Mercedes EQS

Nuova Mercedes EQS: arriva l’ammiraglia elettrica con autonomia da 770 km

Mercedes ha presentato la sua ammiraglia elettrica, la nuova EQS, con motori da 333 o 523 CV e autonomia di 770 km, in attesa della più potente da 761 CV.

16 aprile 2021 - 19:00

Dopo EQC ed EQA, i due SUV, il marchio della Stella ha presentato la nuova Mercedes EQS, ammiraglia elettrica che introduce il concetto di “SonderKlasse“, ovvero “una Classe a sé”, che si differenzi dalla Classe S per inaugurare la nuova era a emissioni 0 dell’azienda di Stoccarda. La nuova EQS nasce infatti sull’architettura EVA, e ha valori di autonomia mai visti per una Mercedes, ben superiori alla EQA e alla tanto discussa EQC.

In quanto ammiraglia, la nuova Mercedes EQS porta con sé una grande quantità di innovazioni con cui si inserisce nel settore delle berline ammiraglie completamente alla spina, e soprattutto vuole essere espressione del rinnovato impegno di Mercedes per la riduzione delle emissioni e l’elettrificazione della flotta. La nuova Mercedes EQS debutta inizialmente con due motori, uno da 333 CV e uno da 523, con un pacco batteria che permette fino a 770 km di autonomia. È inoltre tecnologica e connessa, con un livello di guida autonoma che si avvicina al livello 5.

Nuova Mercedes EQS: nuova era anche per il design

Le dimensioni della EQS sono importanti: si parla di 5,21 metri di lunghezza e 3,21 metri di passo, che assicurano grande comfort e abitabilità per ogni passeggero. L’altezza è di circa un metro e mezzo, e la larghezza di 1,92 metri. Lo spazio è quindi assicurato, e non solo per i passeggeri: la nuova Mercedes EQS parte infatti da 610 litri di capacità. La EQS è quindi più corta di 8 centimetri rispetto alla Classe S, con però lo stesso passo. Inoltre, presenta le ruote posteriori sterzanti, che servono a ridurre ulteriormente l’ingombro, quello percepito, perché permettono di ridurre il raggio di sterzata tra marciapiedi a 10,9 metri.

La linea, per il resto, si allinea a quella delle altre vetture della gamma EQ di Mercedes: piuttosto futuristica, anche se in conformità con la tradizione della Stella. Le forme sono sinuose e arrotondate, a partire dal grande frontale, con la calandra e i fari che potremmo definire “enormi” e inglobati in un blocco unico. Calandra ovviamente in nero lucido, e non griglia, visto che in questa vettura non è presente il motore termico.

Di profilo si nota il cofano molto allungato, e l’abitacolo arretrato che crea una coda piccola e corta, che nasconde l’ottima capienza del bagagliaio. La forma elegante è sottolineata dall’arco di tettuccio e finestrini, molto aerodinamico e simmetrico. Molto eleganti i cerchi, con numerosi listelli cromati su sfondo nero, che sembrano quasi fluttuare nel vuoto. Al posteriore, i fari sono piccoli e sottili, con trama a LED intricata, e collegati al centro come vogliono le mode odierne. Grazie alla scelta bicromatica, con carrozzeria bianca e parte alta in nero, l’auto sembra anche più schiacciata e filante di quello che è.

Gli interni sono espressione massima di lusso e tecnologia. Il comfort, come detto già assicurato dal passo allungato, e ampliato dai materiali pregiati. Tutte le superfici sono rivestite in pelle, con effetto pelle Nabuk sui materiali in neoprene grazie al Neatex. È presente poi un sistema di ionizzazione dell’aria con filtro HEPA che garantisce tanta protezione nel filtrare le impurità, ma anche virus e batteri. Tra le possibilità di personalizzazione ci sono anche i programmi “Energizing Coach”, con 3 programmi Nature che abbinano una componente sonora alle funzioni massaggio, ambient lights e clima.

Sulla nuova Mercedes EQS è presente anche una modalità Power Nap, che permette di riposare e dormire in un’area di servizio o mentre l’auto ricarica: questa modalità prevede ottimizzazione dei suoni, massaggi delicati dai sedili, climatizzazione con ricircolo in 3 fasi, per favorire l’addormentarsi, il sonno e il risveglio.

Due motori, in attesa del 761 CV

La nuova Mercedes EQS debutta in due varianti: la “entry level” EQS 450+ con 333 CV e 568 N/m di coppia. La seconda è invece la EQS 850 4Matic, che ha due motori elettrici sugli assi i quali, come indica il nome “4Matic”, assicurano la trazione integrale, 523 CV e 855 N/m di coppia. È prevista, in futuro, anche una Mercedes EQS da ben 761 CV.

Entrambe le configurazioni sono alimentate da una batteria da 107,8 kWh, che, per ora solo in Giappone, ha la possibilità di cedere energia all’abitazione con ricarica bidirezionale. Una tecnologia che, comunque, sarà importata anche in Europa. Le batterie inoltre sono connesse al veicolo, e saranno aggiornate nella gestione via OTA.

L’autonomia massima arriva fino a 770 km su ciclo WLTP, anche se non ci sono dettagli sulle differenze in termini di percorrenza massima concessa sulle due configurazioni. La ricarica va da 10 o 5 ore in AC da 11 o 22 kW, a 31 minuti sfruttando i 200 kW DC. La nuova Mercedes EQS permette di recuperare 300 km in 15 minuti. Inoltre, l’ammiraglia elettrica garantisce accesso alla rete Mercedes meCharge, che dispone di 200.000 punti di ricarica in Europa, e inoltre gli acquirenti godranno di Ionity Unlimited, ovvero un anno di ricariche gratuite sulla rete Ionity.

Sicurezza e tecnologia

In quanto ammiraglia, la nuova Mercedes EQS introduce tutti gli ultimi sistemi tecnologici del marchio della Stella. A partire dal Drive Pilot, il pacchetto di avanzati sistemi ADAS che permette (al netto delle normative dei vari Paesi) la guida autonoma “hands off, eyes off” su alcuni tratti autostradali e in condizioni specifiche. Questa tecnologia funziona nella marcia in colonna, a velocità non superiori a 60 km/h, nel traffico e solo su alcune autostrade selezionate, per ora in Germania. Ad ogni modo, permette al conducente, volendo, di distrarsi e non tenere né mani sul volante né occhi sulla strada, anche se il consiglio, quando sarà permesso anche in Italia, è quello di prestare sempre attenzione.

Oltre a questo, c’è anche l’Automated Valet Parking, ovvero il sistema di parcheggio autonomo, senza nessun passeggero a bordo e nemmeno il conducente, in garage con infrastruttura compatibile e controllando dallo smartphone. Con il ConnectService, la nuova Mercedes EQS sarà in grado di andare da sola dalla barra d’accesso del garage al suo posto nel parcheggio, con possibilità di essere richiamata dal proprietario una volta finita la sosta. Inutile dire, quindi, che la Mercedes EQS include tutti i più classici sistemi ADAS: tra loro è bene segnalare l’Active Lane Change Assist, che effettua da solo il sorpasso e il cambio di corsia quando l’utente attiva l’indicatore di direzione.

Il sistema di infotainment della nuova Mercedes EQS è il già visto MBUX Hyperscreen, che vi invito ad approfondire in questo articolo. Ad ogni modo, il sistema è disponibile sugli allestimenti più alti e ha un unico pannello in vetro e ricurvo, che si estende su tutta la plancia. La soluzione inferiore è il sistema MBUX con schermo verticale da 12,8 pollici, e cluster digitale da 12,3 pollici con la novità Zero Layer, che proporrà all’utente i menu contestuali pertinenti allo scenario di uso dell’auto, riducendo la necessità di navigare tra i menu. Zero Layer, tra l’altro, permette di visionare e scegliere le operazioni di ricarica sul display quando la vettura rileva l’avvicinamento a una stazione di ricarica plug&charge.

Comunque, sulla nuova Mercedes EQS si potranno integrare nuove funzioni anche dopo l’acquisto dell’auto, grazie agli aggiornamenti OTA. I primi saranno dei programmi di guida specifici per conducenti giovani, ma ne arriveranno per il personale di servizio, come le limitazioni di potenza per i servizi valet. L’utente potrà poi comprare contenuti e giochi, utilizzabili sui grandi schermi dell’abitacolo.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nissan Ariya Pole to Pole

Nissan Ariya e-4ORCE in una spedizione dal Polo Nord al Polo Sud.

Mercedes-AMG C 43 4MATIC

Mercedes taglia il 20% dei concessionari per vendere online

IM L7

IM L7: è lei l’elettrica cinese da tenere d’occhio