Dalla Spagna l’auto elettrica che si ripiega in parcheggio di un metro

Gianluca Pezzi
16/12/2022

Si chiama Lakota l’auto elettrica pieghevole di NTD Energy che quando non la usi si accorcia di ben un metro. Un’idea che arriva dalla Spagna, con un progetto che rientra nell’ambito del Future Fast Forward guidato da Seat ed approvato dal Ministero dell’Industria iberico.

L’idea arriva da lontano, con i primi prototipi apparsi nei Paesi Baschi nel 2012, con il progetto Hiriko. Si basavano su un altro progetto dei ricercatori del MIT Media Lab che aveva come obiettivo di soddisfare le esigenze di centri urbani sempre più congestionati e con problemi di parcheggio.

citycar pieghevoleAll’interno dello stesso progetto, il team del MIT aveva ideato una tecnologia per ruotare il veicolo sul proprio asse per poter parcheggiare lateralmente o cambiare corsia in maniera diretta.

Ora si passa alla fase della messa in produzione e vendita del Lakota, con la previsione di produrre 1.200 veicoli elettrici nel 2023, per arrivare a pieno regime nel 2026 con 6.000 unità all’anno. Si stima inoltre che in questa prima fase verranno creati tra i 90 e i 100 posti di lavoro nella zona della Navarra.

Com’è il Lakota di NTD Energy?

Si tratta di un due posti secchi, come sulla Smart ForTwo, e per risparmiare spazio si entra dal portellone frontale. Con una carrozzeria di 580 kg, in parte realizzata in canapa, la sua velocità massima è limitata a 90 km/h in città. Secondo NTD, la ricarica rapida dell’auto richiede solo 15 minuti dal 20% al 100%, mentre la ricarica lenta richiede in genere dalle tre alle sei ore.

LAKOTa interni

L’integrazione di quattro moduli consente alla piattaforma di ruotare da sola grazie alle manovre di “Omnisteering”, rendendola l’unico veicolo che non richiede la retromarcia per le manovre. Sono inoltre possibili spostamenti laterali fino a 60°, che aumentano la manovrabilità del veicolo in città.

Il punto di forza è comunque la possibilità di ridurre la lunghezza complessiva fino alla metà. Ideale per ridurre l’ingombro in caso di stoccaggio o di lunghe soste.

Dedicato alle flotte, ma anche ai privati

Grazie alle sue caratteristiche, l’azienda prevede che l’auto a due posti possa un veicolo ideale per il noleggio, tramite car sharing. Potrebbe essere un mezzo per i clienti di hotel, per muoversi comodamente in città. Gli utilizzatori potrebbero comunque avere sconti sul noleggio se accetteranno di trasmettere pubblicità sullo schermo che compare sul retro dell’auto quando si ripiega.

—–

Vi invitiamo a seguirci su Google News su Flipboard, ma anche sui social come FacebookTwitter, PinterestInstagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre esperienze commentando i nostri articoli.

telegram