A Roma è stata inaugurata la Kia Energy House, il suo primo “brand store” che si trova all’interno dell’Enel X  Store di Corso di Francia 212 e il più grande di tutti quelli inaugurati dall’azienda energetica italiana.

L’operazione di Kia rientra nel suo impegno a fornire infrastrutture di ricarica in Italia e incentivare le auto elettriche.

Kia Energy House: colonnine fino a 350 kW

La Kia Energy House vede al suo interno colonnine di ricarica gestite da Enel X Way. In totale sono 6 punti di ricarica Hyper Charge fino a 350 kW, a cui si aggiungono le WayPole per la ricarica in AC a 22 kW più il WayMedia, il pannello digitale con due WayBox per la ricarica sotto gli 11 kW. Il fatto che sia a 350 kW la rende compatibile con la stessa Kia EV6, che a quella potenza recupera l’80% in 18 minuti, e con le altre vetture elettriche con architettura a 800 volt.

Oltre a questo, la Energy House nasce per far conoscere più da vicino i prodotti di Kia e le soluzioni di Enel, con spazio interno rimodulato a misura dei bisogno dei conducenti. Un luogo si sosta all’insegna della sostenibilità, con materiali naturali e aree verdi che favoriscono il comfort ambientale e l’incremento della biodiversità.

Kia EV6

L’attivazione delle colonnine funziona come su tutte quelle gestite da Enel X Way: tramite l’app Juice Pass (che presto si chiamerà semplicemente Enel X Way), la Card RFID, ma anche tramite app incubatrici come evway e il rispettivo tag, ChargeMap e via dicendo.

Verso l’elettrico

L’operazione di Kia, come detto, rientra nel più ampio piano di cambiamento della gamma, che si farà sempre più elettrica. Infatti entro la fine del 2027 l’azienda coreana prevede di introdurre 14 modelli solo elettrici. Oltre alla Kia EV6 e alla nuova Niro, il grande SUV EV9 e (finalmente) anche un modello “a misura d’Italia”, ovvero una vettura rientrante nel “segmento A” che dovrebbe rappresentare un’alternativa elettrica della Kia Picanto.

—–

Qui il canale  Telegram di Quotidiano Motori. Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche su FacebookTwitterPinterest e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.