Alfette polizia carabinieri

Modellini auto: come si scelgono per la propria collezione?

Oggi vi spiego come fare una collezione perfetta!

7 aprile 2020 - 21:00

Colleziono modellini di automobili da sempre, in pratica da quando ho smesso di giocare con le “macchinine”. E’ stato un passaggio naturale, che mi ha portato ad interessarmi a tutto ciò che riguarda il mondo dell’automobile. Visto il prolungato periodo di quarantena ed il molto tempo libero che abbiamo, qui di seguito vorrei darvi alcuni consigli per avvicinarvi a questo meraviglioso hobby, magari invogliandovi ad intraprendere una vostra strada nel mondo del collezionismo.

Come scegliere il tema giusto

Argomento fondamentale è trovare una tematica, vale a dire una logica con cui collezionare i modellini. Spaziare su più scale, cioè i vari rapporti di riduzione, comprando quello che piace al momento, magari invogliati da prezzi particolarmente vantaggiosi, è controproducente; ci si trova sommersi da una miriade di oggetti a più o meno piccoli a quattro e più ruote che non seguono un filo logico e non raccontano alcunché.

Nonostante nei decenni abbia raccolto un numero veramente notevole di modellini, mi piace che essi raccontino appunto delle storie o diano delle emozioni. Ci si può quindi dedicare all’evoluzione di una Casa automobilistica, come potrebbe essere per esempio le Ferrari, la Fiat o la Opel, piuttosto che ad un dato modello, come le Porsche 911 raffreddate ad aria, le varianti della Fiat 600 e così via.

Ci sono collezionisti che si occupano di hot hatch o  muscle car americane, altri di vetture anteguerra, chi preferisce le utilitarie, i mezzi elle forze dell’ordine o dei vigili del fuoco. Altri ancora collezionano le Formula 1 che hanno vinto il mondiale o le auto da rally. C’è anche chi si dedica ad un singolo produttore di automodelli, come possono essere i BBurago o i Polistil, o chi cerca tutte le varianti o versioni di colore di un tipo di auto, come potrebbe essere la Giulia.  Come vedete gli spunti per iniziare una o più collezioni che seguano un filo logico sono parecchi, quasi infiniti.

Essendomi particolarmente dedicato negli ultimi dieci anni al mondo delle youngtimer, la mia collezione ha ovviamente preso una piega in tal senso, con la vendita di soggetti che non ho più ritenuto interessanti e l’acquisizione di altri che lo sono diventati nel tempo. L’uscita di riproduzioni più raffinate mi ha anche portato a sostituire modellini che non consideravo più attuali con altri, maggiormente dettagliati. Quindi, in base ai propri spazi, gusti e disponibilità finanziarie è logico che il collezionare automobiline sia un qualcosa di dinamico, che muta nel tempo seguendo la propria cultura automobilistica, il che porta non soltanto ad acquisti che si sommano gli uni agli altri ma anche a vendite, scambi e ricerche di”pezzi” magari particolarmente rari per i quali la caccia potrebbe durare anni.

Commenta per primo