E’ davvero spettacolare il Jet Suit di Gravity, una tuta a reazione testata per il soccorso alpino, soprattutto in casi dove le vittime sono in aree isolate e difficili.

Il suo inventore Richard Browning e la sua azienda Gravity Industries hanno dimostrato che potrebbe davvero essere un’opzione valida per portare rapidamente aiuto medico alle vittime in aree remote. Nel Regno Unito, Browning ha simulato un soccorso in montanga raggiungendo in volo un ferito in soli 90 secondi, una frazione del tempo necessario per arrivarci a piedi.

In particolare, in questo video vediamo la “scalata” dell’Helveylln, di 950 m in 3 minuti e 30 secondi, nonostante la scarsa visibilità che avrebbe bloccato un elicottero. L’intervento a piedi del soccorso alpino avrebbe necessitato mediamente più di 70 minuti su un percorso accidentato di quasi 2 km e 670 metri di dislivello.

 

Si tratta di un intervento nel quale un paramedico riesce a raggiungere la vittima per verificarne le condizioni, ed eventualmente stabilizzarla prima di chiamare un elicottero o un altro tipo di mezzo di soccorso.

Quella di Gravity è una tecnologia che consente di raggiungere alcuni pazienti molto più rapidamente di quanto non sia mai stato fatto prima. In molti casi questo allevierebbe le sofferenze dei pazienti ed un alcuni casi, potrebbe salvare loro la vita.

gravity

Il jet pack utilizza microgetti alimentati da carburante o diesel, montati sulle braccia e sulla schiena del pilota, con un display heads-up che mostra dati chiave come la spinta e il carburante rimanente. Il rischio di incendio è minimo perché il carburante non è particolarmente esplosivo o infiammabile, e che rimane relativamente vicino al suolo in caso di guasto meccanico.

Sebbene il test sia stato un successo e, come possiamo vedere nel video, il suo utilizzo è decisamente spettacolare, ci sono ancora diversi punti da perfezionare prima dell’uso definitivo. Al momento il Gravity ha un tempo di volo di soli 5-10 minuti, richiede un addestramento altamente specializzato ma anche una forma fisica sufficiente a sostenere il proprio peso con le braccia. Altro aspetto, il costo: al momento si parla di ben oltre i 400.000 euro per jet suit.

C’è da dire che si tratta di una frazione del prezzo di un elicottero, compresi piloti, carburante e manutenzione, e Gravity sta lavorando per rendere le tute più economiche e facili da usare. Nel frattempo, godiamoci l’impresa della velocissima scalata.

p style=”text-align: center;”>—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram