Philipp Römers

Philipp Römers ci racconta il nuovo design Audi tra e-tron GT e A6 e-tron

Philipp Römers, responsabile del design di Audi A6 Avant e-tron Concept, ci racconta i cambiamenti e le sfide nel progettare auto elettriche

4 maggio 2022 - 12:00

Quando abbiamo scritto della nuova Audi A6 Avant e-tron Concept, non mentivamo dicendo che ci ha stupiti e colpiti per il suo design completamente nuovo e diverso da quanto Audi ci ha mostrato fino adesso.

Forme sinuose, moderne, che in parte segnano un ritorno al passato, in parte guardano molto avanti in un connubio squisito di forme e proporzioni, di materiali e tecnologie. Abbiamo voluto approfondire, per scoprire il lavoro che c’è dietro la progettazione di questa vettura e, più in generale, di un’auto elettrica. Nonché il lavoro che c’è dietro il nuovo corso stilistico del marchio tedesco. Per questo, Philipp Römers, Responsabile del Design di Audi A6 Avant e-tron Concept, ha accettato di fare una chiacchierata con noi.

QM. Audi A6 Avant e-tron concept è un’auto completamente nuova, diversa dal passato: quali elementi hanno ispirato il design, e cosa vuole rappresentare la vettura?

Audi sta gradualmente ampliando la sua gamma di veicoli elettrici in tutti i segmenti principali. L’Audi A6 e-tron Sportback Concept del 2021 era una bozza di progetto per un’auto elettrica di segmento C a pianale ribassato. Ora abbiamo presentato la versione Avant come il secondo concept di questa famiglia. Il suo stile mostra come in Audi Design immaginiamo lo sviluppo dell’attuale linea della carrozzeria nel segmento C. Ciò che mi piace davvero dell’Audi A6 e-tron Avant concept è che il marchio fa riferimento alla sua eredità di successo: ci sono modelli Avant nella serie dal 1977, una reinterpretazione rivoluzionaria e molto emotiva della classe station wagon. Con l’Avant, le cui linee dinamiche si combinano con un alto grado di variabilità, l’azienda ha letteralmente elaborato un nuovo tipo di vettura. E ora stiamo trasferendo questo linguaggio di design in una nuova era.

Guardando l’anteriore, si nota subito come  l’Audi A6 e-tron concept sia un’Audi a propulsione elettrica. Caratteristica è la grande griglia singleframe rovesciata, delimitata nella parte inferiore da profonde prese d’aria per il raffreddamento di trasmissione, batteria e freni. Anche l’influenza della galleria del vento sul retrotreno è inconfondibile. L’estremità posteriore superiore è sagomata per creare un bordo a strappo aerodinamicamente funzionale e circonferenziale. Lo spoiler posteriore con finiture colorate sottolinea visivamente la silhouette allungata e orientata in orrizontale della A6 Avant e-tron concept, oltre a svolgere anche un lavoro importante con il flusso d’aria per migliorare l’aerodinamica. L’arco del tetto leggermente inclinato all’indietro con il montante D inclinato è una caratteristica tipica del design dei finestrini dell’Audi Avant; il montante D si solleva dalla base stabile della parte posteriore del veicolo in modo particolarmente aerodinamico. Infine, gli accattivanti passaruota quattro accentuano efficacemente la larghezza della carrozzeria.

QM. Come descriveresti il nuovo design Audi in una o due parole? O in poche parole?

In Audi chiamiamo la nostra filosofia stilistica “Aesthetic Intelligence“. Sono due parole che descrivono la sintesi di design all’avanguardia e tecnologia innovativa, ovvero la migliore combinazione possibile di massima estetica e perfetta funzionalità.

QM. Quali sono le difficoltà nel progettare un’auto elettrica? E quali sono le principali differenze nel disegnare un veicolo “tradizionale” e uno elettrico? Ci sono dei vantaggi?

È una domanda interessane e la risposta potrebbe sorprenderti! La cosa più importante da capire è che la base per un buon design sono le proporzioni, e questo vale per tutti i settori del design. Per il settore automobilistico, buone proporzioni significano sbalzi corti e un passo lungo abbinati a una cabina snella su una carrozzeria potente. L’elettromobilità ci offre esattamente queste condizioni perfette, quindi siamo in grado di progettare le auto più attraenti di sempre. Per dirla in parole povere: il cambio di guida ci dà libertà!

Vi dico perché: il centro di potenza visibile non è più il motore. L’azionamento elettrico nella zona degli assali e il blocco batteria nel sottopavimento consentono un design completamente nuovo. L’intero interno acquista leggerezza e funzionalità, offrendo ai clienti uno spazio simile a quello del segmento successivo superiore. In questo modo, otteniamo per le nostre auto elettriche un esterno compatto e un interno spazioso per i nostri clienti.

Ciò che scopriamo è che ci sono idee fondamentalmente diverse nell’industria automobilistica su come dovrebbe essere un’auto elettrica. Ci sono produttori che vogliono differenziare il più possibile i loro modelli elettrici e modelli con motore a combustione. In Audi non la pensiamo così, e anzi abbiamo un design globale per entrambi i mondi. Sappiamo dai nostri clienti che l’ingresso nell’elettromobilità non dovrebbe portare a una rottura, né nell’idoneità quotidiana né nel linguaggio del design.

Sì, è vero, con la mobilità elettrica l’auto è stata radicalmente cambiata nella sua costruzione. Ma allo stesso tempo tutti i veicoli di oggi, indipendentemente dalla guida, sono ancora stati modellati dalla fisionomia del conducente e dal suo compito di guida al cento per cento. Ecco perché un linguaggio di design completamente nuovo per le auto elettriche, almeno per noi, non ha senso. Tuttavia, con la guida autonoma, il cliente rinuncia di tanto in tanto all’attività di guida, così ora può utilizzare questo tempo libero in auto in maniera completamente diversa rispetto a prima. E questo tempo e spazio appena guadagnati per gli occupanti offre a noi designer innumerevoli opportunità per ripensare completamente l’auto dall’interno verso l’esterno. Questa evoluzione cambierà il gioco, sia in termini di tecnologia che di design.

QM. Come si può rendere un’Audi elettrica “emozionante” da un punto di vista del design?

La domanda implica che l’emotività reale e pura sorga attraverso la guida di un veicolo. Dobbiamo guardare le cose al contrario: il design era ed è il motivo di acquisto numero uno per i clienti Audi e quindi svolge un ruolo centrale nello sviluppo di nuovi modelli e, naturalmente, deve suscitare emozioni. Queste si possono rendere visibili e tangibili con due cose: proporzioni estetiche massime, come detto, e cura dei dettagli precisa e senza compromessi.

Come mai? Perché la prima cosa con cui le persone interessate a una vettura entrano in contatto è ancora l’esterno. Deve sorgere subito il desiderio! Lo sappiamo tutti da noi stessi: la prima impressione è decisiva rispetto al fatto che qualcuno rimanga o semplicemente si allontani, ingrandisca il proprio schermo o continui a navigare rapidamente. Idealmente, forma estetica e funzione sono combinate. In particolare con la mobilità elettrica abbiamo bisogno, ad esempio, di sagome snelle che aiutino ad aumentare la portata. Possono essere estremamente attraenti allo stesso tempo, come mostra l’e-tron GT. Inoltre, per l’Audi e-tron GT rompiamo la linea di spalla, la abbassiamo e sottolineiamo con linee morbide i muscoli della silhouette dell’auto nella parte anteriore e posteriore, e quindi tutte e quattro le ruote. Si tratta di un design che ricorda la trazione quattro, che è profondamente ancorato al DNA Audi. Questi tributi al nostro passato sono anche molto emozionanti e mostrano come tradizione e innovazione possano essere combinate bene.

E per la seconda parte della risposta, voglio citare Charles Eames, che una volta disse: „I dettagli non sono i dettagli. Fanno il design”. Il mio dettaglio preferito della nostra Gran Turismo è il muscolo quattro sul retro. Tirare questo muscolo nella lamiera è stata una sfida enorme e ci abbiamo impiegato molto tempo: per tre mesi, abbiamo modellato questo taglio solo insieme ai nostri produttori di utensili. Lo spot è allungato con assoluta precisione, un aspetto incredibilmente emotivo.

Vedi: indipendentemente dalla tecnologia, il linguaggio dell’Audi Design è sempre stato progressista ed estremamente emozionante, quindi con le nostre auto elettriche continuiamo a cercare la soluzione più bella e significativa per i nostri clienti: un design senza tempo e sostenibile che incontra i gusti individuali attraverso un design universale i principi.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kia Soul 2023

Kia Soul 2023: il restyling debutta negli States

La Smart #1 per la Cina ci dice chi produce le sue batterie

Auto elettriche in arrivo

Incentivi auto 2022: come funzionano e come ottenere il bonus