Mercedes Classe C

Nuova Mercedes Classe C: berlina o wagon, ma sempre comoda

La nuova Mercedes Classe C è più tecnologica e con motorizzazione plug-in Hybrid, sia diesel che benzina, con autonomia di 100 km.

24 febbraio 2021 - 8:00

Expand Your Comfort Zone” è il motto promozionale per la nuova Mercedes Classe C scelto dalla casa premium tedesca. Uno slogan già indice del lavoro fatto dal team di sviluppo del progetto per migliorare l’esperienza, la comodità, ma anche la tecnologia e le prestazioni, di quella che rimane la vettura più venduta dell’azienda. La nuova Classe C, come da tradizione, non taglia con il passato, ma piuttosto evolve un design esterno di suo già moderno ed elegante.

Il lavoro maggiore, per quanto riguarda la nuova generazione, riguarda infatti gli interni, che sono più spaziosi grazie alle dimensioni leggermente aumentate, e soprattutto molto più tecnologici. La segmento D di Mercedes, infatti, dispone di tutti i più avanzati sistemi di sicurezza ADAS, e soprattutto della seconda generazione di MBUX, il Mercedes-Benz User Experience che ha già debuttato sulla nuova Classe S. Il risultato è un sistema ancora più digitale e intelligente, con controlli del veicolo più semplici e immediati, grazie al sempre ottimo controllo vocale. In più, l’intero sistema di Mercedes è aggiornato via OTA, un po’ come accade sullo smartphone.

La nuova Mercedes Classe C ha un design elegante con un tocco sportivo

Una vettura che fin dal lancio della prima generazione, nel 1993, si è distinta per un mix tra sportivo ed elegante. La nuova generazione non è da meno, e si nota subito per delle proporzioni dinamiche, grazie a un design che la fa sembrare sempre in movimento. L’anteriore è lungo, così come il passo, ed entrambi fanno da contrasto a una coda invece molto corta. Dinamismo che riguarda anche la Mercedes Classe C Wagon, come da tradizione disponibile e che aggiunge alla comodità e al lusso, anche tanto spazio in più. In entrambe le versioni, dominano le proporzioni note come “design a cabina rovesciata”.

Soprattutto di lati, si notano gli effetti di luce prodotti dalle superfici scolpite. In più, nella Wagon, la linea progressiva del tetto con il lunotto inclinato va ad aumentare il tocco sportivo, senza compromessi funzionali. Tocco sportivo che viene poi prodotto dall’ampia carreggiata, e dai cerchi da 17 o 19 pollici, con design molto moderno. L’anteriore si distingue per la tipica griglia, con il logo Mercedes molto grande e, al contrario, i fari piccoli e dal design piuttosto tradizionale. La griglia anteriore cambia in ogni allestimento: per esempio, il modello base ha una stella centrale e delle lamelle. Nell’allestimento AVANTGARDE ci sono altri elementi decorativi nelle lamelle, mentre la griglia del radiatore e la cornice sono caratterizzate da cornici cromate. La caratteristica distintiva della linea AMG è la griglia diamantata con il design a stella in cromo. La parte che cambia di meno è quella posteriore, che riprende il tipico design delle berline Mercedes. I fari sono sottili, e hanno un nuovo design per le luci LED. Nella sedan, per la prima volta i gruppi ottici hanno un design diviso in due, con funzioni diverse per la parte esterna del gruppo ottico, e quella invece nel portellone del bagagliaio. Il design esterno si conclude con tre nuove colorazioni: Blu Spettrale, Argento High Tech e Bianco Opalite.

Come si diceva, la parte che cambia di più è quella degli interni. Il cruscotto è ora diviso in una sezione superiore e una inferiore. Nella parte superiore, dominano le nuove prese d’aria rotonde e piatte, che ricordano le gondole dei motori degli aerei. Tante le finiture, che percorrono tutta la plancia a partire dalla console centrale, e fino al cruscotto senza interruzioni. I tocchi di sportività sono presenti anche all’interno, a cominciare dal display e dal cruscotto, che sono inclinati di 6 gradi verso l’autista. Il cruscotto, in particolare, è uno schermo LCD indipendente, con risoluzione full HD, che sembra fluttuare davanti a chi guida. È possibile scegliere tra una versione da 10,25” e una da 12,3”. La novità più consistente è però quella del display centrale, che è ora più grande e ha uno sviluppo più verticale: da questo schermo touch si controllano tutte le funzioni del veicolo.

Di serie la nuova Mercedes Classe C monta un display da 9,5 pollici, ma a richiesta è possibile richiederlo da 11,9 pollici. Anche lo schermo della plancia ha un design studiato per farlo sembrare come fluttuante. L’aspetto dei display si può personalizzare con tre stili di visualizzazione (Discreto, Sportivo e Classico) e con tre modalità (Navigazione, Servizio, Assistenza). Nella visualizzazione “Sporty”, ovvero quella sportiva, il rosso diventa colore predominante, e il contagiri assume un design dinamico.

Per il resto, domina la qualità, come ci si aspetta da una vera Mercedes. Per esempio, i poggiagtesta hanno un nuovo design e sono fissati allo schienale, con un rivestimento sigillato sotto cui è presente il meccanismo di regolazione. Il cruscotto è interamente rivestito in pelle sintetica, con linee di cintura effetto nappa, che sono optional in tutte le versioni tranne che nella AMG Line, che invece le monta di serie. Ad ogni modo, la gamma di finiture disponibile è vastissima, e mette in mostra superfici innovative, come per esempio in legno a poro aperto nero con intarsi di vero alluminio.

Un concentrato di tecnologia

La nuova Mercedes Classe C riesce ad essere ancora più tecnologica che in passato. A partire dal suo celebre assistente vocale, “Hey Mercedes“, che è più interattivo e impara nel tempo, con possibilità anche di attivazione dei servizi online nell’applicazione ufficiale Mercedes Me. Alcune funzioni, inoltre, si possono attivare anche senza pronunciare la parola chiave “Hey Mercedes”, come per esempio l’accettazione di una telefonata. L’assistente serve anche a spiegare tutte le (innumerevoli!) funzioni del veicolo, nonché ad aiutare l’abbinamento a uno smartphone tramite Bluetooth, o ancora a trovare il kit pronto soccorso. Riesce a riconoscere anche tutti gli occupanti del veicolo, distinguendo le loro voci.

Come detto, la nuova Mercedes Classe C dispone del nuovo MBUX introdotto sulla Classe S, che rende la vettura un vero e proprio centro di controllo mobile per la casa. Grazie alla connesione WLAN, Smart Home permette di rendere la casa più intelligente e comunicativa. Dall’auto è quindi possibile impostare la temperatura, accendere o spegnere le luci, alzate le tapparelle, attivare gli elettrodomestici. Ancora, è possibile sapere se c’è qualcuno in casa. Tutte funzioni che verranno implementate nel tempo, e che in parte sono già disponibili grazie all’integrazione con, per esempio, Bosch Smart Home e Samsung SmartThings.

In più, con un abbonamento a parte, l’MBUX della nuova Mercedes Classe C dispone del servizio “Online Music”, che integra tutti i principali servizi di streaming musicale (da Spotify a Apple Music) nel sistema di infotainment, dal quale è possibile accedere direttamente al proprio profilo del servizio scelto.

Anche ibrida

In linea con il processo di elettrificazione del marchio, la nuova Mercedes Classe C è anche plug-in hybrid, con possibilità di avere il motore termico sia con alimentazione a benzina, che con alimentazione diesel. Una scelta in linea con la concorrenza, e che permette a Mercedes di rimanere in uno dei suoi target principali, ovvero quello delle flotte per i dirigenti aziendali, che in questo modo possono percorrere i loro numerosi km annui risparmiando ancora di più, con il connubio full electric – motore diesel.

Si tratta di una delle propulsioni ibride plug-in più potenti sul mercato, se non la più potente: il motore elettrico è infatti da 129 CV e permette di avere un’autonomia di 100 km. Nessun problema per quanto riguarda la ricarica, visto che grazie al caricatore da 55 kW è possibile ricaricare completamente la batteria, da scarica, in mezz’ora, presso le colonnine che lo consentono o con wall-box domestica. A questo si uniscono diverse configurazioni per il motore termico, che vanno dal quattro cilindri da 170 CV fino al più potente di tutti, il 300 4 Matic d 258 CV. In ogni caso, comunque, la Mercedes Classe C EQ Power ha tanta potenza e tanta coppia, che eliminano ogni tipologia di problema in partenza, in fase di immissione autostradale o rotonde, o in ripresa.

Non sono ancora stati svelati i prezzi e il lancio per il mercato italiano, che dovrebbe comunque avvenire nel corso del 2021.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Lexus UX Hybrid Deep Sky

Lexus UX Hybrid Deep Sky: la limited edition personalizzabile

Mitsubishi Eclipse Cross PHEV

Mitsubishi Eclipse Cross PHEV disponibile in Italia da 29.900 €

Citroen C5 X

Tutto quello da sapere sulla nuova Citroen C5 X