Moto Guzzi V100 Mandello ad Eicma 2021

Tutte le informazioni sulla Moto Guzzi V100 Mandello

25 novembre 2021 - 10:00

Moto Guzzi V100 Mandello: un nome carico di significato. Omaggia infatti i cent’anni della società, compiuti proprio nel 2021 e che rappresentano un nuovo punto di partenza. E omaggiano anche Mandello del Lario (LC), dove sorge lo storico stabilimento volto alla produzione anche di questa nuova motocicletta.

Un nuovo inizio, un nuovo secolo nel quale Moto Guzzi ha intenzione di continuare a produrre moto autentiche e di forte impatto, ricche di fascino ma moderne e comprendenti tecnologia avanguardistica. Con un “must have”: la produzione italiana.

Moto Guzzi V100 Mandello: 100 anni di storia, 100 anni verso il futuro

Una tappa, non una fine: Moto Guzzi V100 Mandello celebra il primo secolo di storia dell’azienda, e i prossimi cento anni in cui Moto Guzzi, oggi parte del Gruppo Piaggio, ha intenzione di innovare. Ma 100 anche per evidenziare la cilindrata del nuovo e assai moderno propulsore, che costituisce la base per la prossima generazione di veicoli Moto Guzzi, introdotti via via nei prossimi anni.

Innovativa nel design, Moto Guzzi V100 Mandello si fa notare per le soluzioni tecniche e aerodinamiche inedite, che partono dalla valorizzazione dell’iconico motore bicilindrico. Sono linee poco nostalgiche, che si propongono in realtà come reinterpretazione moderna dei pilastri tipici della filosofia di Moto Guzzi, per esempio le forme del serbatoio che hanno l’aria sagomata dalle testate del motore; o i fianchetti sottosella, le cui feritoie sono un esplicito richiamo alla Le Mans del 1976. E come il capolino, che invece omaggia la Le Mans 850 III del 1981.

L’importanza è quindi cruciale: Moto Guzzi V100 Mandello è per l’azienda una svolta nella sua storia. La prima con aerodinamica adattiva, la prima con moderne ed evolute soluzioni elettroniche, quali la piattaforma inerziale a sei assi, il cornering ABS, le sospensioni semiattive, il quick shift.

Il compact Block

Soprattutto, Moto Guzzi V100 Mandello è la prima motocicletta dell’azienda con il nuovo propulsore Compat Block, che si distingue per le sue raffinate caratteristiche tecniche. La tradizione è rispettata dall’archirettura a V trasversale a 90° del bicilindrico, che inquesto modo permette di erogare la coppia e il sound inimitabile del marchio, su un progetto tutto nuovo.

Il motore, progettato da zero, è compatto e leggero, più corto di 1,03 cm rispetto allo small Block della Moto Guzzi V85 TT. Il propulsore è diverso anche da tutti gli altri motori di recente sviluppo di Mandello del Lario, grazie alle teste ruotate di 90 gradi che migliorano l’abitabilità di bordo e razionalizzano la posizione dei componenti della linea di aspirazione.

Tutto questo permette di avere una cilindrata effettiva di 1042 cc, con distribuzione a doppio albero a camme in testa con bilancieri a dito e quattro valvole per cilindro, tutti comandati a catena. La lubrificazione è a carter umido, il raffreddamento a liquido, la frizione è in bagno d’olio ed è dotata di comando idraulico. La potenza? 115 CV e coppia di oltre 105 Nm, dei quali il 90% è già disponibile a 3.500 giri/minuto, mentre il limitatore è fissato in alto, a 9.500 giri/minuto.

Tanto comfort

Agile e potente, ha un’attitudine da viaggiatrice grazie alla generosa sella e alla posizione di guida attiva e decentrata. Il manubrio in alluminio è singolo e a sezione variabile, che aumenta il controllo nella guida sportiva e permette una posizione in sella rialzata più rilassata, visto che i viaggi in coppia sono alla base di tutto il progetto. Il passeggero, infatti, può contare su una porzione di sella ambia e ben imbottito, nonché su comode maniglie d’appiglio con una postura che permette piacevoli trasferimenti e grande relax.

Tra gli accessori, presenti in un ricco catalogo, c’è an che un set di motovaligie, che non ha bisogno di supporti aggiuntivi per essere montato in modo da non influenzare troppo l’ingombro laterale e il peso della moto. Inoltre, per la prima volta al mondo, Moto Guzzi V100 Mandello adotta un sistema di aerodinamica adattiva che regola automaticamente la posizione dei deflettori posti ai lati del serbatoio da 17,5 litri a seconda sia della velocità che del riding mode selezionato.

A proposito delle modalità di guida, sono quattro: Viaggio, Sport, Pioggia, Strada. Ognuno di loro gestisce tre diverse mappe motore, quattro livelli di traction control, tre livelli di freno motore e anche la taratura delle sospensioni semiattive Öhlins Smart EC 2.0, quando presenti di serie, che sono in grado di adattare automaticamente l’idraulica momento per momento al tipo di guida adottata, e alle condizioni dell’asfalto.

Il comfort è amplificato dalla tecnologia: il pilota deve solo selezionare il Riding Mode preferito, e la moto si regola automaticamente – ma sempre con possibilità di personalizzazione. Di serie c’è poi il display TFT da 5 pollici, fari full LED con DRL, sistema bending lights con fari supplementari.

Due versioni

Moto Guzzi V100 Mandello arriva in due versioni, distinte per allestimento. La più ricca ha di serie:

  • Sospensioni semiattive Öhlins;
  • Quick Shift;
  • Manopole riscaldabili;
  • Sistema multimediale Moto Guzzi MIA, che permette di collegare lo smartphone alla strumentazione tramite bluetooth, estendendone le funzioni. MIA permette la gestione di assistente vocale, telefonate e musica con gli intuitivi comandi al manubrio, e anche la funzione di navigazione che, dopo aver impostato il percorso su smartphone, mostra le indicazioni sul display.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Yamaha R1 Replica Toprak Razgatlıoglu

Yamaha R1 Replica Toprak Razgatlioglu in edizione limitata di 21 esemplari

autovelox

Autovelox Lazio: tutte le postazioni dal 6 al 12 Dicembre

polizia auto senza assicurazione

Cosa si rischia se si guida un’auto senza assicurazione