Agusta Brutale 800 RC: una model year 2019 di impatto

7 novembre 2018 - 15:21

Agusta Brutale 800 RC è una moto che riporta alla memoria le versioni più eclatanti e aggressive della Brutale quattro cilindri, modello che rivoluzionò il design nel segmento, puntando anche su prestazioni estreme. Spicca la componentistica in fibra di carbonio, composta dallo spoiler del parafango anteriore, dal parafango posteriore, dai fianchetti del serbatoio e dal copri cruscotto.

Forte l’impatto dei cerchi a razze, inequivocabilmente rossi, a completare la colorazione racing comune alla gamma RC e resa ancora più coinvolgente dai loghi degli sponsor tecnici.

Il motore di Agusta Brutale 800 RC

Agusta Brutale 800 RC ha nell’anima un motore tre cilindri, 4 tempi, 12 valvole con distribuzione con doppio albero a camme in testa, con tenditore meccanico. Coppia massima  87 Nm (8,87 kgm) a 10.100 giri/min. Raffreddamento a liquido e olio con con radiatori separati. Sistema integrato di accensione-iniezione MVICS 2.0 (Motor & Vehicle Integrated Control System) con sei iniettori. Centralina di controllo motore Eldor EM2.0; corpo farfallato full ride by wire Mikuni; bobine pencil-coil dotate di tecnologia “ion sensing”, controllo della detonazione e misfire. Controllo di coppia con 4 mappe, Traction Control ad 8 livelli di intervento.

Cambio estraibile a sei velocità con ingranaggi sempre in presa e frizione multidisco in bagno d’olio a comando idraulico con dispositivo antisaltellamento meccanico. Agusta Brutale 800 RC raggiunge una velocità massima di 244 Km/h. Consumo carburante dichiarato su combinato 6,7l/100 Km.

La ciclistica di Agusta Brutale 800 RC

Agusta Brutale 800 RC ha un telaio di tipo tubolare a traliccio ALS con piastre fulcro forcellone in lega di alluminio. Le sospensioni anteriori sono di tipo forcella Marzocchi oleodinamica a steli rovesciati in alluminio con trattamento DLC, con foderi anodizzati e sistema di regolazione esterno e separato del freno in estensione, in compressione e del precarico molla. Le sospensioni posteriori sono di tipo progressiva, monoammortizzatore Sachs regolabile in estensione, in compressione e nel precarico molla. Ammortizzatori di sterzo con sistema di regolazione manuale su 8 livelli.

Impianto frenante con l’anteriore a doppio disco flottante (Ø 320 mm) con fascia frenante e flangia in acciaio e posteriore a disco in acciaio (Ø 220 mm).

Cerchi forgiati in lega di alluminio da 17″. Spoiler parafango anteriore, parafango posteriore, copertura cruscotto e fianchetti serbatoio sono in carbonio.

Componenti a corredo:

  • Terminale di scarico in titanio SC Project
  • Centralina per terminale di scarico SC (con mappatura dedicata scarico libero)
  • Telo coprimoto
  • Certificato di origine
  • Serie limitata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

gamma Harley-Davidson 2020

Harley-Davidson 2020: tutte le novità

Harley-Davidson Softail Low Rider S 2020

Harley-Davidson modelli 2020: qualche anticipazione

VOLTA BCN City

Moto elettriche 2019: modelli, prezzi e autonomia