via transportation

Exor investe in Via Transportation, rivale di Uber

Via Transportation: alla base ci sono i dati

1 aprile 2020 - 11:05

Exor ha investito 200 milioni di dollari in Via Transportation, società di New York specializzata in ride sharing.

Rispetto ad Uber, Via Transportation è un nome poco noto in Europa, anche se è già presente a Berlino, Londra ed Amsterdam. L’approccio non è quello classico dell’auto con autista, ma punta ad integrare i sistemi privati con quelli pubblici.

Per chi decide di condividere un tragitto, l’algoritmo di Via abbina più passeggeri nella stessa direzione e li prenota su una sola automobile. Per semplificare il tragitto, le corse condivise non arrivano con precisione a destinazione ma all’interno di un’area, richiedendo ai passeggeri di raggiungere a piedi un punto di raccolta vicino, indicato sull’app. In alcune città è comunque offerta la possibilità di avere corse private, nonché il servizio porta a porta.

Via Transportation ha già stipulato diversi accordi con le aziende di trasporto pubblico a Los Angeles e Seattle, ma anche a Berlino, Londra, Singapore ed in Australia.

Con questo investimento, Exor acquisirà l’8,87% di Via Transportation, con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo di una tecnologia solida e efficace, con soluzioni innovative per un futuro più sostenibile. La “vision” di Via è infatti creare sistemi di mobilità pubblica dinamici e basati sui dati, capaci di offrire ovunque servizi di trasporto equi e efficienti.

Volete sapere cosa significa e che differenza c’è tra Ride-Hailing, Ride-Sharing e Car SharingPer saperne di più clicca qui >>>

 

SEGUICI SU:
Facebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tazzari Defender Electric

Tazzari Defender Electric: Il fuoristrada inglese elettrificato (e italianizzato)

BMW Serie 6 Gran Turismo 2020

BMW Serie 6 Gran Turismo 2020: design, interni e motori

Mercedes Classe E 2020

Mercedes Classe E 2020: coupé e cabrio, motori, interni e dotazioni