Suzuki MotoGP 2019, svelata la GSX-RR di Alex Rins e Joan Mir

Presentazione in streaming del Team Ecstar Suzuki MotoGP 2019: svelata la livrea della GSX-RR di Alex Rins e Joan Mir

4 febbraio 2019 - 10:03

E’ stato presentato in streaming anche il Team Ecstar Suzuki MotoGP 2019. A pochi giorni dal via dei test ufficiali IRTA sul circuito di Sepang, in Malesia, la Factory di Hamamatsu ha svelato la livrea della nuova Suzuki GSX-RR caratterizzata dalla classica colorazione azzurra e gialla con il mega logo Suzuki sulla fiancata. Nuova la coppia schierata dal Team Ecstar Suzuki MotoGP, con il confermato spagnolo Alex Rins affiancato dal connazionale Joan Mir, al debutto nella top class.

Una scelta pensata per continuare la filosofia Suzuki MotoGP 2019 far crescere giovani talenti. Dopo due stagioni in sella alla GSX-RR, Alex Rins sarà il pilota “esperto” nel team Suzuki MotoGP, dopo aver conquistato 5 podi durante la stagione 2018. Avrà il chiaro obiettivo di raggiungere il gradino più alto del podio il prima possibile. L’esordiente Joan Mir ha già dimostrato di non essere spaventato dalla classe regina, dimostrando solide prestazioni nei test di novembre a Valencia e Jerez. Può contare su una solida squadra intorno a lui, che ha molta esperienza nella gestione dei giovani piloti. E senza alcuna pressione sulle sue spalle, quest’anno sarà infatti una fase di apprendimento nel Team Ecstar Suzuki MotoGP.

Davide Brivio – Team Manager – Team Ecstar Suzuki MotoGP:

“Stiamo per iniziare una stagione interessante, l’anno scorso abbiamo sorpreso tutti con i nostri progressi, un costante ritorno sul podio e un ottimo finale di campionato. Avere ancora con noi Alex Rins è molto importante per migliorare le prestazioni: ha la freschezza mentale dei giovani, ma anche costanza e saggezza. È un pilota che ha già dimostrato il suo talento: dobbiamo solo lavorare duro per fare il passo successivo con lui, essendo consapevoli di quanto siano forti anche i nostri concorrenti. Al suo fianco c’è Joan Mir, che farà il suo debutto nella massima categoria: è la terza volta che prendiamo un debuttante, crediamo fortemente che abbia un grande talento e ora spetta al team sfruttare le sue potenzialità con la nuova moto”.

Alex Rins:

“Non ce la facevo più! Questa pausa invernale mi è sembrata così lunga che non vedevo l’ora di tornare a guidare. Dopo gli ultimi test, a novembre, ho dato agli ingegneri un feedback chiaro su cui lavorare e per quanto ne so le novità che sperimenterò a Sepang non saranno drastiche, ma rappresenteranno solo tanti piccoli miglioramenti in molte aree: la filosofia Suzuki è questa. Credo che il team ci fornirà un pacchetto che ci aiuterà a migliorare ulteriormente: nel 2018 abbiamo dimostrato di poter lottare costantemente per il podio e ora è il momento di ottenere il premio più grande, la vittoria”.

Joan Mir:

“Sono molto emozionato, è inutile che ve lo dica. Sono felice di tornare in sella dopo un inverno molto lungo, quasi noioso, in cui mi sono concentrato sull’allenamento fisico. Mi servono più ore in moto, ci sono tante cose che devo ancora capire per essere più efficace, ma mi sento molto supportato dal team e farò affidamento sulla loro esperienza per migliorare e far crescere la mia moto. Non ho pressione, il mio obiettivo sarà di chiudere la stagione con un distacco minore dal vincitore rispetto a quello della prima gara”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

10 motivi per non perdere la MotoGP 2019

Vale Story: il libro dei primi 40 anni di Valentino Rossi

MotoGP 2019, meno chiacchere, meno gossip e più gasss!