Volkswagen ID.3

Greenpeace Germania fa causa a Volkswagen per gli obiettivi sulle emissioni di carbonio

Greenpeace Germania e Clara Mayer di Friday for Future hanno denunciato Volkswagen per non aver fatto abbastanza contro il cambiamento climatico.

10 novembre 2021 - 7:00

Clara Mayer di Friday for Future e Greenpeace Germania hanno citato in giudizio Volkswagen, ma questa volta non c’entra il dieselgate. L’accusa alla casa automobilistica tedesca è di non aver fatto la propria parte per combattere il cambiamento climatico. Da notare anche che Greenpeace sostiene una causa identica presentata da un agricoltore biologico in un altro tribunale regionale tedesco.

La Mayer e Green Peace in più di 120 pagine (PDF scaricabile qui) vogliono dimostrare che le promesse di Volkswagen per una maggiore protezione del clima “sono solo parole”. E, per rimarcare la questione, fanno i calcoli in tasca a VW per quanto riguarda la CO2 prodotta.

Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change, per avere il 50% di possibilità di limitare il riscaldamento globale a un tollerabile 1,5 gradi, non si possono emettere più di 500 gigatonnellate di CO2. Questo bilancio è come una torta, dice Greenpeace. Quale fetta spetta a un’azienda come la VW è elencato nella dichiarazione di credito sulla base dei calcoli dell’Agenzia Internazionale dell’Energia. In termini concreti, questo significa che se la casa automobilistica vende veicoli a combustione interna dopo il 2030, e questi circoleranno sulle strade in media per 17 anni, il budget a cui VW ha diritto sarà drasticamente superato.

VW è un grande produttore di CO2, tanto da equivalere ad uno Stato, con una corrispondente responsabilità per la protezione del clima“, dice Roda Verheyen, avvocato dei querelanti. “Gli Stati emettono pochissima CO2, ma le imprese come la VW ne emettono molta, e lo fanno a livello globale. Ciononostante, le imprese tedesche ed internazionali pensano ancora che il proprio percorso e il proprio impegno per la protezione del clima possano essere poco chiari e vaghi“.

La causa sul clima contro Volkswagen è stata rafforzata da una sentenza dei Paesi Bassi. Nel caso precedente contro Shell, un tribunale ha stabilito che non solo gli Stati ma anche le società devono ridurre le loro emissioni di gas serra in linea con gli obiettivi climatici globali ed ha condannato la compagnia petrolifera e tutte le sue filiali a una protezione del clima significativamente maggiore. Anche se la società ha inizialmente si è riservata di ricorrere in appello, pochi giorni fa ha annunciato una nuova strategia per dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2030.

Come secondo produttore di automobili al mondo, VW è in prima linea in un’industria che contribuisce significativamente al riscaldamento globale e sarebbe responsabile di un’impronta di CO2 equivalente alle emissioni annuali dell’intera Australia. Con la loro causa, Mayer, e Greenpeace chiedono a Volkswagen di eliminare rapidamente il motore a combustione interna. Questo è l’unico modo, secondo loro, per realizzare un rapido passaggio verso l’elettromobilità e alle offerte che permettono una mobilità condivisa e rispettosa del clima.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Kia EV6

Le migliori 9 auto elettriche long range per i viaggi lunghi

auto più vendute

Le 50 auto più vendute in Italia nel 2021 con i dati del mese di Novembre

Seat Leon

Seat Leon 2021 Mild Hybrid: le caratteristiche della compatta catalana