Triumph Trident 660

Triumph Trident 660: la nuova roadster a partire da € 7.995,00

Una nuova dimensione di divertimento, prestazioni e stile su due ruote!

30 ottobre 2020 - 15:00

Pur riportando in vita un nome storico e che affonda le sue radici nella tradizione del marchio, la nuova Triumph Trident 660 segna il primo capitolo di storia completamente nuova che vede Triumph debuttare nel segmento delle roadster medie della categoria entry level.

Triumph Trident 660 ha prestazioni appaganti, carattere distintivo, equipaggiamento completo e uno stile minimale e curato nei minimi particolari, non senza un tocco italiano dato dalla collaborazione con il designer Rodolfo Frascoli.

Triumph Trident 660: motore

Per la prima volta, una moto di questa categoria monta un motore a 3 cilindri: 660 cc, una emozionante voce allo scarico, un piacere di guidare elevato lungo tutto l’arco di erogazione. Per rispondere alle esigenze specifiche della Trident, il propulsore è stato aggiornato in ben 67 componenti e ha ricevuto un impianto di scarico e un set up elettronico dedicato, alla ricerca di una erogazione piena e brillante nell’utilizzo cittadino.

Il frazionamento a 3 cilindri è da sempre sinonimo di equilibrio tra la spinta ai bassi di un bicilindrico e la linearità e spunto agli alti di un 4. Nel caso specifico di una media cilindrata, questa scelta risulta ancora più centrata e appagante per il pilota che può assaporare il piacere di un propulsore sempre pronto e pieno, ma allo stesso tempo assolutamente lineare ed elastico.

Il carattere e l’erogazione del motore sono stati appositamente studiati per assicurare il miglior comportamento nell’utilizzo urbano e quotidiano. I dati di performance assoluti sono rilevanti, ma ancora più significativi sono le linearità e la trattabilità che emergono dai numeri: 81CV a 10.250 giri/min e oltre il 90% della coppia massima
è sempre disponibile lungo la maggior parte del contagiri, con un picco di 64Nm a 6.250 giri/min.

Triumph Trident 660: kit per riduzione potenza per patente A2

Per rendere la moto compatibile con possessori di patenti A2, è disponibile un kit in postmontaggio che prevede un set up elettronico dedicato. Il picco di potenza massima viene così ridotto a 47.8 CV a 8.750 giri/min e la coppia si attesta a 51Nm a 5.250 giri/min. L’operazione è reversibile in Concessionaria.

Grazie al nuovo silenziatore particolarmente compatto e posizionato in basso, la tonalità di scarico della Trident 660 risulta particolarmente grintosa e inconfondibile nel suo segmento di appartenenza. Il carattere sportivo della moto traspare chiaramente fin dalla prima rotazione della manopola del gas.

Triumph Trident 660: prestazioni

Il cambio a 6 velocità della Trident è dotato di rapporti interni e di una trasmissione finale specificamente studiati in coerenza alla destinazione d’uso della #moto, ottimizzando divertimento di guida, brillantezza e utilizzo quotidiano. Questa caratteristica viene ulteriormente enfatizzata dall’adozione di una nuova frizione anti-saltellamento particolarmente confortevole da azionare, in quanto decisamente leggera e adatta ad essere frequentemente chiamata in causa nell’uso urbano. Disponibile come accessorio originale, il cambio Triumph Shift Assist bidirezionale può rendere l’esperienza di guida ancora più appagante e divertente.

Triumph Trident 660: telaio

Telaio e posizione in sella sono progettate per supportare una guida e attiva dinamica, ma senza risultare affaticante – la moto è compatta tra e gambe, la posizione in sella è moderatamente eretta e facilita il controllo in ogni situazione, il piano di seduta si attesta a 805mm in modo da risultare compatibile anche con motociclisti o motocicliste meno esperte che ricercano un saldo contatto con il terreno, pur senza sacrificare l’abitabilità.

Il design elegantemente sportivo non dimentica l’ospitalità per l’eventuale passeggero, al quale viene riservata una porzione adeguata e correttamente imbottita, nel rispetto del design filante del codino. Una coppia di maniglie dedicate al passeggero è a disposizione all’interno del catalogo accessori.

Triumph Trident 660: tecnologia

La Triumph Trident 660 ha una strumentazione completamente nuova, compatta ed elegante: ogni informazione viene visualizzata in modo intuitivo e chiaro, grazie all’integrazione tra il display TFT a colori e un secondo display LCD con white-on-black. La strumentazione, quando abbinata al sistema (accessorio originale) My Triumph Connectivity System, è in grado di offrire la navigazione turn-by-turn, l’interfaccia di comando della propria GoPro, del proprio smartphone e della musica preferita, tutto tramite connessione Bluetooth e i blocchetti elettrici a manubrio, in totale sicurezza.

Sono tre le componenti del pacchetto elettronico offerto di serie sulla Trident: 2 riding mode, controllo di trazione disattivabile e ride-by-wire. Le modalità di guida ‘Road’ e ‘Rain’ aumentano la fiducia e la sicurezza del pilota, la sua sensazione di controllo e di sicurezza attiva in quanto intervengono sulla curva di erogazione e sui parametri di intervento del controllo di trazione. La variazione del carattere del motore e della sua erogazione è possibile grazie all’adozione di un acceleratore ride-by-wire. Le prestazioni del motore a 3 cilindri da 660cc viene gestito da un controllo di trazione con modalità di intervento differenziate e integrate con i 2 riding mode, e rapidamente escludibile attraverso il dashboard di bordo. In aggiunta, l’impianto frenante Nissin è evidentemente dotato di sistema ABS.

La Trident 660 è dotata di un nuovo proiettore a LED del diametro di 7’’, specificamente disegnato per questo modello e dotato di un elegante logo Triumph all’interno della parabola. Anche il fanalino posteriore, elegantemente integrato nella linea del codino, è full LED e riporta il logo Triumph. A LED sono anche gli indicatori di direzione dotati di funzione di disattivazione automatica. Sono disponibili in versione scrolling con attivazione progressiva nel catalogo accessori.

Triumph Trident 660: design

Il design della nuova Triumph Trident 660, frutto della collaborazione con il designer Rodolfo Frascoli, introduce uno stile contemporaneo che se da una parte ripesca alcuni concetti da iconiche Triumph del passato, dall’altro esprime linee pure, minimaliste ed elegantemente sportive che la differenziano chiaramente dalle forme più scolpite e tese delle altre roadster della gamma Triumph.

Il design distintivo della nuova Triumph Trident 660 è caratterizzato da alcuni componenti completamente nuove quali il serbatoio da 14L, dalle linee equilibrate e contemporanee particolarmente definite nella zona destinata ad accogliere le ginocchia. I cerchi in alluminio sono leggeri e dotati di 5 razze a sottolineare l’attitudine dinamica della moto. Nuovo è anche lo scenografico forcellone posteriore che include il sostegno al sottile portatarga corredato dagli indicatori posteriori.

La Trident sarà ordinabile scegliendo tra le seguenti 4 livree: Sapphire Black, Crystal White, Silver Ice & Diablo Red e Matt Jet & Matt Silver Ice.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Suzuki GSX-S1000GT

Suzuki GSX-S1000GT: la nuova Gran Turismo

patente

Patente di guida: i canditati con DSA hanno più tempo all’esame di teoria.

Kymco DTX360

Kymco DTX360: dinamico e brillante in tutte le occasioni