Mini Cooper 20 anniversario

Mini Cooper 20 anniversario: la storia di un successo inimitabile

Un tour a bordo di una delle prime Mini Cooper rievoca ricordi di due decenni pieni di divertimento di guida.

1 ottobre 2020 - 18:00

Mini Cooper 20 anniversario: 20 anni fa, la Mini è stata presentata per la prima volta al Salone di Parigi. Una storia di successo unica nel settore automobilistico, iniziata con il rilancio del tradizionale marchio del patrimonio britannico sotto l’egida del BMW Group e la presentazione dei modelli Mini One e Mini Cooper.

Come il successore della Mini classica, che ha cessato di essere prodotta solo pochi giorni dopo dopo 41 anni, la seconda generazione ha fornito tutti i presupposti per un’altra rivoluzione nel segmento delle piccole auto. La Mini è stata la prima vettura premium di questa classe. Il suo concetto moderno ha promosso uno sviluppo continuo fino ai giorni nostri, tenendo sempre come punti di riferimento il divertimento di guida, l’efficienza, il comfort, la sicurezza, la connettività e non ultimo la diversità dei modelli.

Un viaggio nel tempo con un primo esemplare della Mini Cooper offre un’opportunità ideale per riscoprire il carattere pionieristico mostrato dalla seconda generazione. L’ambasciatrice dell’originale britannico per il 21° secolo è uscito dalla catena di montaggio nell’ottobre 2001, sei mesi dopo il lancio della produzione nello stabilimento Mini di Oxford.

I tre proprietari precedenti hanno sperimentato il divertimento di guida tipicamente MINI lungo i 175.000 chilometri percorsi da questa Mini. E come ogni Mini, anche questo esemplare ha un nome. Ispirato dalla verniciatura della carrozzeria in Liquid Yellow, che lo ha trasformato in una rarità, questo modello è stato soprannominato “Sunny”. Nel primo anno di vendita della moderna Mini in Germania, solo un veicolo su quindici è stato fornito in questo colore. La combinazione con il tetto e le calotte degli specchietti retrovisori in nero era ancora più rara.

Il via allo sviluppo della seconda generazione della Mini era già stato dato nel luglio 1994. Accanto a dettagli stilistici come gli sbalzi corti, i fari rotondi e la griglia del radiatore esagonale, una priorità assoluta per i progettisti era trasferire l’idea alla base della Mini classica all’era moderna dell’automobile. Allo stesso modo, la Mini moderna doveva essere unica, offrire spazio per quattro persone e un comodo bagagliaio, fornire un’esperienza di viaggio efficiente e generare entusiasmo con caratteristiche di guida non raggiunte da nessun altro modello della sua categoria.

Sono state prese in considerazione anche le aspirazioni contemporanee di comfort e massimi standard di sicurezza. Ancora una volta, è stata creata una nuova e rivoluzionaria vettura di piccole dimensioni, adattata alle esigenze della sua epoca in tutti i criteri, e questa volta sviluppata e prodotta per soddisfare tutti i parametri di qualità di un marchio premium a buon mercato.

La vendita della Mini nel Regno Unito è iniziata il 7 luglio 2001 e il lancio sul mercato in Germania è stato celebrato due mesi dopo. Contemporaneamente, per poter soddisfare le numerose richieste, è stato introdotto per la prima volta un turno di fine settimana presso lo stabilimento Mini di Oxford. Eppure il trionfo globale era appena iniziato. In Giappone, dove la Mini classica aveva un’ampia comunità di fan, anche la seconda generazione ha riscontrato un enorme interesse. Il lancio delle vendite nel mercato giapponese è avvenuto il 2 marzo 2002 perché questa data è pronunciata “MI-NI” in giapponese. Infine, il 22 marzo 2002 è arrivato il turno degli Stati Uniti.

La Mini della seconda generazione ha affascinato i guidatori di tutto il mondo con la sua agile maneggevolezza. Fino ai giorni nostri, “Sunny” non lascia assolutamente dubbi sul fatto che la MINI sia stata progettata per la guida atletica e le curve estreme. Il motore da 85 kW / 115 CV che alimenta la MINI Cooper offre anche un’impressionante capacità di accelerazione. Circa 20 anni fa, questo impressionò anche John Cooper, l’ingegnoso designer di auto sportive che in precedenza aveva preparato la strada alla Mini classica per prendere d’assalto le piste da corsa.

I principi di progettazione elementari della prima generazione erano stati ripresi nella nuova edizione con trazione anteriore e motore a quattro cilindri montato trasversalmente nella parte anteriore. Tuttavia, il divertimento di guida contemporaneo senza rivali nell’ambito sportivo è stato fornito da un assale anteriore MacPherson con semiassi della stessa lunghezza, l’assale posteriore multi-link unico in questo segmento, i freni a disco su tutte e quattro le ruote e la serie antibloccaggio dell’impianto frenante compreso il controllo del freno in curva e la distribuzione elettronica della forza frenante.

Fin dal principio, sono state offerte numerose soluzioni per rendere ogni modello ancora più personale. La diversità e l’aspetto premium degli interni erano il risultato di una vasta gamma di caratteristiche, tra cui sedili e tappezzeria, finiture interne e volanti in molte versioni, insieme a moderne opzioni di equipaggiamento come il climatizzatore automatico, i sedili riscaldati, il tetto panoramico e la navigazione. Il programma di accessori Mini originale comprendeva fari ausiliari, fanali posteriori bianchi, un pacchetto aerodinamico, una gamma di finiture per il tetto, nonché strumenti aggiuntivi e persino un telefono per auto.

Già nel 2003, un motore diesel è stato lanciato nella seconda generazione della MINI, seguito dalla MINI Cabrio l’anno successivo. La terza generazione, lanciata nel 2006, offriva una gamma di modelli ancora più ampia con l’aggiunta della Mini Clubman, Mini Coupé e Mini Roadster. Non molto tempo dopo, il marchio è riuscito a entrare nel segmento delle compatte premium dove oggi la Mini Countryman e la nuova Mini Clubman trasportano il tipico feeling go-kart. Ulteriori clienti e fan sono stati conquistati con la quarta generazione della MINI 5 porte.

L’interno dimostra anche che la reinterpretazione delle caratteristiche del design nella seconda generazione della MINI aveva già posto le basi per il futuro sviluppo tecnologico. Qui “Sunny” esprime il suo stile individuale in particolare con il grande tachimetro al centro del quadro strumenti. Nella Mini di prima generazione, lo strumento posizionato centralmente era stato sostituito da nuovi display dietro il volante con l’introduzione del MK V Mini nel 1985.

Nell’ultima Mini di quarta generazione, velocità, velocità del motore e altre informazioni relative al conducente, le informazioni vengono visualizzate in un moderno quadro strumenti sul piantone dello sterzo – anche in display digitale a seconda del modello. Tuttavia, lo strumento centrale continua ad essere un importante elemento di progettazione e controllo e serve come display di controllo per le funzioni di navigazione, infotainment, telefono e veicolo.

Nel corso di 20 anni, la Mini è diventata notevolmente più matura, ma il suo carattere rimane ancora inimitabile. La fresca tonalità di colore che si adatta perfettamente a “Sunny” ora serve come ritorno al futuro. Infatti, gli accenti di colore giallo caratterizzano la MINI Cooper SE (consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km; consumo di elettricità combinato: 16,8 – 14,8 kWh / 100 km; emissioni di CO2 combinate: 0 g / km) che segna la prossima fase evolutiva dell’originale come il primo modello completamente elettrico del marchio.

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social. Vi invitiamo a seguire Quotidianomotori.com su Google News, ma anche su FlipboardFacebookTwitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nissan Ariya Pole to Pole

Nissan Ariya e-4ORCE in una spedizione dal Polo Nord al Polo Sud.

Mercedes-AMG C 43 4MATIC

Mercedes taglia il 20% dei concessionari per vendere online

tesla Y incendio

Intrappolato su una Tesla Model Y deve rompere il finestrino per scappare dall’incendio