PirellI Diablo 2019: la nuova gamma di pneumatici da pista

Pirelli ha aggiornato la gamma Diablo con la nuova mescola SCX e misure maggiorate per lo slick Diablo Superbike; innovativo disegno battistrada posteriore e due diverse mescole per il Diablo Rain da bagnato; nuovo Diablo Supercorsa completamente riprogettato

8 febbraio 2019 - 11:00

Dopo un lavoro di sviluppo iniziato nel 2017 e proseguito per tutto il 2018, per il 2019 Pirelli presenta la nuova gamma di pneumatici Diablo 2019 destinati all’utilizzo in pista. L’obiettivo che ha guidato lo sviluppo per le nuove soluzioni è stato quello di aumentare la consistenza di prestazione e, soprattutto per il posteriore, la resistenza meccanica.

L’offerta di pneumatici Diablo di Pirelli è storicamente composta da pneumatici slick Diablo Superbike e da pneumatici intagliati Diablo Supercorsa SC a cui si affiancano i pneumatici specialistici per bagnato Diablo Rain. Nel corso dell’anno anche queste nuove soluzioni verranno regolarmente rese disponibili per l’acquisto a tutti i piloti professionisti, semi-professionisti o semplici appassionati di track-days.

Novità per il 2019

Le novità per la nuova gamma 2019 sono cinque.

Nuove mescole per il Diablo Superbike slick nelle misure standard 200/60 ZR 17 posteriore e 120/70 ZR 17 anteriore.

Nuova soluzione SCX (Extrasoft) in misura 200/65 per il Diablo Superbike slick che utilizza una mescola molto morbida progettata ad hoc per essere sfruttata nel corso del turno di qualifica in preparazione all’utilizzo dell’unico pneumatico da Superpole a disposizione dei piloti, ed eventualmente per la Gara-Sprint (che si chiamerà ufficialmente “Tissot Superpole Race”) del Campionato Mondiale Superbike. Nel corso dell’anno verranno sviluppate diverse soluzioni SCX con l’obiettivo di trovare quella migliore che, entro il termine della stagione agonistica, entrerà a far parte della gamma mescole a disposizione di tutti i motociclisti.

Nuove misure maggiorate Diablo Superbike slick nella sola combinazione 200/65 ZR17 posteriore in mescola SC0 (più morbida) e 125/70 ZR17 anteriore in mescola SC1 (medio-morbida).

Pneumatici Diablo Rain da bagnato con un innovativo disegno battistrada posteriore e disponibili in due diverse mescole in base alle temperature di utilizzo.

Nuovo Diablo Supercorsa SC, pneumatico intagliato giunto alla terza generazione e completamente riprogettato in termini di struttura, profili, disegno battistrada e mescole in funzione di un miglior mantenimento prestazionale.

Diablo Superbike

I Diablo Superbike sono al top della gamma Diablo e sono pneumatici slick NHS (abbreviazione che sta per “Not for Highway Service”), ovvero destinati esclusivamente all’uso in pista e dedicati ai piloti professionisti e amatoriali e agli utenti sportivi che cercano prestazioni al top in circuito.

Disponibili in diverse mescole, sono in grado di far fronte alle diverse tipologie di asfalto e condizioni climatiche che si possono incontrare nei circuiti di tutto il mondo.

I Diablo Superbike sono la massima espressione della tecnologica Pirelli applicata al mondo delle moto stradali, la loro storia e il loro sviluppo è strettamente legato a quello del Campionato Mondiale FIM Superbike in cui vengono utilizzati nella classe WorldSBK fin dalla loro nascita nel 2005 così come accade anche nelle classi Superbike dei campionati nazionali, sia quelli monogomma Pirelli sia quelli in regime di libera concorrenza tra costruttori di pneumatici.

Nello sviluppo dei Diablo Superbike gli ingegneri Pirelli hanno sempre perseguito l’obiettivo di mantenere una struttura del pneumatico di diretta derivazione stradale (non prototipale), sfruttando i vantaggi della geometria del fianco permesso dalla misura da 17 pollici restando così vicini ai desiderata del mercato, ma anche di progettare pneumatici di semplice utilizzo: con la filosofia di approccio adottata da Pirelli infatti non è necessaria una messa a punto delle sospensioni troppo sofisticata per far rendere al meglio gli pneumatici, questo a tutto vantaggio anche dell’utente finale che non necessiterà di particolari set-up per poter utilizzare questi pneumatici progettati su base universale “Plug&Play”.

Nello sviluppo di questi pneumatici, diverso fin da sùbito è stato anche l’approccio al warm-up: una particolarità unica dei pneumatici Pirelli è infatti la velocità in cui entrano in temperatura. Dopo poche curve i Diablo Superbike sono già in grado di essere sfruttati al massimo permettendo ai piloti di spingere forte fin dal primo giro di gara.

Diablo Superbike: le mescole

I Diablo Superbike sono disponibili in 3 mescole anteriori e 4 posteriori, aumentando così l’offerta disponibile.

Mescole anteriori

SC1 (Soft): la nuova mescola della soluzione più morbida all’anteriore è quella della specifica V0952 che è stata l’opzione di riferimento degli ultimi due anni nel Campionato Mondiale Superbike e nello scorso anno in alcuni campionati nazionali di punta come il British Superbike, il CIV, CEV e l’Alpe Adria. Questa mescola è stata sviluppata per offrire maggiore prestazione e precisione di guida oltre ad una maggiore versatilità di utilizzo.

SC2 (Medium): la nuova soluzione media è più robusta e più rapida nei cambi di direzione garantendo inoltre più sostegno e maggior grip al massimo angolo di piega e assorbendo meglio le asperità del tracciato.

Anteriore SC3 (Hard): la nuova mescola della SC3 di gamma offre maggiore precisione e rapidità nei cambi di direzione e un sostegno più elevato rispetto alla precedente mescola di gamma. In generale la SC3 ha uguale o più grip della SC2 ma la capacità di resistere all’usura più delle altre soluzioni.

Mescole posteriori

SCX (Extrasoft) in 200/65: rappresenta la novità assoluta della gamma a disposizione dei piloti del Campionato Mondiale FIM Superbike. Questa soluzione, che utilizza una mescola estremamente morbida, è stata progettata per interporsi tra le prestazioni di una mescola da qualifica ed una morbida da gara.

Sarà quindi possibile utilizzarla come pre-qualifica, al fine di preparare piloti e moto alla sfida del grip offerto dall’unico pneumatico da qualifica messo a disposizione nel turno cronometrato. Potrà inoltre servire nel caso di bandiera rossa per ultimare i giri residui di gara potendo contare su un extra grip rispetto alla mescola scelta per la gara.

Come fine ultimo del progetto, una volta sviluppata adeguatamente, potrà essere una soluzione competitiva per la Gara Sprint di 10 giri della domenica mattina dando uno strumento competitivo in più nelle scelte strategiche di ogni pilota e squadra. Contraddistinta dalla spalla con scritta rossa SCX, questa soluzione potrà essere utilizzata dai piloti anche per la Superpole del sabato.

SC0 (Soft): questa nuova mescola morbida offre maggior spinta all’apertura di gas in uscita di curva, oltre a essere più costante sulla distanza e aumentare il range di utilizzo in condizioni critiche (tipicamente il freddo) mantenendo le stesse prestazioni a caldo della precedente SC0.

SC1 (Medium): la soluzione di durezza media utilizza la specifica X0140 in grado di garantire maggiore costanza di prestazioni soprattutto in termini di grip.

SC2 (Hard): la nuova mescola della SC2 sfrutta la specifica X0639 con la quale Pirelli ha ottenuto il primo e il terzo posto nella classe stock al Bol d’Or. Questa soluzione offre un miglior grip soprattutto in massima piega e in percorrenza di curva e permette una migliore uscita di curva. Inoltre garantisce maggiore costanza sulla distanza ed è una soluzione molto versatile dal punto di vista delle temperature di utilizzo.

In aggiunta, per la Superpole i piloti del Mondiale Superbike e tutti coloro che partecipano a campionati nazionali che prevedono la Superpole, continueranno ad avere a disposizione un pneumatico Supersoft da Superpole in grado di garantire la massima prestazione sul giro lanciato.

Diablo Superbike in misura maggiorata

Come già accaduto nel 2013 con lo storico passaggio da pneumatici da 16,5 a pneumatici da 17 pollici, Pirelli vuole continuare a essere pioniere nello sviluppo dettando le linee guida del futuro. Per questo motivo nel corso del 2018 la casa di pneumatici italiana ha sviluppato e messo a disposizione dei piloti del Campionato Mondiale Superbike alcune soluzioni in misura maggiorata 200/65 posteriore e 125/70 anteriore. Queste misure hanno dimostrato di poter offrire, rispetto alle misure standard, maggiore stabilità e trazione, grazie all’area di appoggio più ampia, oltre a un incremento di consistenza di prestazioni, precisione di traiettoria e sostegno.

Dopo un anno di sviluppo ora Pirelli ha deciso di inserire in gamma, e quindi di rendere disponibili per l’acquisto, le misure maggiorate in mescola SC0 posteriore e SC1 anteriore con l’obiettivo di completare la gamma mescole nel corso del Campionato Mondiale FIM Superbike e del Campionato Mondiale FIM Endurance di quest’anno per poi renderle disponibili sul mercato nel 2020.

Diablo Rain

Le novità non mancano anche per quanto riguarda i pneumatici da utilizzare in caso di pioggia. Nello specifico Pirelli ha lavorato per migliorare le prestazioni del posteriore, ora disponibile nella misura 200/60 ZR 17 e in due diverse mescole.

Il Diablo Rain presenta un nuovo disegno con differente angolazione degli incavi in zona di trazione, che permettono un’usura più omogenea e una maggiore stabilità del battistrada, e degli incavi sulla spalla, che migliorano l’evacuazione dell’acqua e, di conseguenza, il grip in piega e la trazione in uscita di curva. Due le mescole previste:

SCR1: mescola destinata all’utilizzo in caso di freddo (temperature dell’asfalto inferiori ai 15° C) o ad asfalti particolarmente lisci. Rispetto all’altra mescola offre un grip maggiore, a scapito ovviamente della durata.

SCR2: mescola dedicata alle condizioni più calde (temperature dell’asfalto maggiori di 15° C) o ad asfalti particolarmente aggressivi. Questa sarà la soluzione più utilizzata nel caso il circuito fosse in fase di asciugatura.

Nuovo Diablo Supercorsa SC

Il Diablo Supercorsa SC, pneumatico nato nel 2007, è arrivato alla terza generazione ed è stato completamente riprogettato termini di struttura, profili, disegno battistrada e mescole in funzione di un miglior mantenimento prestazionale.

I Pirelli Diablo Supercorsa SC sono pneumatici intagliati destinati all’uso in pista e dedicati ai piloti professionisti e amatoriali e agli utenti sportivi che cercano prestazioni al top in circuito.

Anch’essi sono disponibili in diverse mescole per far fronte alle diverse tipologie di asfalto e condizioni climatiche che si possono incontrare nei circuiti di tutto il mondo ma, a differenza dei Diablo Superbike, non prevedono la mescola SCX né quella SC3.

I Pirelli Diablo Supercorsa sono la massima espressione della tecnologica Pirelli applicata al mondo delle moto stradali. La loro storia e il loro sviluppo sono strettamente legati a quello del Campionato Mondiale FIM Superbike in cui vengono utilizzati nelle classi WorldSSP600, WorldSSP300 fin dalla loro nascita nel 2007 così come nelle rispettive classi dei campionati nazionali.

Criterio di scelta e utilizzo delle mescole

Il criterio di scelta per l’utilizzo di una mescola piuttosto che un’altra si basa su tre parametri, tutti ugualmente importanti: la severità dell’asfalto, la temperatura dell’asfalto e la durata della prestazione richiesta.

Per le mescole anteriori il criterio di utilizzo non è lo stesso che si adotta per la scelta delle mescole posteriori perché oltre alla temperatura e alla severità dell’asfalto è importante considerare la configurazione del tracciato e, soprattutto, lo stile di guida del pilota.

In generale comunque, quando la temperatura del tracciato aumenta la mescola tende a perdere la sua compattezza e rigidità provocando a volte problemi di movimento in fase di piega. In tal caso meglio utilizzare una mescola più rigida come la SC2.

Al contrario quando il tracciato è freddo, la mescola tende a irrigidirsi e questo porta a una penalizzazione per quanto riguarda grip con possibilità di sottosterzo e della stabilità in frenata. In queste condizioni è meglio utilizzare una mescola morbida come la SC1.

La mescola SC3 è invece la più versatile in quanto permette di avere buone prestazioni ed elevata resa chilometrica in tutte le condizioni di asfalto e di pista.

Per quanto riguarda l’utilizzo delle mescole posteriori bisogna tenere conto del fatto che un asfalto caldo perde parte del suo naturale grip meccanico diventando più liscio e scivoloso. In queste condizioni è necessaria una mescola morbida come la SC0, che possa penetrare il più possibile la superficie dell’asfalto.

Un asfalto freddo, al contrario, tende a essere più aggressivo e ruvido offrendo un maggiore grip meccanico che, se da un lato è un vantaggio, dall’altro può provocare strappi e lacerazioni del pneumatico che pertanto necessità di mescole con maggiore resistenza meccanica, come la SC2 o SC3.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Controlli moto dopo l’inverno economici, semplici e rapidi

Yamaha 3CT: il prototipo al Parco Valentino di Torino

12 Honda CB1000R customizzate alla Wheels & Waves 2019