Yamaha RD 500 LC Youngtimer: prima replica stradale della 500 da corsa

Con questa ci si sentiva subito Kenny Roberts.

20 marzo 2020 - 15:30

La Yamaha RD 500 LC è stata la prima moto replica delle moto della leggendaria classe 500 del Motomondiale, quando Kenny Roberts dominava in pista. Un vero mito, di quelli che ti facevano girare la testa quando passava. Merito del motore a due tempi, con quel suono inconfondibile che ti portava dentro ad un Gran Premio.

Yamaha RD 500 LC: perchè arrivò sul mercato

Negli anni Ottanta, quando la classe regina del Motomondiale si chiamava 500 e non MotoGP, Honda, Yamaha e Suzuki si davano battaglia sui campi di gara con le loro mezzolitro a due tempi.

Torniamo allora al 1981. Yamaha e Suzuki partecipavano rispettivamente con la YZR 500/OW54 guidata da Kenny Roberts e la RG 500/XR35 pilotate da Marco Lucchinelli, Franco Uncini e Randy MamolaFreddie Spencer e la sua nuova Honda NS 500 arrivarono invece, insieme a Takazumi Katayama e “Lucky,” nel frattempo passato alla Casa alata, solo l’anno seguente, dopo una stagione di “riflessione” a seguito degli insuccessi della NR500 con motore quattro tempi a pistoni ovali. Quasi naturale fu quindi la commercializzazione da parte delle Case, di modelli “replica”.

La prima della tre case giapponesi a presentare una replica fu la casa dei tre diapason con la sua RD 500 LC nel 1984, cui seguirono poco dopo nell’85 Suzuki con la RG 500 Gamma e Honda, che a dire il vero restò fuori dalla “competizione su strada” con la sua NS 400 F, la quale differenziava non solo per la cilindrata inferiore ma anche per la disposizione a tre cilindri (uno verticale e due orizzontali) invece di quattro, fedele a quella utilizzata in pista dalla NS500.

Yamaha quindi aprì la strada alle racer replica con motore a due tempi e non a caso la sigla RD significa proprio Race Developed. Il prototipo, denominato RZV 500R, venne presentato al Tokyo Motor Show del 1983 ed era ispirato alla YZR 500/OW61 del Mondiale 1982, derivata dalla OW60 dello stesso anno, la prima a utilizzare il quattro cilindri a V, in sostituzione di quello in quadrato utilizzato fino al 1981 sulla OW54.

Commenta per primo