La nuova Lancia Ypsilon arriverà nel 2024, e dal 2028 sarà solo elettrica

Robin Grant
07/04/2022

La nuova Lancia Ypsilon arriverà nel 2024, e dal 2028 sarà solo elettrica

Il ritorno di Lancia comincia proprio dalla Ypsilon, che sarà rinnovata nel 2024 e sarà più grande del modello attuale, più tecnologica, e anche elettrica. Quest’ultima la variante chiave, perché dal 2028 sarà l’unica venduta in quanto il celebre marchio italiano introdurrà solo auto elettriche dal 2026, e solo queste venderà a partire dal 2028.

Oltre alla Ypsilon, il CEO Luca Napolitano ha annunciato altri due nuovi modelli solo elettrici per una cadenza biennale: il primo sarà presentato nel 2026, e potrebbe essere la nuova Lancia Aurelia; il secondo nel 2028, e potrebbe essere la nuova Delta. I pilastri del rilancio? Eleganza, italianità e ambizione alla sostenibilità: secondo Napolitano, infatti, l’azienda torinese sarà la più sostenibile di tutto il gruppo Stellantis.

La nuova Lancia Ypsilon e il ritorno sui mercati esteri

L’attuale Lancia Ypsilon, venduta solo in Italia, nonostante gli anni continua a rimanere la vettura più venduta della sua categoria, quella delle cittadine compatte o segmento B, e la seconda vettura più venduta in Italia. Ciò si deve sicuramente al prezzo molto concorrenziale e alle motorizzazioni GPL, ma anche ai continui aggiornamenti ed edizioni speciali, l’ultima delle quali in collaborazione con Alberta Ferretti.

Lancia Ypsilon Alberta Ferretti 2022

La nuova versione, però, a parte il nome non manterrà nulla delle caratteristiche attuali. Sarà prima di tutto più grande, perché sorgerà su piattaforma STLA Small, evoluzione dell’attuale CMP (eredità di PSA) che dà vita a Peugeot 208 e DS 3, più tecnologica e perderà le motorizzazioni a gas in favore della variante completamente elettrica. Il primo tassello della strategia comune che inserisce Lancia tra i marchi “Premium” di Stellantis, insieme alla stessa DS e ad Alfa Romeo, votata quindi ad elevare la percezione dell’azienda. Quello di Napolitano e dei suoi non è un compito semplice: il trio Premium, unitamente al marchio “Luxury” cioè Maserati, hanno l’obiettivo di incrementare di cinque volte i loro profitti, arrivando a così a costituire l’11% dei ricavi del gruppo entro il 2030.

Napolitano parla di “Sostenibilità elegante“, e non esclude future collaborazioni con interior designer nazionali di rilievo per quanto riguarda la progettazione degli interni delle vetture. A livello di stile esterno, sappiamo che il marchio si focalizzerà sul suo design senza tempo, reinterpretato in chiave moderna e contemporanea rispolverando elementi iconici, come per esempio il “calice” che caratterizza il frontale delle vetture. All’interno, Lancia punta ad avere modelli con il 50% delle superfici tattili realizzati in materiali eco-sostenibili o riciclati.

Con questo, Lancia annuncia anche il suo ritorno all’estero: la rinascita comincerà infatti dall’attuale rete di concessionari italiani, ma ci sono già accordi per distribuire le vetture anche nei principali mercati europei. Saranno 100 le concessionarie straniere, divise in 60 metropoli del Vecchio Continente, che insieme a quelle nostrane punteranno ad effettuare almeno metà delle vendite online.

Entra in gioco la S.A.L.A.

Argomento importante, nel corso della conferenza stampa, quello relativo a “S.A.L.A.”, acronimo che rimanda al salotto delle case italiane ma che sintetizza le parole inglesi “Sound Air Light Augmented“.

Un’unica interfaccia digitale, contenuta nei futuri sistemi di infotainment, con intelligenza artificiale che permetterà all’utente di controllare in modo veloce e intuitivo tutto l’abitacolo, dal suono dell’impianto audio al clima all’illuminazione.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

google news