Mercedes chiede 1.200 dollari l’anno per avere più accelerazione

Gianluca Pezzi
25/11/2022

Mercedes chiede 1.200 dollari l’anno per avere più accelerazione

Mercedes è l’ultima casa a chiedere un abbonamento a pagamento per migliorare le prestazioni dei propri modelli.  L’opzione aggiuntiva “Acceleration Increase” consente ai clienti di pagare per accedere a prestazioni del motore di cui il veicolo nominalmente è già capace.

In pratica l’abbonamento annuale di 1.200 dollari migliora le prestazioni, aumentando la potenza del 20-24%, incrementando la coppia e riducendo di circa 0,8-0,9 secondi l’accelerazione o-100 km/h in modalità Dynamic.

Ma attenzione, perchè l’abbonamento non prevede aggiornamenti fisici dell’hardware, ma semplicemente lo sblocco di tutte le capacità del veicolo. In altre parole Mercedes ha intenzionalmente limitato le prestazioni sul veicolo nuovo, per venderle successivamente come optional. L’aumento dell’accelerazione è disponibile solo per i modelli di auto elettriche Mercedes-EQ EQE e Mercedes-EQ EQS.

Mercedes EQS SUV
Mercedes EQS SUV

Una mossa che ha fatto storcere il naso a molti, perchè in questo caso non si tratta di offerte specifiche di software che possono essere più o meno usate, come le funzioni di navigazione premium o il monitoraggio remoto del veicolo. La scelta di Mercedes di mettere a pagamento le prestazioni del veicolo fa parte di una tendenza emergente e più odiosa che vede i marchi automobilistici limitare le capacità dell’hardware.

Non solo, perchè a questo punto immaginiamo che a livello contrattuale ci sia anche qualche clausola che limita l’accesso a parti di automobile, siano software o hardware. Perchè è chiaro a questo punto che non sarà lecito per un utente modificare in maniera autonoma il software, come una volta si faceva con la centralina elettronica.

La cosa più sconcertante è che questo tipo di operazione non arrivi da un marchio sconosciuto e magari appena arrivato sul mercato. La richiesta di denaro arriva niente meno che da Mercedes, che ha fatto la storia dell’automobile e che puntualmente ci fa arrivare notizie su investimenti e risultati positivi. Ha davvero bisogno di chiedere 1.200 dollari l’anno ai propri clienti?

Ultimo, a questo punto lo diciamo come consiglio, quanto fate confronti controllando il listino prezzi del nuovo, date un occhio alle opzioni in abbonamento.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram