Hublot Big Bang Unico Sang Bleu II All Black: puro inchiostro nero

Caterina Di Iorgi
30/09/2020

Hublot Big Bang Unico Sang Bleu II All Black: puro inchiostro nero

Per questa nuova collaborazione artistica tra Hublot e Maxime Plescia-Büchi, il concept All Black di Hublot è stato inciso con inchiostro nero, come un blackout tattoo per creare Hublot Big Bang Unico Sang Bleu II All Black.

Audace e monocromatico, Hublot Big Bang Unico Sang Bleu II All Black sfoggia tutta la geometria tridimensionale creata dal geniale talento grafico del tatuatore. Il materiale, iniettato di colore nero, lucido e satinato, ricco di angoli e sfaccettature, svela un gioco di luci e ombre nel motivo in rilievo. L’iconico stile monocromatico è ora indelebile.

Il “blackout tattoo” o “blackwork tattoo” è un tatuaggio che generalmente copre per intero delle aree del corpo con solo inchiostro nero. Maxime Plescia-Büchi trasforma i suoi tatuaggi in opere d’arte per il corpo affascinanti e accattivanti.

Hublot Big Bang Unico Sang Bleu II All Black

L’artista collabora con Hublot dal 2016, scolpendo i materiali con gli stessi tratti decisi che ornano il corpo delle persone, disegnando forme ipnotiche e al contempo architettoniche. Questa nuova interpretazione, il Big Bang Unico Sang Bleu II All Black, è interamente tinta con inchiostro nero, il colore preferito di Hublot e dell’artista.

Il look all black è un processo dialettico in cui gli elementi di stile lasciano spazio all’espressione pura di forme e intenzioni. Questo processo viene declinato con un tatuaggio sul corpo, e si traduce analogamente in un’opera d’arte orologiera. Il tatuaggio “blackout” è la massima espressione della maestria in chiave minimale e lascia intravedere il corpo enfatizzandone curve e forme naturali.

Hublot Big Bang Unico Sang Bleu II All Black

Il Big Bang Sang Bleu II All Black, con la sua sagoma peculiare, rivela la ricercatezza della struttura. I tatuaggi così come gli orologi interamente neri sono pezzi che vanno al di là di tempo e stile, l’obiettivo finale di ogni progetto artistico.

Nel 2006 Hublot realizza un modello nero monocromatico definito “All Black”, una visione rivoluzionaria destinata a diventare una firma inconfondibile: “La visibilità invisibile”. Per pura coincidenza, proprio il 2006 è l’anno in cui Maxime Plescia-Büchi definisce l’inchiostro nero come mezzo distintivo di espressione personale.

Nello spirito del blackwork tattooing, le forme geometriche astratte che di solito vengono disegnate sulla pelle sono integralmente nere e qui coprono il corpo dell’orologio di un nero al contempo profondo e simbolico. Impegnativo proprio come l’inchiostro completamente nero, che richiede precisione e abilità maggiori da parte dell’artista, il materiale monocromatico impiegato in questo modello esige la stessa perfezione.

Su una cassa da 45 mm di diametro realizzata in ceramica nera e titanio con trattamento PVD nero, l’esperto tatuatore alterna e sovrappone esagoni, rombi e triangoli, per misurare il tempo dalla lunetta al movimento cronografico di manifattura Unico HUB1240 a carica automatica, visibile sotto un quadrante scheletrato e un fondello aperto.

Hublot Big Bang Unico Sang Bleu II All Black

Questo orologio monocromatico non rinuncia a un effetto di profondità, tutt’altro: il gioco di poligoni creato
dal tatuatore è messo in risalto grazie alla luce che si riflette direttamente sul materiale satinato e lucido,
intagliato e cesellato, angolare e sfaccettato. Il Big Bang Unico Sang Bleu II All Black si tinge di inchiostro, proprio come un tatuaggio. Indelebile!

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.