Risparmio benzina: come farlo guidando, trucchi, consigli

Consigli utili e trucchi su come risparmiare benzina guidando.

14 giugno 2019 - 12:00

Risparmio benzina – Il consumo di benzina delle autovetture è tra i principali fattori tenuti in considerazione dagli automobilisti prima di un nuovo acquisto di un’auto nuova o usata. Ovviamente anche le case sono attente ai consumi, anche nelle auto sportive, come nel caso del nuovo motore M 139 di Mercedes-AMG.

Il consumo di benzina dipende sì dalle prestazioni dell’autovettura, ma anche dello stile di guida del conducente e da altri fattori come la strada che si percorre. A coloro che posseggono un’autovettura particolarmente assetata, potrebbero quindi tornare utili alcuni consigli, che sembrano banali, ma che di fatto non lo sono e possono far risparmiare fino al 30% del carburante guidando. E con i tempi che corrono, non è cosa banale!

Sapete che l’idea di risparmiare carburante è nata negli anni ’70, durante la crisi petrolifera? I tempi erano ancora spensierati per chi amava le due e le quattro ruote. E proprio i motociclisti erano quelli che sapevano come godersi la vita. Se volete fare un salto indietro nei ricordi, oppure scoprire come vivevano la moto i vostri papà, dalla foto qui sotto potete accedere alla mega collezione di
pubblicità moto anni ’70
. Buon divertimento!

 

I consigli per il risparmio benzina

Risparmio benzina con lo stile di guida

Partiamo dalle basi, perchè anche se può apparire scontato, lo stile di guida è un elemento fondamentale per ridurre i consumi di benzina. Con una guida fluida e scorrevole, senza ‘strappi’, evitando brusche frenate e grandi accelerazioni, si può risparmiare fino al 30% di carburante. Funziona, basta fare un minimo di attenzione.

E’ consigliabile dosare il livello delle marce, senza tirarle al massimo evitando di mandare su di giri il motore, ma senza tenere la coppia troppo bassa. In pratica si tratta di guidare più rilassati. Più i giri sono bassi più elevati sono i consumi, ogni marcia va inserita quando il motore è in grado di tenerla al regime corrispondente alla soglia minima di coppia. Quando si cambia troppo presto il motore soffre e il consumo sale.

E’ inoltre utile mettere in moto senza premere troppo sull’acceleratore e sfruttare il freno motore decelerando e sollevando lentamente la frizione dopo aver scalato la marcia. Durante le partenze evitare di ‘sfrizionare’, soprattutto in salita, quando si parte è consigliabile usare il freno a mano. No alle discese in folle poiché c’è sempre un afflusso di carburante ed consumo eccessivo dei freni.

Ridurre la velocità per risparmiare carburante

In linea generale per risparmiare benzina è consigliato mantenere una velocità moderata e costante. Ridurre la velocità di 10 km/h sulle autostrade passando, ad esempio, da 130 a 120 km/h, permette un risparmio fino a cinque litri di benzina su una distanza di 500 km. Limitare, se possibile, l’uso dei finestrini aperti alle alte velocità diminuisce l’attrito della macchina e quindi riduce il consumo di carburante.

Consigli per il risparmio benzina: spegnere il motore

Se la vettura non ha già di serie la funzione Start&Stop, che spegne e riaccende in automatico il motore, è opportuno spegnere il motore manualmente durante le soste di almeno un minuto. Per ridurre ulteriormente i consumi, se il veicolo è fermo e si presuppone che lo sarà per almeno venti secondi, è sempre consigliabile spegnere il motore e riaccenderlo prima della partenza.

Climatizzatore e il risparmio carburante

Il climatizzatore è oramai di serie su tutte le vetture nuove, ma bisogna saperlo usare e dosare in maniera consapevole e responsabile se si vuole che non sia ‘di peso’ al motore della vettura. Il climatizzatore può influire in maniera pesante sul consumo della benzina arrivando fino al 10% in autostrada e al 25% in città. Se proprio non se ne può fare a meno, è buona abitudine cambiare spesso i filtri del condizionatore, un filtro efficiente raffredda l’auto in minor tempo.

Utilizzo dei dispositivi elettronici

Limitare alla reale necessità l’uso dei dispositivi elettronici di serie, e quelli aggiuntivi, tipo il caricatore per lo smartphone, aiuta l’efficienza dell’auto. Ovviamente non sono loro a consumare la benzina, ma vanno lo stesso ad incidere sui consumi e sull’efficienza della vettura assorbendo una notevole quantità di corrente.

La pressione pneumatici

Una pressione dei pneumatici inferiore a quella indicata dal costruttore del veicolo o, in alternativa delle gomme, può determinare, oltre ad una serie di rischi, anche maggiori consumi di carburante. Una pressione inferiore di soli 0,5 bar rispetto a quanto indicato può aumentare i consumi del 2,4%. Questo accade perché le ruote sgonfie aumentano la resistenza al rotolamento, inoltre, a queste condizioni lo pneumatico è soggetto ad un’usura più rapida e al cambiamento delle sue prestazioni, elementi che possono, anch’essi, incidere sui consumi. In commercio, per ovviare a questo problema, esistono i cosiddetti pneumatici fuel saver a bassa resistenza al rotolamento che, grazie ad una speciale mescola, minimizzano l’attrito con l’asfalto riducendo il consumo.

Condizioni del veicolo

E’ buona regola far controllare regolarmente le condizioni del proprio veicolo, una costante manutenzione è importante per consumare meno. Controllare con frequenza il livello dell’olio motore e la pulizia dei filtri, sia dell’aria che dell’olio, migliora l’efficienza del mezzo.

Carichi

Non sovraccaricare la vettura evitando pesi inutili. Ogni chilogrammo in più trasportato determina un aumento del consumo della benzina. L’utilizzo di box, rimorchi o portapacchi è consigliato, a patto che ci si ricordi di rimuoverlo dopo l’uso. Quando arrivate a destinazione è quindi consigliato smontarlo. Anche se vuoti, questi dispositivi influiscono sempre e comunque sull’aerodinamica della vettura. In generale, evitate sempre di superare la massa massima complessiva del veicolo indicata nel libretto di circolazione.

False promesse e bufale

Attenzione alle bufale. Fate attenzione a strani dispositivi, magneti, liquidi speciali e additivi che millantano false proprietà per il risparmio di benzina. La falsità e la malafede è sempre in agguato quindi, facciamo attenzione. E ricordate che le uniche vetture che non consumano benzina sono solo le auto elettriche.

 

I consigli per risparmiare denaro

Ok, state pensando di cambiare auto. Perchè non provare a dare un occhio alle vetture a GPL? Qui l’elenco completo e le auto a GPL che consumano meno.

 

 

SEGUICI SU:
Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

Iscriviti a DAZN: il primo mese è gratis!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

14 cose che capitano quando hai l’auto nuova

10 controlli auto prima di partire

Mercedes-AMG GT3: un missile su quattro ruote