Seat el-Born

Seat el-Born: una Leon che diventa elettrica a Ginevra 2019

Una berlina elettrica che garantirà autonomia in tutti i sensi

6 marzo 2019 - 15:45

Guardando la Seat el-Born, ci tornano in mente per alcune dinamiche la Seat Leon, sebbene si distingua per linee più marcate. E se ad occhio si avvicina ai 4,28 metri di lunghezza questo connubio potrebbe darci ragione. Il suo nome è Seat el-Born ed è 100% elettrica, la prima, basata sulla piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen. Una concept car che prende il nome da uno dei quartieri più iconici di Barcellona. Progettata e sviluppata proprio nella capitale catalana verrà prodotta nello stabilimento di Zwickau, in Germania. E il lancio sul mercato della vettura è previsto per il 2020.

Anche Seat si accoda al passaggio verso la mobilità green, definito dalla casa, necessario per evolversi in un futuro che rispetti l’ambiente. Questa concept car non solo promessa di un’elettrificazione pratica, ma anche dell’integrazione di altre tecnologie quali guida autonoma a supporto del guidatore, nonché di numerosi sistemi di assistenza.

Seat el-Born, il design

La Seat el-Born è progettata per la guida e gioca molto sull’aerodinamica. Si bilancia l’estetica con la ricerca delle prestazioni che sono rivolte ad incrementare al massimo l’autonomia della vettura. In tal senso il logo Seat sul frontale è a filo con la carrozzeria, poiché la griglia per il raffreddamento del motore non è più necessaria. Le prese d’aria per il raffreddamento, posizionate in basso nella parte anteriore del veicolo, convogliano l’aria verso il pacco batteria ottimizzando quindi il flusso d’aria sopra il frontale.

Nella parte posteriore della vettura della casa di Martorell, uno spoiler a due elementi contribuisce alle prestazioni aerodinamiche della SEAT el-Born favorendo la regolarità del flusso d’aria e riducendo al minimo le turbolenze, oltre ad enfatizzare ulteriormente le doti dinamiche e prestazionali del veicolo.

Com’è all’interno la Seat el-Born

All’interno, grazie al propulsore esclusivamente elettrico, lo spazio è sfruttato al massimo offrendo un’esperienza assolutamente inedita. L’abitacolo scolpito regala una sensazione di fluttuante leggerezza, oltre a essere tecnologicamente all’avanguardia, con l’integrazione del cruscotto digitale, uno schermo da 10” per connettività e infotainment incastonato al centro della plancia. Tanto spazio per tutti i passeggeri e spazio anche per i bagagli.

Le performance di Seat el-Born

Con una potenza che raggiunge i 204 CV (150 kW), la vettura vanta un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 7,5 secondi e possiede quindi tutti i requisiti per affrontare qualsiasi situazione di guida. E non è tutto. Con un’autonomia in condizioni reali che può raggiungere i 420 km nel ciclo di guida WLTP grazie ai 62 kWh forniti dal pacco batteria ad alta densità energetica, Seat el-Born è in grado di arrivare a garantire al conducente percorsi importanti. Inoltre, poiché la batteria è compatibile per la ricarica rapida fino a 100 kW in corrente continua, sono sufficienti 47 minuti perché il livello di carica passi da 0 all’80%.

La Seat el-Born si avvale di sistemi di guida autonoma di Livello 2, che corrispondono all’automazione parziale del veicolo, in grado di intervenire su sterzo, acceleratore e freno. il sistema di assistenza al parcheggio intelligente fa da companatico ad una Seat che diventa una concept car decisamente all’avanguardia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mercedes EQC

Mercedes EQC: il SUV crossover elettrico

Kia ElectrificationMatters Auto Elettrica KIA ecobonus lombardia

Kia ElectrificationMatters: l’hub in collaborazione con Time

Seat Tarraco

Seat Tarraco: dettagli e listino prezzi Italia