Trovare parcheggio

Come trovare parcheggio facilmente? Ce lo dice la matematica!

Le tre strategie fondamentali per trovare parcheggio facilmente secondo i calcoli matematici fatti da alcuni scienziati.

23 luglio 2021 - 13:00

Trovare parcheggio utilizzando le formule matematiche funziona. E’ questo ciò che ci dice uno studio di due matematici americani che si sono messi di buzzo buono per risolvere uno dei problemi fondamentali della vita moderna, che non può essere sempre risolto scegliendo le utilitarie. Pensateci bene, probabilmente anche voi vi dividete in due categorie: chi preferisce cercare e cercare un posto più vicino possibile alla destinazione, oppure chi preferisce parcheggiare l’automobile più lontano, e fare due passi a piedi? Chi ha ragione? Entrambe e nessuno, come accade in questi casi.

Ma andiamo più nel dettaglio, perchè lo studio di Paul Krapivsky e Sidney Redner, della Boston University e del Santa Fe Institute, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Journal of statistical mechanics. Trovare parcheggio facilmente è un problema di matematica complessa, che tiene conto di una gran moltitudine di fattori, spesso legati alla persona ed al suo umore in quel determinato momento.

Come trovare parcheggio grazie alla matematica

Torniamo alle categorie iniziali, chiedendoci se è il caso di passare più tempo nel cercare un parcheggio vicino alla destinazione oppure parcheggiare rapidamente, ma più distante. In realtà le strategie, o se preferite le opzioni, sono tre, come spiegato nel video qui sotto:

La prima è quella di occupare il primo posto auto disponibile, che viene definita come strategia “remissiva“. Punta tutto sulla rapidità e sul meno stress al volante, e non importa se ci saranno altri posti liberi più vicini al punto in cui andiamo. Al contrario, c’è chi è convinto di trovare posto proprio vicino al punto di arrivo, sperando nel più comodo. In questo caso si parla della “ottimista“: il rischio è di tornare indietro fino al parcheggio libero più vicino. Non è finita, perchè esiste anche la strategia “prudente“, un mix delle due. Si saltano i primi parcheggi disponibili sperando nella disponibilità di un altro posto auto più lontano ma non così vicino alla destinazione. Appena trovato, lo si prende, ma se non lo si trova si torna indietro verso quello che avrebbero preso i “remissivi”.

A questo punto Paul Krapivsky e Sidney Redner hanno utilizzato un computer per analizzare ed effettuare simulazioni. Grazie a questi studi iniziali hanno ottenuto le formule ideali di efficienza e di ottimizzazione per la ricerca del parcheggio. Ebbene, considerando la densità media di parcheggi la strategia prudente pare proprio essere quella vincente: meno tempo speso in automobile e meno tempo in totale per arrivare a destinazione. Seconda classificata la strategia “ottimista”, mentre quella “remissiva” è la meno efficiente: se applicata da tutti, creerebbe troppi parcheggi inutilizzati.

E voi, che tipo di parcheggiatore siete? Quale strategia adottate? Per la cronaca, chi scrive è un “ottimista”, sempre e comunque.

 

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volkswagen Tiguan Allspace 2021

Volkswagen Tiguan Allspace 2021 a partire da 39.500 Euro

Mercedes EQG

Mercedes EQG: la versione completamente elettrica della leggendaria icona off-road

Nissan Micra GPL

Nissan Micra GPL: conviene comprarla?