La Tesla artigianale russa è una LADA 2109 Cybertruck

Mario Roth
28/12/2019

L’hanno battezzata Lada 2109 Cybertruck: vi ricordate il video che abbiamo postato la scorsa settimana con una Tesla Cybertruck fatta in casa, che viaggiava sulle strade di Mosca?

Mistero svelato in questi giorni. Si tratta appunto di una Lada 2019 a 5 porte, ovvero la Lada 2109 Cybertruck che è stata la protagonista di una simpatica. In sole 24 ore il team “Cannon Garage”, con un budget di 30.000 rubli (430 euro), doveva studiare come mettere su strada una vettura completamente artigianale, ma perfettamente marciante.

[embedcontent src=”youtube” url=”https://youtu.be/kFrqIrCYOlM”]

Conosciamo bene la Lada 2109, ovvero la versione “moderna” della Fiat 124, sostanzialmente invariata tra il 1987 ed il 2005. Sotto al cofano un motore a benzina, ebbene si, da 1,5 litri con potenza di 78 cavalli, ovviamente a trazione anteriore.

I tre ragazzi hanno passato la prima ora a discutere del progetto, arrivando alla conclusione che le proporzioni sarebbero state  diverse rispetto al Cybertruck di Elon Musk. Il team ha deciso di rimuovere il tetto della Lada e di costruire il resto del corpo con acciaio e plexiglass. I ragazzi hanno deciso di dare alla macchina nuove sospensioni e coprimozzi con simbolo Tesla.

Lada 2109 Cybertruck

Per mantenere l’aspetto da “Cybertruck”, sono dovuti arrivare ad un compromesso piuttosto spiacevole: l’unico modo per entrare o uscire dalla Lada 2109 Cybertruck russa è attraverso l’apertura del portellone posteriore. Almeno sul Generale Lee si passava dai finestrini. Alla fine, il progetto è stato completato in 8 giorni e, secondo quanto è emerso, ha rispettato il budget iniziale.

Ultimo, la Lada 2109 Cybertruck è in vendita: chi di voi non sogna di accaparrarsela?

Lada 2109 Cybertruck

—–

Per ricevere tutte le notizie ed i consigli utili sul mondo auto, moto e della mobilità sostenibili, vi invitiamo ad iscrivervi gratis al canale QuotidianoMotori di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Quotidianomotori su Facebook, Twitter, Instagram e Flipboard.

Non esitate a condividere le vostre opinioni e le vostre segnalazioni commentando i nostri post.

telegram