesla Model S sembra quello che c’era sulla Batmobile e su Supercar

Auto da ricchi

Auto da ricchi: le 10 auto più costose del mondo nel 2021

graffi carrozzeria

Graffi carrozzeria: i rimedi per rimuoverli in modo efficace