Suzuki hustler

Suzuki, cinque anteprime mondiali al Tokyo Motor Show

Waku Spo, Hanare, Hustler e Every, le novità Suzuki targate 2020.

22 ottobre 2019 - 17:00

Suzuki, che nel 2020 festeggerà il suo 100° anniversario, si presenta al Salone di Tokyo (in programma dal 24 ottobre al 4 novembre prossimi) con cinque anteprime mondiali ed in totale con diciannove automobili.

Suzuki 2020: uno sguardo verso il futuro

Nell’ampio stand allestito per il Tokyo Motor Show, Suzuki offrirà al pubblico e agli addetti ai lavori importanti indicazioni circa la sua visione di mobilità per prossimo futuro e le tecnologie che sono in avanzata fase di sviluppo.

Al Tokyo Big Sight si potranno ammirare grandi novità sia Auto che Moto e Marine.

Suzuki WAKU SPO al Tokyo Motor Show

WAKU SPO è il prototipo di segmento A con motorizzazione ibrida plug-in (PHEV) e una carrozzeria trasformabile, pensata per venire incontro alle varie necessità di trasporto di una famiglia. L’idea dei progettisti è che l’auto possa essere condivisa da tutti i membri del nucleo familiare, come filante tre volumi oppure come pratica wagon.

Gli utenti hanno l’opportunità di modificare anche l’aspetto della mascherina e il layout della plancia, dominata da uno stuolo di schermi digitali.

Suzuki HANARE al Tokyo Motor Show

La concept HANARE è molto più di una semplice monovolume elettrica: è una stanza mobile a guida autonoma, all’interno della quale i passeggeri possono sfruttare a piacimento il tempo durante gli spostamenti, nel massimo comfort. La parola hanare, d’altro canto, esprime in giapponese un concetto simile a quello di dépendance, una costruzione separata dal corpo principale di una residenza.

Prefigurando il mondo futuro, in cui l’automazione e l’intelligenza artificiale (AI) avranno un ruolo chiave nel definire le modalità di trasporto, HANARE mette al centro del suo progetto l’utente, i suoi desideri e il suo benessere, dandogli la possibilità di rilassarsi o lavorare in un ambiente connesso.

Suzuki HUSTLER Concept al Tokyo Motor Show

Suzuki propone in occasione del Salone di Tokyo due nuove interpretazioni della Hustler, crossover ultracompatta che raccoglie un forte successo nel mercato interno giapponese.

La prima variante assume un’inedita veste divertente, con particolari accessori che permettono di personalizzare la linea conciliando stile e funzionalità e di rendere più gradevole l’uso quotidiano così come i viaggi nel tempo libero.

La seconda variante mette l’accento su alcune caratteristiche tipiche del progetto Hustler, sempre colorato e raffinato, scanzonato ed emozionante, enfatizzando aspetti quali la robustezza e la forza. Ciò avviene attraverso dettagli quali un massiccio portapacchi e con il ricorso a nuovi colori, sticker e wrapping del tetto, che danno al look un tocco modaiolo e giocoso.

Suzuki EVERY al Tokyo Motor Show

Al Salone giapponese espone anche una sorta di nursery su quattro ruote. La proposta è sviluppata sulla base del mini commerciale Every, in collaborazione con Combi, azienda attiva nel settore dei prodotti per l’infanzia e della puericultura.

Nella dotazione spicca un fasciatoio per il cambio dei pannolini e a bordo c’è anche tutto lo spazio necessario per l’eventuale allattamento. Il mezzo è dunque un punto d’appoggio ideale per gestire i bambini più piccoli durante le manifestazioni pubbliche, in condizioni meteo avverse e in tutti i casi di emergenza.

Per nessuno di questi mezzi è al momento pianificata la commercializzazione in Europa.

Nello stand saranno inoltre presenti i modelli XBEE, Solio Bandit, Escudo (nome per il mercato giapponese di VITARA), JIMNY Sierra (in Italia semplicemente JIMNY), SWIFT Sport e S-CROSS, oltre alle minicar Spacia Gear, Spacia Custom, JIMNY, Alto, WagonR e Super Carry.

 

SEGUICI SU:
Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram /// Flipboard

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche usate: gli affari migliori di Marzo 2020

miglior monopattino elettrico Hyundai

Offerte Miglior monopattino elettrico Marzo 2020: come scegliere

parchimetro

L’ausiliario in borghese può fare multe per divieto di sosta