Guidare le auto nel futuro

Guidare le auto nel futuro: smart cities, full electric e condivisione

Come sarà guidare le auto nel futuro?

24 maggio 2020 - 15:00

Guidare le auto nel futuro – Anno 2025. Immaginate una città in cui ci sono meno ingorghi, gli utenti condividono la strada con intelligenza, una città più silenziosa ed eco-responsabile. E ora, in questa città, immaginate un’auto modulare in grado di accogliervi calorosamente in un abitacolo spazioso. Inizia il viaggio nella mobilità del futuro a bordo di Morphoz.

I taxi volanti non hanno preso il posto dei mezzi di trasporto pubblici, i ciclisti non hanno sostituito le biciclette elettriche con hoverboard levitanti, i pedoni non attraversano i viali indossando jet pack (zaini dotati di propulsori).

Siete delusi? Non proprio, perché se la realtà non è esattamente come quella descritta nelle opere di fantascienza degli anni 1980, la mobilità come ce la immaginiamo è entusiasmante almeno quanto i mezzi di trasporto di James Bond e Marty McFly. Ci si sposta con meno gadget high-tech, ma in modo efficace: spostamenti più sereni e più puliti. Città progressivamente sempre più decongestionate, miglior qualità dell’aria, gestione dell’energia globale più smart.

Nel mondo del 2025, la fantasia non ci spinge a sognare gli scenari dei film di fantascienza: in una vita quotidiana fatta di strade intasate, notti troppo brevi e troppe riunioni, sogniamo sonno, efficacia e maggiore libertà.

Renault traccia la mobilità del mondo del 2025 con la sua concept car Morphoz. Un veicolo ecologico e modulare. Un veicolo su misura, che si adatta agli spostamenti quotidiani, ma anche ai viaggi su lunghe percorrenze. Un veicolo personale da condividere, quando non si utilizza. Un veicolo per guidare e lasciarsi guidare. Un veicolo che risponde alla grande varietà di esigenze e attività umane e che incarna tre grandi evoluzioni: la transizione verso il full electric, la trasformazione delle città in smart cities e i nuovi modelli di condivisione.

Guidare le auto nel futuro: mobilità 100% Elettrica

A lungo termine, la maggior parte delle auto sarà elettrica, ma per svolgere un ruolo fondamentale nella transizione energetica, i veicoli a “zero emissioni” non devono trovarsi alla fine della catena: sono e saranno sempre più integrati in un ecosistema elettrico smart, quello delle smart cities. Proprio come nell’isola di Porto Santo, con la sua rete di energia condivisa e, al centro di tutto, le batterie.

Se è da tanto tempo che il Gruppo Renault si adopera per incrementare al massimo la seconda vita delle batterie, con Morphoz dà prova della sua capacità di pensare alla loro valorizzazione in modo ancora più smart: tramite lo sharing, generalizzato. Pertanto, quando il veicolo è fermo, le batterie possono alimentare le apparecchiature domestiche o i dispositivi del quartiere (con la tecnologia V2G – Vehicle to Grid). Possono anche essere immagazzinate nelle stazioni per servire ad altri veicoli o alimentare infrastrutture come le colonnine di ricarica delle biciclette self-service e l’illuminazione pubblica. L’idea è semplice: più si condividono le batterie, meno se ne producono e più si limita la carbon footprint.

Guidare le auto nel futuro: la condivisione

L’economia circolare, in cui il settore automotive svolge un ruolo chiave, incentiva sempre più la condivisione dei veicoli e il car sharing. È su questo trend che si innesta Morphoz: scaccia l’idea secondo cui i veicoli personali sono necessariamente individualistici e promuove, invece, l’utilizzo condiviso.

Morphoz è, in questo senso, un’auto familiare, dove il termine “famiglia” si estende a tutta la comunità e ai vicini di casa. Incrementando al massimo l’utilizzo di ogni singolo veicolo e il numero dei passeggeri, si riduce il numero delle auto che circolano per strada e, quindi, il traffico, proponendo, allo stesso tempo, un’esperienza inedita a bordo con servizi innovativi a forte valore aggiunto.

Con questa concept car si preannuncia la scomparsa delle chiavi e, persino, delle card di accesso e avviamento. Ma anche la normativa che, probabilmente tra breve, imporrà funzioni di condivisione su tutte le autovetture. Tutto passa attraverso lo smartphone che funziona come una chiave digitale, facilitando, peraltro, la condivisione con altre persone: non c’è più bisogno di scambiarsi le chiavi, basta ricevere il codice di sblocco che, una volta attivato su smartphone, consente di aprire e utilizzare il veicolo nell’intervallo di tempo stabilito.

Morphoz ha anche un ruolo di creatore di legami e interazioni: questo ruolo è svolto dall’intelligenza artificiale della concept car che si manifesta tramite lo schermo condiviso situato sulla consolle centrale, tra i sedili. È qui, ad esempio, che i passeggeri possono sfogliare la libreria di brani musicali disponibili a bordo grazie ai propri smartphone o sfidarsi nei videogiochi. Inoltre, è da questo schermo che possono accedere ai comandi di benessere dell’abitacolo mediante i settaggi Multi-sense.

L’intelligenza artificiale non aspetta che i passeggeri creino interazioni per proporne. Ad esempio, suggerisce la playlist per il viaggio a seconda degli stati d’animo e delle preferenze di ognuno. Si adatta alle situazioni partendo da elementi pragmatici (ad esempio, l’agenda dei singoli passeggeri) e individua le opportunità in base a preferenze e gusti.

Guidare le auto nel futuro: Renault Morphoz

Morphoz delinea la visione e l’orientamento futuro di Renault. Un’auto modulare, che ha la capacità di trasformarsi fisicamente a seconda delle esigenze, nella versione corta “City” o lunga “Travel”, con la giusta capacità della batteria.

Nella versione “City”, Renault Morphoz ha una lunghezza di 4,40 metri. Grazie al passo straordinario per la lunghezza, pari a 2,73 metri, può alloggiare senza problema le batterie da 40 kWh di cui è dotata di serie, pur “restando leggera” ed evitando inutili sovraccosti. All’interno, l’abitabilità è degna di quella dei modelli del segmento superiore.

Nella versione “Travel”, Renault Morphoz ha una lunghezza di 4,80 metri. Anche il passo si allunga proporzionalmente, raggiungendo i 2,93 metri, cosicché la trasformazione aumenta sia la capacità di stoccaggio delle batterie che lo spazio interno. Diventa così possibile integrare batterie supplementari da 50 kWh (per una capacità totale di 90 kWh) e offrire ai passeggeri più spazio per le gambe e per due bagagli in più. A questo punto, Renault Morphoz è pronta per affrontare le lunghe percorrenze, tanto più che la trasformazione le permette di ottimizzare l’aerodinamicità, grazie ad un profilo e un muso più affusolati.

Morphoz prefigura la futura famiglia dei modelli elettrici Renault utilizzando la nuova piattaforma modulare denominata CMF-EV. Il motore elettrico installato in questa piattaforma, meno voluminoso del motore termico, permette di assottigliare e far avanzare la plancia, liberando più volume per i vani portaoggetti e più spazio per i passeggeri, in particolare a livello di raggio alle ginocchia al posteriore. L’assenza del tunnel della trasmissione dà anche la possibilità di inserire un pianale piatto per lasciare più spazio alle gambe.

—–

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard. Non esitate ad inviarci le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pickup capovolto

I Pick Up più assurdi di sempre

auto nuova

Le 10 situazioni che capitano quando hai deciso comprare l’auto nuova

Hyundai Bayon

Hyundai Bayon: svelato il nome del nuovo suv che arriverà nel 2021