Aston Martin Rapide E: elettrica in 155 esemplari

In Aston Martin si procede a un buon ritmo nello sviluppo della prima autovettura elettrica di produzione: la Rapide E. Il marchio di lusso britannico ha svelato nuovi dettagli tecnici per questa edizione speciale, limitata a 155 unità.

15 settembre 2018 - 10:10

Aston Martin Rapide E: ormai è certo, arriverà nell’autunno del 2019, in una edizione speciale di soli 155 esemplari. La conferma arriva direttamente da Millbrook, Inghilterra, sede dell’azienda automobilistica.

Uno sviluppo che ha visto il team di ingegneri concentrarsi sulla creazione di un adeguato sistema di raffreddamento per le batterie e il motore, al fine di garantire prestazioni costanti. Ovviamente, sono stati anche fissati esigenti obiettivi di riduzione di peso, utilizzando leghe e composti di carbonio più leggeri. Un lavoro che Aston Martin ha portato avanti in stretta collaborazione con Williams Advanced Engineering (WAE), quale partner di sviluppo.

Aston Martin Rapide E ha una batteria elettrica da 800 V, con una capacità di 65 kWh e più di 5.600 celle agli ioni di litio 18650 di formato cilindrico. Queste celle sono montate in un pacco batterie creato su misura e inserito nel cofano motore, rispettando la posizione originale del motore V12 da 6,0 litri, del cambio e del serbatoio del carburante. Questo sistema di batterie alimenta due motori elettrici, situati nella parte posteriore dell’autovettura, che producono una potenza combinata di oltre 610 cavalli e 950 Nm di coppia massima.

L’autonomia di Aston Martin Rapide E è di circa 320 chilometri, secondo i regolamenti WLTP, sebbene l’autovettura sia in grado di ricaricarsi in un’ora, utilizzando un caricabatterie da 400 V / 50 Kw, e garantire una autonomia di 297 chilometri. Tuttavia il sistema di batteria ad alta tensione da 800 V, che eroga 100 kW o poco più, consente un carica più veloce e quasi 500 chilometri di autonomia in un’ora di ricarica.

Come ogni Aston Martin, la Rapide E è stata sviluppata con l’obiettivo di raggiungere elevate prestazioni. La velocità massima della Rapide E è di 250 km/h, e le accelerazioni fanno segnare due dati interessanti: da 0 a 100 km/h in meno di 4 secondi e da 80 a 110 km/h in soli 1,5 secondi. È importante sottolineare come questi risultati siano stati ottenuti non unicamente quando le batterie erano completamente cariche. E’ fondamentale ottenere le massime prestazioni durante qualsiasi stato di carica della batteria, come ci si aspetterebbe da una autovettura convenzionale con un motore a combustione interna. Questo permette di fare un giro completo del Nürburgring senza alcuna riduzione della capacità della batteria, e far fronte alle richieste giornaliere di ripetute accelerazioni e frenate.

L’esterno di e la carrozzeria sono state aerodinamicamente ottimizzate e completate dalla scelta di nuovi pneumatici. Grazie a Pirelli P-Zero con minor resistenza al rotolamento e riduzione del rumore, la Rapid E punta a raggiungere un livello aerodinamico elevato e a massimizzare aderenza e raffreddamento rispetto allo standard Rapide S.

Un ulteriore obiettivo è stato quello di mantenere e migliorare carattere e potenza del motore Rapide S V12. A tal fine, è stata dedicata particolare attenzione allo sviluppo e messa a punto della motorizzazione elettrica e del telaio, puntando, in particolare, sull’integrazione del software. I due motori elettrici posteriori della Rapide E sono dotati di un differenziale autobloccante, che, combinato con il nuovo assetto di molle e ammortizzatori, garantisce le caratteristiche di guida per le quali la Rapide S è famosa.

Sebbene la Aston Martin Rapide E verrà costruita in pochi esemplari, questa vettura sarà soggetta a rigorosi ed estenuanti test. Il team WAE dovrà lavorare a stretto contatto con lo staff Aston Martin per garantire che ogni aspetto del programma di test del prototipo rispetti le procedure volute e richieste da Aston Martin. Eccezionalmente, i clienti saranno una parte importante e integrante del programma Rapide E, poiché le loro esperienze di guida e i loro commenti, forniranno preziosissime indicazioni che contribuiranno a migliorare le futuri Aston Martin EV.

La Rapide E sarà prodotta nei futuri stabilimenti di St. Athan, che sono stati presentati quali futura “Home of Electrification” per i brand Aston Martin e Lagonda. Aston Martin è sempre più vicina ai suoi clienti attraverso la rete di concessionari e prezzi disponibili su richiesta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volvo Cars Tech Fund investe in UVeye e MDGo

Audi SQ7 TDI: V8 4.0 TDI biturbo da 435 CV

Nuova Nissan Juke arriva il 3 Settembre