Le foto della nuova Lotus Envya elettrica apparse in Cina

Robin Grant
22/11/2022

Le foto della nuova Lotus Envya elettrica apparse in Cina

Dopo il SUV Eletre, arriva la berlina elettrica Lotus Envya. Il cambiamento di Lotus, entrata dal 2017 nel gruppo cinese Geely, porta al secondo modello più “convenzionale”, le cui prime foto sono apparse in Cina.

La berlina sorge sulla piattaforma SEA come la futura Polestar 5, mentre il debutto è previsto per il 2023.

Cosa sappiamo della Lotus Envya

La Lotus Envya è il secondo modello del marchio ad essere sviluppato da Lotus Technology, fondata da Geely e con sede a Wuhan, in Cina, che si occupa di progettare tutte le auto elettriche dell’azienda britannica. Dal momento che, salvo inversioni di tendenza, la Emira è l’ultimo modello endotermico, verosimilmente lo sviluppo di tutte le prossime Lotus avverrà a Wuhan.

Lotus Envya

Le foto mostrate “spiano” la Lotus Envya sulle strade della Cina, e vedono la berlina ad alte prestazioni con un pesante camuffamento. Possiamo però riconoscere le caratteristiche esterne, che denotano una forma aerodinamica e una linea del tetto particolarmente inclinata, che suggeriscono il form factor da coupé.

Lotus Envya

Notiamo anche un posteriore che sembra riprendere il design della Eletre, e per questo Theottle ha pubblicato dei rendering molto verosimili, che mostrano il possibile aspetto della Envya, con molti elementi in comune alla Eletre ma in una carrozzeria più filante, bassa e aerodinamica.

Lotus Envya

Dentro, possiamo vedere che il volante e il cruscotto sono simili a quelli della Eletre. Lato prestazioni non sappiamo nulla, ma potrebbe avere nell’allestimento base due motori elettrici da 612 CV e 710 N/m di coppia, mentre l’allestimento più ricco potrebbe condividere la Eletre i tre motori elettrici e la potenza complessiva di 918 CV.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

google news