Perché Forza Horizon 5 è ancora il miglior racing game

Robin Grant
26/12/2022

Perché Forza Horizon 5 è ancora il miglior racing game

Uscito nel novembre del 2021, nonostante le numerose novità che si sono susseguite nel corso del 2022, Forza Horizon 5 è l’ultimo capitolo della fortunata serie spin off di Forza Motorsport, questa volta ambientata in Messico con l’open world più grande mai visto sulla saga.

Il gioco ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui Titolo più atteso agli E3 Awards 2021; Racing Game of The Year ai DICE Awards 2022 e i premi Best audio design, Innovation in accessibility e Best sport/racing ai Game Awards del 2021.

Forza Horizon 5: me lo consigli?

parere robin

Già entusiasta di Forza Horizon 4, avevo molte aspettative su Forza Horizon 5 che sono state tutte non solo rispettate, ma anche migliorate. Forza Horizon 5 non è un gioco per tutti gli hardware: pesa oltre 130 GB e richiede una scheda grafica di primo livello, ma comunque si adatta bene su un’ampia gamma di PC. Quello che ogni volta riesce a stupirmi è la capacità del gioco di non guardare solo agli appassionati di motori, che pure possono ritenersi più che contenti vista la possibilità di personalizzare ogni componente tecnica della vettura; ma anche i giocatori della domenica, e quelli amanti dell’avventura. Un mix corretto, che si unisce a una colonna sonora variegata e rilassante e a un’ampia varietà di eventi che rende l’esperienza duratura, ricca e mai noiosa.

L’iperrealismo di Forza Horizon 5

Ci sono foto pubblicate da alcuni utenti su Instagram, provenienti dal gioco, che sembrano foto reali. Questo fa capire il lavoro fatto sul comparto grafico da parte di Playground Games, e che però solo chi ha gaming PC molto potenti, o Xbox Series X, può apprezzare in toto.

Lato mio, ci ho giocato su un Microsoft Surface Laptop Studio con processore Intel i7 di undicesima generazione e scheda grafica dedicata Nvidia RTX 3050 Ti, pensata certo per il video making, il photo editing, la grafica in generale e anche il gaming, ma non certo a livelli altissimi, e infatti io riesco a giocarci bene impostando la qualità fino a “Elevata”, il gradino appena al di sotto di “Estrema”, quella al top.

Comunque, la personalizzazione di Forza Horizon parte proprio da questo, in modo da poter arrivare al maggior numero di utenti, e ho notato che anche giocando con le impostazioni grafiche consigliate dal computer, con la maggior parte dei dettagli a livello medio o basso, il gioco mantiene una qualità e un realismo ben al di sopra la media. Incredibili non tanto le auto, ma i loro dettagli: dai riflessi del vetro, ai danni che aumentano via via che si può salire con la qualità, fino a quello che si intravede dall’esterno, infotainment compreso.

Anche il paesaggio è pressoché perfetto, grazie alla tecnica della fotogrammetria, con qualche elemento sottotono quando l’auto va in offroad, mentre quello su cui forse si può lavorare di più sono gli avatar, che si vede che appunto sono avatar. Ma al momento nessuno riesce ad arrivare a un vero realismo con le persone.

Personalizzazione completa, non solo delle auto

Altro aspetto fondamentale è quello della personalizzazione. In Forza Horizon 5 ci sono notevoli miglioramenti. Naturalmente il giocatore può personalizzare l’automobile in tutto e per tutto, sia nel colore e nelle aerografie, che può creare da solo oppure scegliere una di quelle della community; sia anche nell’assetto e nel comparto tecnico.

È possibile quindi modificare la carrozzeria, i cerchi e i loro colori, aggiungere spoiler e via dicendo, inoltre è possibile aumentare la potenza cambiando ogni componente del motore, scegliendo le gomme più adatte a seconda che si voglia usare l’auto nelle gare su strada, su pista o offroad. Per la prima volta, inoltre, possiamo alzare e abbassare la capote di un’auto cabriolet, come si può fare su BMW Z4 ma anche su Ford Bronco e Jeep Wrangler.

La personalizzazione, però, riguarda anche il proprio avatar, che si può modificare nel colore della pelle, negli occhi e nei capelli, oltre che nel vestiario, molto variegato. Ci sono diverse tute, da quelle più “patriottiche” (io alterno tra quella italiana e quella danese, la mia seconda casa), a quelle legate al mondo del motorsport, comprese le bellissime tute dei piloti del campionato Extreme E.

Ancora, il giocatore può personalizzare i tracciati tramite EventLabs. Non si tratta di una novità assoluta, visto che era presente anche in Forza Horizon 4 con il nome di Super7, ma qui ha un ruolo molto più importante ed è estata notevolmente potenziata. Qualora non fosse convinto di quello proposto dal gioco, può realizzare un suo percorso a tema da condividere con tutti gli altri giocatori, i quali possono provarlo e votarlo.

Il Messico tra storia e motori

Forza Horizon 5 è, come tutti i capitoli della saga, sviluppato da Playground Games e dai Microsoft Studios inglesi, e questo si vede per quanto riguarda l’aspetto “culturale”. Rispetto alla maggior parte degli altri racing games, Forza Horizon 5, come già il 4, approfondisce alcuni aspetti folkloristici del Paese in cui è ambientato, trovando una connessione con i motori.

C’è storia Maya, di cui possiamo ammirare le piramidi e alcuni siti archeologici ispirati a luoghi reali, e del resto tutto l’open world, costituito da 11 binomi diversi, omaggia il paesaggio estremamente variegato della nazione centro-americana, da Tulum alla Baja California, alle sue coloratissime città. Ma c’è anche un intero capitolo, diviso in diverse tappe, dedicato al “Vocho”, nome con cui i messicani si riferiscono al Volkswagen Maggiolino, particolarmente importante nella storia nazionale.

La centralità di vetture come il Ford Bronco, il Land Rover Defender, ma anche la stessa Buggy dal Maggiolino derivata, invece, sono un omaggio alla Baja 1000, la competizione fuoristrada più famosa e complicata al mondo, e in generale al variegato mondo delle corse offroad messicano.

Un incredibile quantità e varietà di eventi

Essendo un festival immaginario, Horizon tiene fede alla sua fama con un numero di eventi ancora superiore rispetto a Forza Horizon 4. Come giocatori, reduci dai successi ottenuti in Scozia, siamo già delle celebrità, chiamati dalla stessa organizzazione a dimostrare le nostre qualità e intrattenere il pubblico. Non a caso, infatti, da molti personaggi siamo chiamati “La Superstar”.

Forza Hoirzon 5 si divide quindi tra le sezioni del festiva, diviso tra corse in strada, fuoristrada e via dicendo, ma anche eventi collaterali, come il recupero di mezzi più o meno antichi, spesso da restaurare, fino allo spin off Hotwheels, che sostituisce il Lego di Forza Horizon 4 e segna un grande ritorno visto che le macchinine Mattel erano presenti anche nel terzo capitolo della serie.

Ancora, ci sono le corse “clandestine”, non a livello di Need for Speed, ma più dimostrazioni tra amici, e tanto altro. Rimangono le stagioni, introdotte su Forza Horizon 4, che vedono quindi eventi esclusivi in base a che siamo in estate, inverno, primavera o estate, ma la differenza è che, vista la maggiore vastità del paese, i cambiamenti meteo non saranno uniformi a tutta la mappa, ma divisi nelle aree, con la neve solo nelle montagne più alte e via dicendo.

Completano poi gli eventi multiplayer, che si possono attivare incontrando altri giocatori, oppure partecipando a raduni che vengono organizzati giornalmente dal server di Forza Horizon a una data ora.

Prezzi e disponibilità

Forza Horizon 4 è sviluppato da Microsoft ed è quindi un’esclusiva dei suoi sistemi. È di disponibile per i PC Windows e le console Xbox One e Xbox Series S/X.

Mercedes-AMG Project One

Il prezzo parte da 69,99 €, ma è incluso nell’abbonamento Xbox o PC Game Pass a 9,99 € al mese (12,99 € / mese per Game Pass Ultimate).

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

google news