Mercedes Classe A e B ibride plug-in

Mercedes Classe A e B ibride plug-in: prezzi, motore e prestazioni

La terza generazione delle ibride plug-in di Mercedes-Benz viene inaugurata con le nuove Mercedes Classe A e Classe B.

27 agosto 2019 - 11:00

Mercedes Classe A e B ibride plug-in – I veicoli ibridi plug-in sono un’importante pietra miliare sulla strada verso la guida priva di emissioni. Mercedes-Benz continua a sviluppare i suoi modelli ibridi plug-in, identificati con l’etichetta “EQ Power”.

Qui il listino completo ed aggiornato di MERCEDES-BENZ

Debuttano ora i modelli compatti a trazione ibrida di terza generazione: A 250 e (consumo di carburante combinato 1,5-1,4 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 34-33 g/km, consumo di corrente combinato 15,0-14,8 kWh/100 km), A 250 e Berlina (consumo di carburante combinato 1,4 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 33-32 g/km, consumo di corrente combinato 14,8 -14,7 kWh/100 km) e B 250 e (consumo di carburante combinato 1,6-1,4 l/100 km, emissioni di CO2 combinate 36-32 g/km, consumo di corrente combinato 15,4-14,7 kWh/100 km).

Le nuove vetture compatte con EQ Power si caratterizzano soprattutto per il piacere di guida (elettrica) e l’idoneità all’uso quotidiano, che si riscontrano in questi dati: autonomia elettrica di 70-75 km (NEDC); potenza elettrica di 75 kW; potenza complessiva di 160 kW; coppia complessiva di 450 Nm; velocità massima di 140 km/h (motore elettrico)/235 km/h (complessiva; Classe A berlina compatta); accelerazione 0-100 km/h in 6,6 secondi (Classe A berlina compatta); nessuna limitazione del vano bagagli.

Le vetture della categoria delle compatte di Mercedes-Benz montano il motore in posizione trasversale. Per il cambio a doppia frizione 8F-DCT è stato sviluppato un gruppo di trasmissione ibrido compatto che segue gli stessi principi tecnici del componente corrispondente nei veicoli con motore longitudinale.

Si tratta di un motore sincrono ad eccitazione permanente con rotore interno. Lo statore è integrato nella scatola del gruppo di trasmissione, mentre nel rotore del motore elettrico è collocata l’efficiente frizione di innesto del motore. Il raffreddamento dello statore e del rotore in funzione della necessità consente di sfruttare senza problemi la potenza di punta e quella continua del motore elettrico.

Per la prima volta in Mercedes-Benz, il motore a combustione interna è avviato esclusivamente dal motore elettrico; i modelli ibridi compatti non dispongono infatti di un motorino di avviamento da 12 volt separato (starter).

Come accumulatore dell’energia elettrica viene impiegata una batteria ad alto voltaggio agli ioni di litio dalla capacità complessiva di circa 15,6 kWh che può essere caricata da una fonte di energia elettrica esterna. A 250 e e B 250 e possono essere caricate con corrente alternata o continua.

La presa di corrente si trova nella fiancata destra della vettura. Se collegati a una wallbox di ricarica da 7,4 kW in corrente alternata (CA), questi modelli ibridi plug-in compatti passano da un livello di carica (SoC, Status of Charge) del 10% al livello del 100% in 1 ora e 45 minuti. La ricarica in corrente continua (CC) richiede circa 25 minuti per portare il livello di carica dal 10 all’80%.

L’innovativo impianto di scarico offre una configurazione particolarmente raffinata, dal momento che non si spinge fino alla coda della vettura, bensì sbocca centralmente sotto il pianale, con il silenziatore di scarico integrato nel tunnel centrale. L’integrazione del serbatoio del carburante sull’asse lascia spazio libero dietro i sedili posteriori per la batteria ad alto voltaggio. Di conseguenza, nei modelli A 250 e e B 250 e il volume del bagagliaio viene ridotto solo in misura minima rispetto ai modelli affini con motorizzazione non ibrida.

Poiché questi veicoli compatti adottano la tecnica della terza generazione plug-in, dispongono anche di tutte le relative funzioni, tra le quali figura la gestione intelligente dell’utilizzo di energia in funzione del percorso, che tiene conto, ad esempio, dei dati cartografici, dei limiti di velocità e dell’andamento dell’itinerario. Questa gestione dell’utilizzo di energia prende in considerazione l’intero percorso programmato e prevede la modalità di marcia elettrica per i tratti di strada più favorevoli.

Con l’introduzione di MBUX (Mercedes-Benz User Experience) gli stati di esercizio finora presenti in tutti i modelli ibridi plug-in EQ Power sono stati integrati nei programmi di marcia. In ogni modello ibrido plug-in di Mercedes-Benz, ad esempio, sono disponibili i nuovi programmi di marcia «Electric» e «Battery Level», già presenti anche a bordo dei modelli compatti.

«Electric» permette di usufruire delle massime prestazioni elettriche. Il motore a combustione interna viene avviato, in aggiunta a quello elettrico, soltanto quando il conducente preme il pedale dell’acceleratore in kick-down. Inoltre, con il programma «Electric» è possibile selezionare il recupero di energia con i paddle dietro il volante. Le levette di innesto sul volante consentono di impostare cinque diversi livelli di recupero (DAUTO, D+, D, D- e D–).

Sono disponibili anche i programmi Comfort, ECO e Sport, con i quali il guidatore può dare eventualmente priorità alla guida elettrica, oppure accentuare la dinamica di marcia con la trazione combinata o privilegiare la guida con motore a combustione interna, ad esempio se desidera conservare l’autonomia elettrica.

Un’importante funzionalità per il comfort è la preclimatizzazione, attivabile prima di avviare la vettura perché sia A 250 e sia B 250 e dispongono di un compressore del fluido refrigerante elettrico. La preclimatizzazione può anche essere attivata comodamente dallo smartphone. Anche il carico rimorchiabile dei modelli ibridi compatti è considerevole, pari a 1.600 kg (frenato).

Ricaricare la vettura alla rete elettrica di casa, ad esempio servendosi di una Mercedes-Benz Wallbox, è comodo e semplice, ma lo è anche quando si è in viaggio. Infatti il sistema di Infotainment MBUX aiuta il guidatore a cercare le colonnine di ricarica.

Grazie a Mercedes me Charge chi guida un modello ibrido plug-in può a richiesta accedere a una delle reti di ricarica più estese al mondo, con oltre 300 gestori diversi di stazioni di ricarica pubbliche solo in Europa (presenti in città, parcheggi, autostrade, centri commerciali). Grazie alla navigazione, i clienti
Mercedes-Benz trovano facilmente queste stazioni e accedono alle colonnine di ricarica sia tramite la scheda di ricarica Mercedes me Charge, sia con l’app Mercedes me o direttamente dall’auto. Non è necessario stipulare contratti diversi: dopo aver impostato la prima volta il metodo di pagamento e aver eseguito una semplice procedura di autenticazione, i clienti usufruiscono di una funzione di pagamento integrata con sistema di calcolo che addebita automaticamente ogni ricarica.

Entro la fine del 2019 Mercedes-Benz introdurrà più di dieci modelli ibridi plug-in, che andranno dalle vetture compatte fino all’ammiraglia Mercedes-Benz Classe S. L’obiettivo è quello di poter offrire ai clienti già nel 2020 ben oltre 20 varianti di modelli.

I nuovi modelli ibridi plug-in di Classe S, Classe E e Classe C, con autonomie elettriche fino a 50 km nel ciclo NEDC, sono già stati presentati lo scorso anno. L’aggiornamento di GLC con la tecnologia EQ Power è già ai blocchi di partenza: dotato anch’esso della catena cinematica ibrida di terza generazione, questo modello apre le porte al segmento dei SUV. Il prossimo modello a entrare a far parte della gamma EQ Power sarà GLE: con un’autonomia prevista nell’ordine di grandezza di 100 km.

I modelli A 250 e ed A 250 e Berlina possono essere ordinati da subito, con prezzi che partono da 36.943,55 euro2 e 37.300,55 euro3. Anche le vendite del modello B 250 e inizieranno a breve.

SEGUICI SU:
Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

vision mercedes simplex

Vision Mercedes Simplex: il concept è un trattore sgraziato

Audi A7 Sportback 55 TFSI e quattro

Audi A7 Sportback con il 2.0 TFSI abbinato al motore elettrico

Mercedes C 111

Mercedes C 111: la Mercedes più strana compie 50 anni