Honda produrrà auto a guida autonoma di livello 3

Guida autonoma 3 entro Marzo 2021
honda legend honda legend

Tutte le volte che abbiamo parlato di auto a guida autonoma presenti sul mercato, comprese le Tesla con Autopilot, si trattava di livello di guida autonoma 2. In pratica possono aiutare il guidatore con lo sterzo mantenendo in carreggiata la vettura, oppure possono eseguire frenate di emergenza se si verificano particolari condizioni. Non possono però prendere decisioni in maniera autonoma. Honda ha dichiarato che sarà la prima casa costruttrice a passare al livello 3 su auto di serie costruite su larga scala.

Non siamo ancora alla guida autonoma completa, sia chiaro, ma di decisioni che fino ad oggi sono state di esclusiva competenza del guidatore, come ad esempio sorpassare auto più lente. La prima automobile di livello 3 della Honda sarà una versione della berlina Legend, non distribuita in Italia, dotata della funzione Traffic Jam Pilot. A quanto pare dovrebbe arrivare sul mercato non oltre marzo 2021.

Guida autonoma: i 5 livelli SAE e a cosa corrispondono

Il livello 3 è possibile grazie alla certificazione di sicurezza che governo giapponese ha conferito al Traffic Jam Pilot, con il quale è possibile distogliere lo sguardo dalla strada. Honda ha dovuto soddisfare diversi standard di sicurezza, con la promessa di conservare sei mesi di registrazione dei dati di guida automatizzata e un adesivo apposito da apporre sulla vettura per avvisare gli altri utenti della strada.

guida autonoma

C’è da dire che non si tratta della prima auto in assoluto ad offrire la guida autonomia di livello 3. Audi aveva dichiarato che la A8L 2019 avrebbe supportato il livello 3. Progetto momentaneamente accantonato dopo che gli Stati Uniti sono passati da una legislazione a livello federale a quella di singolo Stato.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguirci su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.