Impianto frenante: i consigli per la manutenzione

Redazione
18/06/2022

Impianto frenante: i consigli per la manutenzione

Manutenzione impianto frenante: la maggior parte degli automobilisti utilizza i propri impianti senza curarsi della loro progettazione. Ma la conoscenza di alcuni sistemi aiuta a evitare guasti e fornisce maggiori argomenti nella comunicazione con i professionisti. Soprattutto quando si tratta di freni.

Certo, esistono officine di riparazione auto e persone appositamente formate per risolvere i problemi con i componenti e gli assemblaggi. Ma se l’auto non è completamente nuova, prima o poi il proprietario dovrà occuparsi personalmente di alcune sottigliezze della sua riparazione. L’impianto frenante dell’auto viene utilizzato durante il suo funzionamento per ridurre la velocità dell’auto fino al suo completo arresto, nonché per mantenere l’auto in posizione (freno di stazionamento manuale).

In base alla struttura degli elementi di lavoro, i freni si dividono in a disco, a ganascia, a cinghia, conici. I freni di servizio agiscono su tutte le ruote della vettura. Ogni ruota è dotata di un meccanismo frenante a disco o a tamburo che viene azionato con metodo idraulico, pneumatico o pneumatico-idraulico. Nel meccanismo dei freni, al momento del processo di frenata, le pastiglie dei freni con il loro attrito vengono premute contro il disco o il tamburo del freno, costringendo l’auto a ridurre la velocità.

L’impianto frenante idraulico, spesso dotato di un booster pneumatico o a depressione, viene utilizzato soprattutto su auto e camion a bassa capacità. Altre auto utilizzano un sistema pneumatico che riceve aria compressa dall’auto. I freni di stazionamento agiscono per lo più solo sulle ruote motrici. Per aumentare l’affidabilità del sistema frenante e ridurre l’usura delle parti dell’auto, si utilizza uno schema di azionamento separato da un pedale alle ruote anteriori e posteriori, oppure si duplica l’azionamento alle ruote posteriori. Su autobus e camion di grandi dimensioni si utilizzano freni supplementari, in cui la coppia frenante è generata dal motore.

Tra tutti i fluidi utilizzati nell’auto, il più importante è il liquido dei freni. È uno degli elementi responsabili dell’auto: non importa quanto sia perfetto il modello, ma senza un buon liquido dei freni è impossibile fermarsi rapidamente. La correttezza della scelta dipenderà dalla scelta corretta e dalle caratteristiche del liquido dei freni, nonché dalla lunghezza dello spazio di frenata della vostra auto.

Il motivo principale per cui il liquido dei freni deve essere sostituito periodicamente è la sua igroscopicità. Alla fine assorbe l’umidità dall’aria circostante e questo causa due problemi contemporaneamente. Oltre al fatto che l’umidità riduce il punto di ebollizione e quindi compromette le caratteristiche del liquido, la sua evaporazione forma una “crosta di vapore” potenzialmente pericolosa. Di conseguenza, i freni reagiscono peggio alla pedalata o non reagiscono affatto – e questo è un incidente

È necessario scegliere i liquidi per freni in base a diversi parametri:

  1. punto di ebollizione
  2. igroscopicità
  3.  viscosità
  4. impatto sulla gomma
  5. esposizione ai metalli
  6. stabilità
  7. proprietà lubrificanti

La sostituzione degli elementi dei freni deve essere effettuata tenendo conto della necessità, anziché della durata dell’auto. Se ci si muove in città, le pastiglie anteriori possono guastarsi dopo 10.000 km, anche se quando si guida fuori città durano 5-6 volte di più. Le pastiglie posteriori si usurano 2-3 volte più lentamente.

I principali difetti dell’impianto frenante Pastiglie dei freni usurate

  1. Pedale del freno basso Perdita di liquido dei freni
  2. Riempire la mancanza di liquido
  3. Pedale del freno troppo morbido
  4. Ebollizione del liquido dovuta all’aumento della temperatura del cilindro di lavoro
  5. Grande corsa del pedale del freno
  6. Guasto al pedale del freno Usura di uno dei cilindri del freno
  7. Grana quando si preme il pedale
  8. Attrito della pastiglia usurata sul disco del freno
  9. Danno meccanico alle superfici dei dischi o dei tamburi

Per evitare conseguenze negative, se il sistema frenante si guasta, è importante essere in grado di uscire dalla strada in modo corretto. In paese, ad esempio, il marciapiede oppone una resistenza supplementare al traffico. Sfregando un’auto contro il marciapiede, è possibile ridurre significativamente la velocità. In una lunga discesa, riducete la velocità cambiando gradualmente le marce da quelle più alte a quelle più basse. Su un terreno accidentato, cercate di raggiungere la salita successiva sul marciapiede, sul pendio o sulla corsia opposta e, quando la velocità scende quasi a zero, mettete l’auto di traverso, inserendo la retromarcia o la prima marcia, e tirate il freno a mano. In questo modo l’auto non potrà indietreggiare. Se non è possibile fermarsi, è necessario segnalare il pericolo agli altri utenti della strada lanciando un allarme o accendendo i fari.

Tutti i difetti che causano una frenata brusca della macchina sono il risultato di guasti al sistema che influiscono direttamente sulla sicurezza. Non ignorateli, quindi, anche al primo segno di guasto, ma recatevi al più vicino servizio di assistenza. Ignorandoli fin dall’inizio, si rischia di incorrere in costose riparazioni in futuro. E naturalmente, un buon impianto frenante è la chiave per salvarvi la vita!

Fonte dell’informazione:
Informazioni sull’impianto frenante da auto-doc.it
Informazioni sul liquido dei freni da nuovaauto.it

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.